Storie

di Nathan Algren

La polizia dell’Uttar Pradesh ha arrestato 6 donne per conversione religiosa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La polizia dell’Uttar Pradesh ha arrestato sei donne per un presunto tentativo di conversione religiosa durante una festa di compleanno. La vicenda si è svolta a Maharajganj, nel distretto di Azamgarh. Durante la perquisizione gli agenti hanno recuperato alcuni testi religiosi delle donne, che al momento si trovano nel carcere distrettuale di Azamgarh.

In base a una prima ricostruzione, una delle donne, Indrakala, del villaggio di Pipri nel Kaptanganj, aveva organizzato il 31 luglio una festa di compleanno per il figlio alla quale erano state invitate le famiglie della zona. Alcuni residenti hanno però denunciato il ricevimento alla polizia dicendo si trattasse di un evento di conversioni forzate. Gli agenti che hanno fatto irruzione hanno notato alcuni libri e documenti cristiani, arrestando poi le sei donne: Indrakala, Subhagi Devi, Sadhana, Samata, Anita e Sunita.

“Una delle donne è disabile, una è vedova con tre figli piccoli e una è una ragazza nubile non sposata”, ha spiegato padre Vineet Pereira, sacerdote cattolico della diocesi di Varanasi: “È tutta una questione di politiche di voto; la situazione in Uttar Pradesh è tale che nessun fedele cristiano può condurre servizi di preghiera in casa, anche se stessimo celebrando l’anniversario dell’indipendenza dell’India”, ha proseguito il religioso.

“Ma non solo non siamo liberi di adorare Gesù, ci viene impedito di celebrare un evento sociale come il compleanno”.

Colpevole di questa situazione, secondo p. Pereira è “la situazione di polarizzazione comunitaria nell’Uttar Pradesh” che “ha gettato semi di sospetti nelle menti della gente, anche se prima tutti vivevano in pace e in armonia celebrando le proprie ricorrenze”.

“Avere materiale religioso in casa non è un atto criminale o illegale”, ha sottolineato il sacerdote. “Come può questo essere usato come pretesto per muovere accuse di conversione?”

L’assistente sovrintendente della polizia di Azamgarth ha spiegato che le donne sono state incriminate in base alle sezioni 504 (insulto intenzionale con l’intento di provocare una violazione della pace) e 506 (intimidazione criminale) del codice penale, e ai sensi dell’ordinanza sul divieto di conversione illegale dell’Uttar Pradesh.

Il sovrintendente di polizia Siddharth Kumar ha dichiarato che “il sotto ispettore Kamlesh Yadav della stazione di polizia di Maharajganj si trovava nelle vicinanze con altri membri del personale quando ha appreso che alcune donne stavano costringendo con minacce gli abitanti dei villaggi impoveriti a convertirsi. La polizia ha avviato un’indagine dettagliata sul caso”.

Una prima richiesta di cauzione è stata respinta. Una seconda verrà presentata il 16 agosto: le sei donne al momento vivono nella speranza di ottenere la libertà per ricongiungersi alle loro famiglie.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/08/2022
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Quarant’anni di Movimento per la Vita

Il 22 maggio del 1975 nasceva a Firenze il primo centro di aiuto alla vita, nucleo originario di un movimento che ha fatto la storia della difesa dei più deboli in Italia

Leggi tutto

Società

Hanno ucciso Charlie Gard

Il caso Charlie Gard è un punto di non ritorno, ma anche un punto di partenza se vogliamo rendere efficace la difesa di un diritto alla vita che altrimenti sarà sempre più circoscritto al campo opinabile dei “sani e produttivi”. Ma ci sarà occasione per parlare e scrivere di questo. Oggi non possiamo che pregare Dio di accogliere questo bambino innocente ucciso da mani che sapevano quel che facevano e che Maria gli canti materna la ninna nanna, facendolo dormire libero, ora che sicuramente libero è.

Leggi tutto

Politica

Il Reddito di maternità è contro l’aborto

È stato pubblicato il report ufficiale Istat sull’applicazione della legge 194, rilanciato in un documento a firma del ministro Grillo. Dell’aborto è ormai politicamente impossibile parlare, ma la proposta legislativa d’iniziativa popolare del Popolo della Famiglia – l’istituzione del Reddito di maternità – potrebbe avere un effetto realmente disincentivamente rispetto al ricorso all’aborto.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Società

IL PECCATO ORIGINALE DEI NUOVI DOGMI DELL’ECOLOGISMO CORRETTO

Dietro i pur nobili intenti di alcuni ragazzini in perenne protesta per la salvezza del pianeta vi è una chiara e ben oleata macchina neo maltusiana che vuole eliminare più vita umana possibile dalla faccia della terra. I fallaci dogmi dell’ecologismo attuale.

Leggi tutto

Politica

L’ultima follia del politicamente corretto: vietato dire “Natale”

Ora sarà vietato anche dire Natale. L’ultima assurdità è contenuta in una comunicazione ufficiale della Commissione europea. Nel testo vengono elencate a una a una tutte le regole che non solo cancellano espressioni del vivere quotidiano comune ma vanno anche contro il buonsenso. Il tutto nel nome del politicamente corretto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano