Storie

di Roberto Signori

Turchia: i cimiteri profanati

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Abusi e violazioni a sfondo confessionale in Turchia non risparmiano nemmeno i morti, come confermano i casi crescenti di attacchi contro cimiteri in cui sono sepolti esponenti delle minoranze religiose, soprattutto cristiani, ebrei e yazidi. Da Mardin a Van, nel recente passato i cristiani hanno denunciato devastazioni di tombe, lapidi e il macabro spargimento di ossa dei defunti. L’ultimo episodio riguarda invece la comunità ebraica, a ulteriore riprova di un clima crescente contraddistinto da odio e insofferenza verso i non musulmani.

Il 15 luglio scorso, ma la notizia è emersa solo nei giorni scorsi, alcuni esponenti della minoranza ebraica nel sobborgo di Haskoy, a Istanbul, hanno denunciato gravi danni nel locale cimitero, frutto di un attacco mirato da parte di gruppi estremisti. I vandali, raccontano fonti locali, hanno profanato 81 tombe, esumato le bare e lasciato l’area in stato di abbandono e totale confusione. Secondo alcuni testimoni, fra gli autori dell’attacco vi sarebbero anche giovani minori di 18 anni, i quali avrebbero agito seguendo le istruzioni di una banda di adulti.

Nei giorni scorsi la polizia ha fermato alcuni minorenni per interrogatorio, ma in pochi sono convinti che le inchieste faranno luce sugli episodi e verrà garantita giustizia. Sull’età dei (presunti) responsabili è intervenuto il parlamentare dell’opposizione Hdp di origine armena Garo Paylan: “Il fatto che l’attacco al cimitero ebraico - ha scritto su Twitter - sia stato effettuato da bambini di età compresa tra 11 e 13 anni non allevia la situazione, la aggrava. Chi e quale mentalità hanno riempito quei bambini di odio verso gli ebrei?”.

Per molti osservatori quanto è accaduto a metà luglio al cimitero ebraico rientra in un quadro più ampio di persecuzioni e violenze contro le minoranze, compresi i cristiani. Il 29 giugno, in occasione della festa di Pietro e Paolo, ignoti hanno profanato un camposanto nel quartiere di Yemişli, distretto di Midyat, nella provincia sud-orientale di Mardin già teatro nel recente passato di episodi di intolleranza. Al risveglio i fedeli hanno trovato tombe assire millenarie devastate e le ossa sparse per tutta l’area. Un altro esempio riguarda gli yazidi, che sono soliti seppellire i morti con la schiena rivolta al sorgere del sole. Le cronache riportano casi di tombe profanate e salme riposizionate in direzione della Mecca secondo i dettami della fede islamica, che considera gli yazidi una setta eretica da punire (e riconvertire), come avvenuto in Iraq sotto lo Stato islamico.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/08/2022
1208/2022
Ss Macario e Giuliano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Scalfari e Papa Francesco

Abbiamo letto con interesse le due pagine di intervista di Eugenio Scalfari a Papa Francesco, e abbiamo capito che ancora una volta il fondatore di Repubblica si è recato al colloquio con il Santo Padre sprovvisto di registratore e persino di taccuino per gli appunti, come dichiarò essere sua abitudine fare per interviste del passato. Alcune frasi del Papa risultano, in effetti, semplicemente incomprensibili: «Cristo ha parlato di una società dove i poveri, i deboli, gli esclusi, siano loro a decidere. Non i demagoghi, non i Barabba, ma il popolo».

Leggi tutto

Politica

Adinolfi (Pdf): “ddl Zan non è priorità, emergenza non c’è”

Sono 1.300 giorni che mi batto contro l’approvazione della fascistissima legge Zan, ora anche Enrico Letta si accorge che va cambiata. In 1.300 giorni non si è verificato neanche un serio caso di omofobia in Italia. Ma che emergenza è? Arrenditi Zan anche nel Pd ti hanno mollato.

Leggi tutto

Storie

INDIA - Atti vandalici in una chiesa cattolica nel sud dell’India

Nelle ultime settimane in diversi distretti dello stato del Karnataka, nel sud dell’India si sono registrati episodi di tensione intercomunitaria e di violenza a danno dei cristiani. Alla radice delle tensioni vi è il nuovo disegno di legge che intende limitare le conversioni religiose, presentato nella sessione assembleare del Parlamento statale

Leggi tutto

Politica

Alle prossime elezioni il salto di qualità

Viviamo in una cultura che induce a ritenere i valori un orpello inutile mentre solo l’autentica crescita e partecipazione delle persone può rinnovare una società sempre più spenta. Orientarsi in politica non verso mere proposte tecniche ma verso chi propone il favorire la libera, profonda, maturazione delle persone.

Leggi tutto

Politica

Erdogan vuole rimpatriare un milione di siriani

Il presidente turco ha annunciato la costruzione di 200mila case nel nord della Siria per chi sceglierà il ritorno volontario. Verrebbe alterato l’equilibrio demografico in una zona a maggioranza curda.

Leggi tutto

Storie

Egitto: uniti per festeggiare MARIA

Nel monastero di Jabal al Tayr si tocca con mano, durante tutto l’anno, la devozione per la Madre di Gesù diffusa anche tra i credenti musulmani, che vanno in pellegrinaggio al Santuario a pregare e invocare grazie soprattutto nel mese di agosto, nei 15 giorni di festa che precedono e seguono la solennità liturgica della Dormizione di Maria.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano