Storie

di Nathan Algren

A supporto della popolazione di Beirut

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il 4 agosto del 2020 l’esplosione del porto di Beirut ha devastato il 40% della città, causando oltre 200 morti e più di 6000 feriti. Ha lasciato senza casa 300.000 persone e ha distrutto 163 scuole impattando il percorso educativo di oltre 85.000 studenti. Sono passati due anni dalla tragedia e la situazione è peggiorata ancor di più, causa Covid e guerra in Ucraina che ha avuto ripercussioni pesanti dal punto di vista alimentare.

Ricordando questi tragici avvenimenti di due anni fa, Terre des Hommes Italia, che è presente in Libano dal 2006, ha voluto ricordare le gravissime difficoltà in cui si trova il Paese, ma anche condividere un ulteriore passo avanti nella ricostruzione di alcune aree del quartiere Karantina, adiacente al porto e fortemente danneggiato dall’esplosione del 2020.


Proprio in questi giorni, infatti, è stato inaugurato un nuovo spazio comunitario totalmente ristrutturato, che accoglierà attività per bambini e bambine e per le loro famiglie, ma sarà anche a disposizione della cittadinanza e del municipio di Beirut per eventi ed incontri pubblici.
La ristrutturazione si inserisce all’interno del progetto finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, che ha permesso a Terre des Hommes, grazie alla collaborazione con i partner locali Katalytic Action, Borderless e HOOPs, non solo di rinnovare lo spazio ma di essere a fianco della comunità. 618 bambini hanno ricevuto contributi in denaro per frequentare la scuola, mentre abbiamo distribuito kit scolastici a 815 bambini e 548 hanno ricevuto un sostegno psicosociale personalizzato. Inoltre, 380 genitori sono stati coinvolti in attività di supporto genitoriale, 503 tra essi hanno ricevuto consulenza individuali e 60 sono riusciti a completare percorsi di alfabetizzazione per adulti.
Questo intervento segue all’aiuto emergenziale fornito all’indomani dell’esplosione, con distribuzione di kit igienici per mamme e bambini/e e di dispositivi di protezione individuale anti Covid, ma anche attività ricreative e psicosociali e al recupero di un parco giochi, che ha coinvolto anche i giovani abitanti del quartiere in un percorso di co-progettazione, e che oggi è di nuovo un luogo sicuro per il gioco e la crescita di bambini e bambine.

“Il ricordo dell’esplosione di 2 anni fa è ancora vivo nella mente della popolazione di Beirut, indubbiamente le vittime più fragili sono i bambini e le bambine che hanno subito e tuttora soffrono pesanti traumi psicologici.” Afferma Ilaria Masieri, Desk Officer di Terre des Hommes per il Libano “Lo staff di Terre des Hommes è al fianco delle famiglie più vulnerabili dal primo giorno dopo l’esplosione e continueremo a dare tutto il supporto necessario per ritornare alla normalità. Vedere il parco giochi di nuovo frequentato dai ragazzi, e questo nuovo spazio riaperto e rinnovato per tutta la comunità è un segnale di speranza che si è concretizzato grazie alla preziosa collaborazione tra la Municipalità, i partner locali e tutta la comunità di Karantina, nonché grazie al sostegno indispensabile dell’AICS.”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/08/2022
1208/2022
Ss Macario e Giuliano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La proposta del PDF, il reddito di maternità

Noi facciamo politica per cambiare concretamente la vita delle persone e per dare un pugno al piano inclinato che vede le normative orientarsi tutte contro i diritti della famiglia naturale. Essere militanti del Popolo della Famiglia, essere sostenitori di questo progetto, significa battersi per dare alle donne la piena libertà di scelta: il reddito di maternità è questo, una fondamentale battaglia per la libertà della donna. Si può concretamente portare a casa questo risultato se il Popolo della Famiglia, fin dalle prossime elezioni amministrative, avrà livelli di consenso tali da far capire che il traguardo dell’ingresso in Parlamento non è una chimera ma un reale obiettivo politico perseguibile che cambierà radicalmente gli equilibri dei rapporti di forza nel Paese, dando voce a quelle ragioni che attualmente voce non hanno. Se c’è un motivo per dedicarsi alla lotta politica, ora questo motivo c’è: salvare la famiglia, proteggere i nostri figli, liberare davvero le donne. Perseguilo insieme a noi, vota Popolo della Famiglia, rendi concreto il progetto del reddito di maternità.

Leggi tutto

Storie

Ucraina: alloggi e trasporti per i rifugiati in Italia

Proseguono gli arrivi in Italia di persone in fuga dal conflitto in Ucraina. Secondo i dati del Viminale, aggiornati a 36 ore fa, erano 37.447 le persone giunte in Italia: 19.002 donne, 3.298 uomini e 15.147 minori.

Leggi tutto

Storie

Yemen tragedia senza fine

L’organizzazione umanitaria denuncia la situazione nel Paese della penisola araba, da oltre sette anni in guerra e dove è in vigore una tregua

Leggi tutto

Storie

Jocelyne, storia di una manager suora

La sfida quotidiana di una religiosa maronita e delle sue consorelle al freddo, alla fame e alle malattie in un piccolo villaggio non lontano da Beirut

Leggi tutto

Storie

Etiopia - Una fattoria comunitaria per le famiglie

La siccità e l’aumento dei prezzi stanno causando problemi di salute dovuti alla mancanza di cibo nella popolazione dell’Etiopia e il 70% delle famiglie nella città di Emdibir non è in grado di mettere il cibo in tavola: dalla consapevolezza di queste difficoltà nasce l’appello di “Catholic Mission”, Direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie in Australia, che intende contribuire alla realizzazione di una fattoria comunitaria nell’Etiopia centrale.

Leggi tutto

Chiesa

Ucraina - I francescani vicini alla gente “con la preghiera

“Questa informazione - riferisce il frate - ha causato disperazione in molti residenti; i nostri parrocchiani hanno incontrato persone in preda al panico in mezzo alla strada. La gente continuava ad arrivare e abbiamo avuto un grande bisogno di comprare cibo. Molti anziani, soli e spaventati, sono rimasti rinchiusi nelle proprie case. Nella città occupata siamo riusciti ad acquistare solo parzialmente i prodotti necessari”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano