Storie

di Nathan Algren

Iran: la stretta di Teheran sulle religioni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La repressione di Teheran contro le minoranze religiose - e la società civile, a un anno dall’ascesa alla presidenza dell’ultraconservatore Ebrahim Raisi - ha subito di recente una ulteriore stretta, culminata in una ondata di arresti contro i seguaci di Mīrzā Ḥusain ‛Ali Nūrī (meglio noto come Bahá‘u’lláh) per presunti “legami” con un “centro in Israele” e per “proselitismo in scuole e asili”. Il ministero iraniano dell’Intelligence ha confermato la notizia rilanciata da agenzie di stampa e siti attivisti all’estero, senza però specificare il numero delle persone coinvolte e il momento in cui sono avvenuti gli arresti.

Già a giugno e ai primi di luglio i Bahai, oggetto di molestie e persecuzioni sin dalla fondazione della Repubblica islamica nel 1979, avevano denunciato decine di arresti fra i fedeli, oltre a perquisizioni e raid nelle case. Tuttavia, la repressione ha raggiunto il picco il 31 luglio scorso quando le autorità hanno compiuto numerosi arresti, dopo aver fatto irruzione e perquisito almeno 52 fra case e attività commerciali in tutto il Paese.

Diane Alai, esponente della Bahai International Community (Bic), ha detto all’Afp che fra i fermati vi sono personalità di primo piano come Mahvash Sabet, Fariba Kamalabadi e Afif Naemi, già in passato costrette a un decennio di galera per aver fatto parte del gruppo Yaran. L’attivista parla di “mossa oltraggiosa” in un quadro di “escalation”, alimentata da una “campagna di incitamento all’odio” sui media filo-governativi. James Samimi Farr, portavoce Bahai negli Stati Uniti, aggiunge che è in atto una “persecuzione” verso la comunità, all’interno del quale le autorità stanno “testando fino a punto possono spingersi contro di noi”. Per il ministero gli arrestati erano parte di un gruppo che spiava per Israele e si adoperava per diffondere illegalmente la religione, infiltrandosi anche negli ambienti scolastici a tutti i livelli.

La Costituzione iraniana riconosce alcune fedi fra cui cristiani, ebrei e zoroastriani, ma considera fuorilegge rappresentanti di altri culti fra cui i Bahai, stimati in circa 300mila in tutto il Paese su un totale di circa 84 milioni di persone. A giugno nella città meridionale di Shiraz un tribunale della Rivoluzione avrebbe condannato 26 fedeli a pene variabili da due a cinque anni di prigione per “cospirazione”.

Intanto un rapporto di Iran Human Rights Documentation Center (Ihrdc), ong con base negli Stati Uniti, denuncia una “campagna di disinformazione” per giustificare “accuse prive di fondamento” contro membri delle minoranze, fra i quali vi sarebbero anche cristiani convertiti dall’islam. Fra le accuse utilizzate dai vertici della Repubblica islamica per colpire, spiega il documento, vi sarebbe quella di “legami con nazioni straniere” per promuovere “discordia e divisioni” all’interno della società. Nel mirino ebrei, sunniti, sufi, cristiani convertiti e gli stessi Bahai.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/08/2022
0102/2023
San Severo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Hadjadj a Verona per un pensiero fecondo

Essere genitori, in definitiva, è farsi simili all’amore. E “per amore”, conclude Hadjadj, “significa “senza perché”, senza altra ragione estranea all’amore stesso. Per chi è fuori sembra un’assurdità. Per chi è dentro appare come una grazia”.

Leggi tutto

Storie

L’Ungheria del dopo voto raccontata da chi la conosce vermente

Un lettore marito di una donna ungherese racconta dal suo privilegiato punto di vista sui magiari l’elezione di domenica

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco incontra la diocesi di Roma

Papa - Parlando questa mattina in Aula Paolo VI alla diocesi di Roma, Papa Francesco ha rivolto un forte incoraggiamento a seguire la voce dello Spirito Santo che non conosce confini, ad ascoltare ciascun appartenente all’unico popolo di Dio e anche quanti vivono ai margini della comunità.

Leggi tutto

Storie

Arrestati 34 pusher con il reddito di cittadinanza

Spacciatori ma con il reddito di cittadinanza. È quanto emerso dal blitz antidroga che ha portato all’arresto di 58 persone a seguito dell’operazione antidroga dei carabinieri della compagnia “San Lorenzo” nel quartiere Sperone di Palermo.

Leggi tutto

Società

Africa: in crescita le spese militari

Le spese militari stanno indebolendo la capacità dei responsabili politici locali di effettuare investimenti pubblici in infrastrutture vitali per lo sviluppo economico e il miglioramento delle condizioni di vita delle loro popolazioni. Questo a sua volta genera malcontento e frustrazione specie tra i giovani, alcuni dei quali vanno ad alimentare i gruppi di guerriglia che operano nella regione.

Leggi tutto

Chiesa

L’uomo concreto libera la società

È un grande dono cercare le vie di una crescita a partire da ciascuno. Ecco che allora ci si può avvedere più chiaramente di certi problemi che ostacolano anche per esempio una più autentica democrazia. La cultura imperante fondata su un’astratta ragione lascia ai margini un’anima allora disincarnata, un resto emozionale-pratico dell’uomo e lo Spirito in cui esiste e cresce.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano