Storie

di Roberto Signori

Allarme malnutrizione ad Haiti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una recrudescenza della violenza tra bande ha bloccato l’accesso ai servizi sanitari in alcune aree urbane di Haiti, lasciando che un bambino su 20 che vive a Cité Soleil - un comune di Port-au-Prince devastato dalla violenza - rischia di morire per malnutrizione acuta grave, ha avvertito oggi l’UNICEF.

Secondo gli ultimi dati disponibili dell’UNICEF, circa il 20% dei bambini sotto i 5 anni a Cité Soleil soffrono di malnutrizione acuta grave o moderata, 5 punti percentuali oltre la soglia di emergenza dell’OMS. Se la violenza continuerà, questi dati potrebbero aumentare.
“Non possiamo restare inerti a guardare i bambini che soffrono di malnutrizione e delle sue complicazioni”, ha dichiarato Bruno Maes, rappresentante dell’UNICEF ad Haiti. “Migliaia di bambini rischiano di morire e la maggior parte delle cliniche dove vivono sono chiuse, impedendo loro di ricevere un’adeguata assistenza sanitaria e nutrizionale. La violenza deve cessare a Cité Soleil affinché i bambini malnutriti possano ricevere l’assistenza medica di cui hanno bisogno per sopravvivere e crescere”.
Un’indagine condotta ad Aprile 2022 ha allertato l’UNICEF sull’allarmante stato nutrizionale dei bambini nel comune. Da allora, un aumento delle violenze agli inizi di luglio sta ulteriormente restringendo l’accesso ai servizi sanitari di base per bambini e famiglie. L’insicurezza alimentare causata dall’inflazione, dall’aumento dei prezzi del cibo e dalle pre-esistenti difficoltà socioeconomiche, hanno portato a questo recente aumento dei casi di malnutrizione a Cité Soleil.
L’UNICEF e il Ministero della Salute hanno già preposizionato alimenti terapeutici pronti all’uso, latte terapeutico e medicine di base e stanno supportando gli operatori sanitari nelle comunità per aumentare le visite e relativi casi di malnutrizione. Finora 9.506 bambini sono stati visitati per la malnutrizione acuta e 1.918 bambini malnutriti hanno ricevuto cure salva vita.
Dall’8 luglio è scoppiata una nuova ondata di violenza, con le bande rivali che si scontrano ferocemente a Cité Soleil, un comune di 250.000 abitanti. Secondo le Nazioni Unite, tra l’8 e il 17 luglio 2022, oltre 471 persone sono state uccise, ferite o risultano disperse. Circa 3.000 persone sono fuggite dalle loro case, tra cui centinaia di bambini non accompagnati, mentre almeno 140 case sono state distrutte o bruciate.
Questa nuova ondata di violenza ha costretto centinaia di persone a sfollare dalle proprie case. Tuttavia, solo una parte della popolazione è andata via. La maggior parte della popolazione a Cité Soleil è intrappolata e vive sotto assedio mentre il conflitto imperversa per le strade. Anche i bambini e le famiglie lottano con la mancanza di accesso a cibo e acqua. L’accesso ai servizi di base come centri sanitari è già stato drasticamente ridotto a Cité Soleil dove solo il 4% della popolazione ricorre a centri sanitari pubblici e il 64% a ONG come Medici senza Frontiere.
Per prevenire un ulteriore deterioramento dello stato nutrizionale di madri e bambini, l’UNICEF sta supportando la fornitura di: cure per la malnutrizione acuta, l’integrazione e la promozione di micronutrienti, protezione e sostegno delle pratiche di alimentazione dei neonati e dei bambini, sverminazione e vaccinazione, integrazione di zinco durante gli episodi di diarrea a livello di strutture sanitarie e comunità.
“Migliaia di famiglie e i loro bambini che sono a Cité Soleil hanno urgente bisogno nutrizionale e sanitario dato che genitori e persone che se ne prendono cura non possono più andare a lavorare in altre aree di Port au Prince per assicurare accesso al cibo ai loro bambini. Le famiglie fuggite dalle proprie case hanno lasciato tutti i loro averi e i bambini non hanno accesso ai loro diritti di base come salute, nutrizione e istruzione,” ha aggiungo Maes.
Dal 20 luglio, l’UNICEF ha distribuito circa 1 milione di litri di acqua da bere per rispondere ai bisogni urgenti di 15.000 persone ogni giorno, ha distribuito 500 kit igienici per 2.500 persone e impiegato 2 cliniche mobili nei quartieri di Bois Neuf e Belekou a Cité Soleil, per fornire cure mediche e nutrizionali a oltre 500 persone, la maggior parte delle quali sono donne e bambini. Fuori da Cité Soleil, l’UNICEF ha fornito 100 materassi, vestiti e quasi 700 galloni di acqua potabile alle famiglie sfollate, ha assistito 800 bambini con attività di sostegno psicosociale e ha fornito a 180 bambini cure mediche attraverso una clinica mobile sanitaria e nutrizionale.
L’UNICEF, in una nota ha chiesto a tutte le parti di fermare l’utilizzo di violenza e garantire che donne e bambini abbiano accesso ai servizi di base. 7 mesi dell’anno sono già trascorsi e l’UNICEF ha ancora urgente bisogno di 64,6 milioni di dollari per raggiungere oltre mezzo milione di bambini con supporto umanitario ad Haiti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/08/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Politica

Una strada per liberi e forti

Nei giorni in cui c’è stato e c’è chi insistentemente afferma che il Popolo della Famiglia non serve più a niente non avendolo condotto immediatamente al seggio parlamentare, dunque meglio acconciarsi a sostenere i nuovi potenti e il governo del Trentennio, io resto sempre più convinto del progetto pidieffino e provo a delinearlo per quello che è, per quello per cui l’abbiamo fondato nel marzo 2016, per quello per cui credo che abbia ancora lo stesso inalterato senso ventotto mesi dopo e nel futuro a venire.

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Società

LA VESTE DEI FANTASMI DEL PASSATO CADENDO HA LASCIATO IL QUADRO IMMACOLATO?

Dobbiamo essere il sale del mondo, che sulle ferite brucia, non lo zucchero filato, non dei pappamolli per paura di ritorsioni. Mi spaventa terribilmente vedere che la raccolta firme di Cappato viaggi verso il milione di aderenti e quella sul reddito di maternità abbia superato di poco le 50.000 unità. Inutile negare che ci hanno stracciato alla grande. Morte batte vita venti a zero per ora, palla al centro.

Leggi tutto

Società

Ritorniamo ad una sana ecologia umana lontana dalle mode del momento

Avanza in questi ultimi anni una psicosi generalizzata scatenata da ecoterroristi che spaventano la gente in maniera voluta ed esasperante. Iniettano nelle vene delle persone il tremendo virus della paura del domani, come se fossero loro i padroni del mondo e del futuro. Le soluzioni che propongono poi, tra l’altro, sono più dannose dei problemi stessi. Occorre ritornare alla svelta ad una vera e sana ecologia umana per dare speranza alle nuove generazioni.

Leggi tutto

Società

L’Ecuador si divide sull’aborto

Manifestanti a favore e contro l’aborto si sono riuniti fuori dal parlamento in Ecuador.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano