Storie

di Roberto Signori

EGITTO - I cristiani copti si preparano al “Digiuno della Vergine Maria”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I copti ortodossi in tutto il mondo si preparano a vivere il tempo di penitenza conosciuto come «digiuno della Santa Vergine Maria», pregando con particolari intenzioni per il Patriarca Tawadros II. Il tempo di preghiera e digiuno dura 15 giorni, inizia il 7 agosto e si conclude il 22 agosto, data in cui la Chiesa copta ortodossa celebra la solennità dell’Assunzione della Beata Vergine Maria. Nell’ultimo sermone tenuto al Cairo durante la tradizionale catechesi settimanale del mercoledì, il Patriarca copto ortodosso Tawadros II ha suggerito a tutti di approfittare del tempo di digiuno e preghiera agostano per affidarsi alla materna intercessione della Vergine Maria, da lui definita «tesoro di ogni virtù».

Nella tradizione copta, il digiuno consiste nell’escludere vino (e alcolici), olio e proteine animali (carne, pesce, uova, burro, latticini) e nel consumare solo pane, pasta, riso, olive, ortaggi e verdure (cotte o crude), frutta fresca o secca. I cristiani copti possono potenzialmente osservare tempi di digiuno più estesi rispetto a quanto avviene presso altre comunità cristiane. In un anno, i giorni in cui è prescritto o consigliato il digiuno sono 210. Inoltre, nei periodi di digiuno nessun cibo dovrebbe essere assunto dall’alba al tramonto. Queste strette regole di digiuno vengono solitamente moderate nella prassi pastorale ordinaria. Il tempo di digiuno osservato con più intensità dai cristiani copti e il “Grande Digiuno” quaresimale che precede la Pasqua. Altri tempi di digiuno, oltre al digiuno della Beata Vergine Maria, sono quelli osservati in Avvento e nel cosiddetto “digiuno di Ninive”, che precede di 3 settimane il digiuno quaresimale e si rifà al digiuno chiesto dal Profeta Giona agli abitanti di quella città corrotta.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/08/2022
1208/2022
Ss Macario e Giuliano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Torino: ai transgender la possibilità di cambiare nome sugli abbonamenti bus

Dopo Bologna anche Torino vuole infatti introdurre, per le persone transgender, la possibilità di avere il nome di elezione sugli abbonamenti dei mezzi pubblici. Ad annunciarlo, in Commissione consiliare, l’assessore alle Pari Opportunità Jacopo Rosatelli

Leggi tutto

Storie

Ucraina - Kiev, saccheggiato il seminario

Bombardato due volte dall’inizio della guerra, il seminario cattolico di Vorzel è stato oggetto di una razzia. Portato via di tutto: dalle pentole al calice con cui Giovanni Paolo II celebrò la Messa nel 2001 in Ucraina. Padre Ruslan Mykhalkiv: “Penso che siamo stati derubati anche da gente che vive in zona. Hanno fame ed è tutto chiuso, qui c’era cibo e si sono sfamati. Questo è giusto, il resto no”

Leggi tutto

Storie

Disney presenta la nuova linea di abbigliamento LGBTQ per bambini

La Disney e la propaganda senza fini per i gender. Difendere i nostri figli è un dovere.

Leggi tutto

Storie

Pennsylvania: non esiste diritto all’aborto

Decisione storica del Senato della Pennsylvania, che lunedì scorso ha prima presentato e poi votato - con 29 voti favorevoli e 20 contrari - un emendamento costituzionale statale per impedire agli attivisti abortisti di avanzare proposte di legalizzazione dell’aborto fino alla nascita e dunque, di conseguenza, eviterebbe ai contribuenti di dover pagare per questo.

Leggi tutto

Storie

Si fa rimuovere organi sessuali ma poi se ne pente

Il Daily Mail ha recentemente riportato il caso di un giovane britannico, a cui sono stati rimossi i genitali durante un intervento chirurgico di riassegnazione di genere, che sì è pentito di averlo fatto e che ha citato in giudizio il sistema sanitario nazionale (SSN) per il fatto di non essere stato informato adeguatamente su tutte le conseguenze dell’operazione.

Leggi tutto

Storie

I funerali di suor Luisa Dell’Orto

Nelle scorse ore la celebrazione funebre a Lomagna, in provincia di Lecco, per la Piccola Sorella del Vangelo di Charles de Foucauld uccisa il 25 giugno ad Haiti dove era missionaria. Nell’omelia, il vescovo Luigi Stucchi l’ha definita “povera con i poveri” e esempio di fedeltà al Vangelo nell’amore verso tutti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano