Politica

di Mirko De Carli

LO STRAPPO DI CALENDA ELIMINA IL RICATTO DEL VOTO UTILE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Più che una campagna elettorale sembra di assistere a “The Bold and the Beatiful”: Calenda prende e molla Letta come Ridge con Brooke. Alla fine di questa lunga telenovelas il leader di Azione decide far saltare definitivamente il banco e di andare da solo. Motivo? Probabilmente erano più i voti che perdeva di quelli che guadagnava con l’alleanza a sinistra e ha preferito tentare la corsa solitaria evitando di perdere qualche pezzetto per strada. Motivazioni programmatiche? Nessuna. Valoriali? Nessuna. Ognuno fa solo i conti in tasca come se andasse a fare la spesa e valuta accordi solo per un mero calcolo di opportunità. Questa cosiddetta “quarta repubblica” rassomiglia sempre più a un salotto brulicante di “pidocchi rifatti” (gli arricchiti, alla romagnola) che si trovano a gestire enormi consensi arrivati per puro caso senza avere la benché minima idea di dove condurre queste donne e questi uomini. Una stagione dominata non più dal populismo ma dal qualunquismo più estremo.

In tutto questo un dato emerge però con chiarezza: salta definitivamente il ricatto del voto utile. Per la quota di seggi che saranno assegnati col metodo uninomale non ci sarà più alcuna competizione: tolta qualche enclave di sinistra saranno tutti vinti a mani basse dal centrodestra. Ora la partita è una e una soltanto: chi volete nella maggioranza di governo a pungolare la Meloni (ormai in rampa di lancio per Palazzo di Chigi) sui temi più decisivi della prossima legislatura? Calenda e i fuoriusciti di Forza Italia che si dicono fedeli propugnatori dell’agenda Draghi e ne hanno convintamente votato ogni provvedimento in aula parlamentare o le forze antisistema che hanno nel loro DNA un’agenda alternativa a quella dell’ ex banchiere della Bce?

Giorgia Meloni, per assicurarsi prima del tempo la poltrona da Presidente del Consiglio, sta già cedendo alla narrazione dei poteri forti: appoggio pieno e senza critiche all’Ucraina, continuità con la gestione della finanza pubblica ancorata al Recovery Plan, nessuna espressa dichiarazione contro le politiche sanitarie imposte da Speranza e la scelta precisa di uniformarsi al pensiero dominante sui cosiddetti temi etici.

Comprendete bene che solo la presenza di una pattuglia parlamentare di Alternativa per l’Italia imporrebbe alla leader di FdI una linea netta di discontinuità rispetto al governo Draghi facendo leva sul bisogno dei nostri voti parlamentari per la fiducia a un suo possibile governo. State certi che se dovesse chiedere quei voti a Calenda e soci le nostre priorità sparirebbero dallo scenario della vita politica nazionale.

Se volete che un possibile governo a guida Meloni volti pagina con le discriminazioni perpetrate sotto pandemia dal Ministro Speranza, riorganizzi il rapporto con l’UE non ragionando più in un’ottica di indebitamento ma di investimento, realizzi una nuova politica fiscale alzando le pensioni minime a mille euro, introducendo lo stipendio per le mamme che non lavorano e riformando il fisco secondo la regola “più figli hai meno tasse paghi” ed infine superi questo sistema parlamentare fallimentare per avviarci verso un presidenzialismo pragmatico e risolutivo date forza ad “Alternativa per l’Italia”: saremo i garanti di un’azione di governo autenticamente popolare e antitetica ai voleri delle lobby e della finanza europea ed internazionale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/08/2022
0502/2023
Sant'Agata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Politica

La Chiesa che si immischia

Nel 1982 il papa diceva ai confratelli convenuti da tutti i paesi europei, parlando del rapporto tra le Chiese locali e l’Europa: Il cristianesimo può scoprire nell’avventura dello spirito europeo le tentazioni, le infedeltà ed i rischi che sono propri dell’uomo nel suo rapporto essenziale con Dio in Cristo. Ancor più profondamente, possiamo affermare che queste prove, queste tentazioni e questo esito del dramma europeo non solo interpellano il Cristianesimo e la Chiesa dal di fuori come una difficoltà o un ostacolo esterno da superare nell’opera di evangelizzazione, ma in un senso vero sono interiori al Cristianesimo e alla Chiesa.

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Società

Il giustizialismo degli antigiustizialisti

Nel secolo scorso Pier Paolo Pasolini parlava di “Fascismo degli antifascisti” per sottolineare una realtà che già conosce chi ha letto il Vangelo di Matteo (7,21-2). Non basta avere la maglietta di antifascista o proclamarsi tale per comportarsi di conseguenza, anzi a volte l’apparenza maschera la sostanza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano