Politica

di Mirko De Carli

FOTTETEVENE DEI PROGRAMMI, CHIEDETE IN COSA CREDONO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono giorni che i partiti del main stream tentano di occultare ogni assurda ed imperdonabile scelta di voto parlamentare con la retorica del programma elettorale: leader politici che hanno votato ogni provvedimento del governo Draghi ora si propongono come i garanti dell’alternativa. Un circo patetico che vede il susseguirsi di personaggi in cerca d’autore capaci di essere coerenti e leali solo con il desiderio di potere persistente.

Ogni campagna elettorale assistiamo alla produzione di un’infinita quantità di carta straccia etichettata come impegni per il governo del paese o delle città al voto: retorica banale infarcita di slogan pelosi che lisciano la schiena a quella parte di paese che ha la memoria troppo corta per immaginare una classe dirigente che “faccia quello che dice” e che rimanga fedele ai propri impegni e si accontenta di “contare” in un sistema dove solo le briciole sono la ricompensa (mal) riposta.

Per questo fottetevene dei programmi elettorali e chiedete ai candidati quello in cui credono: solo se vivi quel problema sulla tua pelle puoi essere capace di affrontarlo e tentare di risolverlo. Chi si piega per dare voce a chi viene discriminato sul lavoro per la follia delle politiche sanitarie italiane, ad esempio, ha le carte in regola per rappresentare questo straordinario popolo di discriminati, non certo chi ha votato tutte quelle leggi che hanno perpetrato ogni tipo di vessazione a chi non ha inteso obbedire alla narrazione unica del vaccino salvifico.

Credi nella libertà di scelta per ogni terapia sanitaria? Allora non accetterai mai e poi mai obblighi ignobili ed anticostituzionali. Penso a me e al cammino cominciato salendo sul palco della grande piazza di Pesaro contro il dl Lorenzin del 2017: allora rivolsi alle migliaia di famiglie presenti un appello per rigettare la logica perversa del vaccino obbligatorio, oggi sono ancora in campo con lo stesso pensiero, lo stesso “credo” politico.

Se credi in qualcosa sei capace di lealtà e coerenza, se pensi astrattamente a qualcosa sei pronto a fottere il prossimo ogni qualvolta quel pensiero non ti è più conveniente. Provare per credere.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/08/2022
1108/2022
Santa Chiara

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il Consiglio dei cardinali e la politica

È tornato ad incontrarsi il Consiglio di cardinali alla presenza del Papa a Casa Santa Marta. Il gruppo di sette porporati ha discusso della situazione politica ed ecclesiale nelle proprie regioni di provenienza e del ruolo delle donne

Leggi tutto

Politica

PdF: Eugenio e Paolo Dima nuovi consiglieri territoriali

“Coglie con soddisfazione il Popolo della Famiglia la notizia dell’elezione di due consiglieri territoriali all’ultima consultazione elettorale di domenica scorsa: “siamo felici di aumentare il nostro numero di eletti nel territorio e credo potremo fare un buon lavoro per dare ascolto alle istanze del territorio e delle sue famiglie” dichiarano dal partito.

Leggi tutto

Politica

COLOMBIA - Approvata la depenalizzazione del suicidio assistito

La Corte costituzionale della Colombia ha deciso di depenalizzare il suicidio medicalmente assistito (SMA).

Leggi tutto

Politica

Elezioni amministrative 2022, i risultati definitivi

Sindaci di centrodestra a Genova, Palermo e L’Aquila già al primo turno. Sono 13 i ballottaggi nelle 26 città capoluogo al voto

Leggi tutto

Politica

Sul fascismo

Intervistato dai ragazzacci della Zanzara a Radio 24 sulla nascita di Alternativa per l’Italia con l’amico Simone Di Stefano che a differenza mia considera chiuso l’argomento, io ho ritenuto di dire cosa ovvia affermando che “il fascismo ha fatto anche cose buone”, frase ormai utilizzata dai luogocomunisti per dare dell’idiota o dell’ignorante a chiunque voglia avviare una discussione non pregiudiziale sul governo più lungo della storia italiana, quello durato dal 1922 al 1943 sotto la presidenza del Cav. Benito Mussolini. Dagospia ha adornato l’intervista con un fotomontaggio in cui mi si ritrae col fez (suggerisco a Roberto D’Agostino il più simpatico ritratto che è in calce a questo articolo) che è credibile quanto la titolazione sugli “italiani che stavano meglio” allora rispetto ad ora, frase da me mai pronunciata e la registrazione dell’intervista di 13 minuti è a disposizione di tutti, urla sconnesse di David Parenzo incluse.

Leggi tutto

Politica

Vaccini e farmacie

Vaccinazioni nelle farmacie: alcune importanti novità

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano