Storie

di Nathan Algren

Monastero Trappista in costruzione sull’isola del Borneo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Sono davvero molto felice di vedere cosa sta succedendo ora a Pegadungan. È giunto il momento in cui i ‘figli, cioè religiosi locali, si prendano cura della madre, i Paesi Bassi, dove scarseggiano le vocazioni religiose”, dice all’Agenzia Fides il Trappista olandese padre Hector Majoor OCSO riferendosi alla presenza di abbazie Trappiste in Olanda e alle abbazie istituite in Indonesia. Nell’arcipelago asiatico, infatti, un nuovo monastero Trappista sorgerà nel Borneo indonesiano, precisamente a Pegadungan, nella diocesi di Ketapang, provincia del Kalimantan occidentale.

Padre Mikael Santana OCSO, dell’Ordine dei monaci Cistercensi di stretta osservanza, si è trasferito in loco per fondare la nuova comunità religiosa. Nei giorni scorsi mons. Pio Riana Prapdi, Vescovo di Ketapang, ha unto e benedetto il luogo in cui sarà fondato quello che sarà il monastero Trappista nella diocesi di Ketapang, il 4° in Indonesia, mentre vengono soddisfatti i “protocolli interni” nell’Ordine Religioso Cistercense . Erano presenti all’evento numerosi monaci Trappisti, oltre a sacerdoti, fratelli e suore che lavorano nella diocesi di Ketapang.
Parlando con Fides, mons. Pio Riana Prapdi conferma: “La presenza del monastero trappista nella nostra diocesi è importante poiché abbiamo bisogno delle loro preghiere”.

E’ stato il Vescovo emerito mons. Blasius Pujaraharja il primo a invitare l’Ordine Cistercense ad avviare il suo nuovo monastero nella sua diocesi, a Pegadungan , luogo isolato, oasi di silenzio, pace tranquillità, adatto per la contemplazione. L’attuale Vescovo di Ketapang, mons. Pius Riana Prapdi, che ha stretti rapporti con il monastero Trappista di Rawaseneng ha voluto concretizzare l’idea, fondando una casa Trappista di Pegadungan.

Il vescovo ha accolto con gioia la comunità Trappista nella diocesi di Ketapang a partire dalla metà di luglio 2022. Fr. Mikael Santana OSCO nelle prossime settimane preparerà tutto il necessario per legalizzare l’istituzione ufficiale del nuovo monastero trappista in Kalimantan occidentale, che segue la presenza di altre tre realtà già istituite nella nazione asiatica.

Il primo monastero Trappista in Indonesia, intitolato a Santa Maria è stato infatti ufficialmente fondato nel 1953 a Rawaseneng, nel distretto di Tetangung, a Giava centrale, come un “ramo” dell’abbazia trappista olandese di Konigshoeven con sede a Tilburg.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/08/2022
1208/2022
Ss Macario e Giuliano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Scalfari e Papa Francesco

Abbiamo letto con interesse le due pagine di intervista di Eugenio Scalfari a Papa Francesco, e abbiamo capito che ancora una volta il fondatore di Repubblica si è recato al colloquio con il Santo Padre sprovvisto di registratore e persino di taccuino per gli appunti, come dichiarò essere sua abitudine fare per interviste del passato. Alcune frasi del Papa risultano, in effetti, semplicemente incomprensibili: «Cristo ha parlato di una società dove i poveri, i deboli, gli esclusi, siano loro a decidere. Non i demagoghi, non i Barabba, ma il popolo».

Leggi tutto

Politica

Mauritius: covid occasione di “sgambetto” alla religione

I sacerdoti potranno celebrare Messe e altri sacramenti fuori dalle chiese e potranno partecipare massimo 50 persone. È quanto dispone l’Emendamento n. 3 del Regolamento sul Covid-19, illustrato dal primo ministro, Pravind Jugnauth alla popolazione prima dell’entrata in vigore

Leggi tutto

Politica

Egitto: in approvazione legge sullo statuto personale dei cristiani

Il coinvolgimento delle Chiese e comunità ecclesiali presenti in Egitto nel lungo iter per la stesura di una nuova legge sullo statuto personale, era iniziato già nel 2014

Leggi tutto

Politica

India: assassinato pastore cristiano protestante

Secondo dati raccolti dallo “United Christian Forum” “nel 2021 quasi 500 casi di violenza anticristiana sono stati segnalati in India”

Leggi tutto

Storie

INDIA - Aumento della violenza contro chiese e cristiani

Un intervento giudiziario e politico urgente per controllare e fermare il rapido aumento di episodi di violenza, coercizione e falsi arresti, che traumatizzano la comunità cristiana in India.

Leggi tutto

Storie

Turchia: i cimiteri profanati

A metà luglio devastate tombe e lapidi ebraiche ad Haskoy, sobborgo di Istanbul. In precedenza erano finiti nel mirino campisanti cristiani a Mardin e Van. Esumate salme di fedeli yazidi e sepolte di nuovo secondo la tradizione islamica. Fra gli autori delle profanazioni anche giovanissimi di 11 e 13 anni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano