Politica

di Mario Adinolfi

Non Credo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Questa cosa dello slogan “credo” mi piace pure, bravo Salvini. Il problema è: ma a cosa crede la Lega? Ai ”diritti civili”, alle nuove famiglie gay, all’eutanasia come ci ha appena comunicato Zaia? A “sull’aborto decide la donna” come dice sempre Salvini? Allo Stato pappone che si fa garante dello sfruttamento umiliante del corpo delle donne con case chiuse e prostitute a partita Iva? Alle armi a Kiev, al green pass, alle spese militari portate a 38 miliardi di euro, all’obbligo vaccinale con sanzione emessa dall’Agenzia delle Entrate, tutte norme entusiasticamente votate dalla Lega col governo Draghi? Alla triptorelina gratuita per bloccare la pubertà ai bambini di dieci anni e prepararli alla “transizione sessuale”, parere del CSS mai impugnato dalla Lega mentre stava nel governo Draghi gialloverde? Alla guerra alla Russia, alla conseguenza delle imprese che chiudono perché non possono più fare export con Mosca, dell’inflazione a doppia cifra, della rata del mutuo variabile che si impenna, della bolletta energetica che costa il triplo? No, Matteo, non credo che stavolta ti basterà sventolare un rosario per abbindolare la gente. Io credo, ma davvero. E chi crede vota Alternativa per l’Italia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/08/2022
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Confutazione e risposta a 10 obiezioni sul risultato elettorale del PdF

I nemici del Popolo della Famiglia si affrettano a dileggiarne gli ancora esigui ritorni elettorali: i fatti, però, non si fermano alle sole cifre

Leggi tutto

Politica

LE COSE DA FARE PER IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

La selezione dei nostri candidati alle amministrative nelle città importanti è già partita. Il segretario nazionale Gianfranco Amato ha presentato ufficialmente nella sua trasmissione su Popolo della Famiglia Tv (in onda anche sul digitale terrestre e sul canale 891 di Sky il lunedì alle 20) il grande Filippo Grigolini da cui ci aspettiamo un importante risultato nella sfida più appassionante del Nordest, quella per la carica di sindaco di Verona. A Crema presentiamo Luca Grossi, anche qui carichi di aspettative. Nei prossimi giorni Amato ufficializzerà le ulteriori candidature finché non copriremo tutto il territorio nazionale. Io personalmente mi occuperò di essere fisicamente presente anche nei comuni più piccoli per suscitare e sostenere liste del Popolo della Famiglia, ho già un calendario fitto di piccoli centri da scoprire da Riolo Terme venerdì a Borgomanero la settimana prossima e così via. Ovunque si voglia organizzare un’iniziativa con finalità di radicamento del Popolo della Famiglia io sono a disposizione basta scrivere a [email protected] e cercherò di farmi in quattro per arrivare.
Vorrei fosse chiaro a tutti: siamo alla prova decisiva, ci giocheremo molto del nostro percorso nei prossimi sei mesi e dobbiamo farci trovare assolutamente organizzati e pronti. Ripeto, un’occasione così non tornerà mai più. E dunque volare oooh, cantare oo-oo-oo-oh. Nel blu dipinto di blu del simbolo del Popolo della Famiglia, del manto di Maria che volga sempre il Suo sguardo benevolo su di noi.

Leggi tutto

Politica

Famiglia, la vaghezza di Paolo Gentiloni

Si barcamena tra l’omaggio formale alla cellula fondamentale del «tessuto della nostra società», nonché «principio costituzionale e fondamento della Repubblica», e vaghe allusioni alle forzature
governative sulla legge Cirinnà. Poi incensa a parole il ruolo decisivo del credito privato italiano nelresistere al debito pubblico ma avverte, come la Boschi su Avvenire: non ci saranno grandi regalie.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Politica

I politici che incedono come l’infida seppia

Uno dei problemi dei cattolici è che per (de)formazione scambiano l’acquiescenza per mitezza evangelica.

Leggi tutto

Società

Andrebbero processati i circoli Mario Mieli

Silvana De Mari è a processo per diffamazione – visto che non esiste ancora il reato di “istigazione all’odio omofobico” – e la parte lesa sarebbe il circolo Mario Mieli di Roma. Una rapida scorsa dei testi dell’omosessualista cui è intestato il circolo dovrebbe però bastare a giudicare chi veramente non dovrebbe avere diritto di cittadinanza in un Paese civile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano