{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} I fatti e l’unica opzione

Politica

di Mario Adinolfi

I fatti e l’unica opzione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A me dispiace che alcuni pro-life soffrano il fatto di non essere in grado di fare nulla oltre le chiacchiere e per questo ce l’abbiano con noi che invece da anni testardamente operiamo tenendo aperto uno spazio politico che potrebbe essere di tutti. Restano i fatti. Pd, M5S e Calenda-Renzi sono per unioni gay, aborto, eutanasia. Lupi è stato decisivo per far approvare la legge Cirinnà (“una legge equilibrata” disse dopo aver fatto passerella ai Family Day), Toti è esplicitamente abortista, Cesa è Cesa (quello delle “due valigie di tangenti”). Forza Italia ai temi etici è indifferente e tende ad aiutare le sinistre con i voti decisivi per far passare le peggiori leggi. Nella Lega Zaia è esplicitamente pro-eutanasia e per Salvini “sull’aborto decidono le donne”. Per Giorgia Meloni “nessuno vuole toccare la 194” e per farcelo capire meglio candida il pannelliano atlantista Giulio Terzi dopo aver rinnegato insieme alle sue radici anche il discorso andaluso (“quando mi sono rivista non mi sono piaciuta”) perché alcuni non perderanno mai il complesso di inferiorità che li conduce a voler somigliare alle sinistre per farsi accettare (e allora sì al riarmo, sì a Biden, sì al sostegno a Zelensky contro la Russia, sì alla Ue genderista e abortista, allora tanto vale votare direttamente Letta). Questi sono tutti fatti. Ora, al netto delle antipatie per Alternativa per l’Italia o di quelle personali nei miei confronti, i fatti dicono anche che se credi che esistano principi che in politica non si possono negoziare, se (come scrive oggi Repubblica) sei contro l’aborto o per il quoziente familiare e la libertà scolastica e magari sei pure tra quelli che non accettano il triste “dagli al fascista” ma pretendi un vero approfondimento storico sulle ragioni del vasto e pluridecennale consenso degli italiani verso il fascismo, se credi che la tua fede cristiana debba guidarti anche in politica verso scelte conseguenti e poco importa se in questo momento il consenso è grande o piccolo perché sei disposto anche a prendere zero voti piuttosto che ad arretrare dalla battaglia per aprire alle conseguenze della fede uno spazio politico, se sei tra coloro che domenica 25 settembre andrà a Messa e poi cercherai al seggio una opzione coerente con i valori lì proclamati, beh allora non devo spiegarti io qual è l’unico voto possibile. Lo sai già. E lo so che per qualcuno è insopportabile dover ammettere che i soli ad essere riusciti a fare qualcosa di concreto sul terreno della politica siamo noi. Ma se questo qualcuno è persona seria e di retta coscienza deve superare l’irrazionale astio livoroso e votare l’unica opzione presente sulla scheda elettorale. Anzi, prima deve correre ai banchetti (scrivete nei commenti per chiedere dove firmare, vi darò immediate informazioni per i referenti da contattare) e poi, col sorriso di chi s’è liberato di stupidi rancori personali, fare una croce sul simbolo di Alternativa per l’Italia. Perché il nostro primo manifesto disegnato da Simone Di Stefano aveva solo due parole: deve nascere. E il nostro ultimo pensiero quando chiuderemo questa faticosissima, impensabile, dispendiosissima campagna elettorale sarà fatto di tre parole: non deve morire. Non deve morire lo spazio politico resistenziale di chi difende la vita, gli ultimi e i penultimi, per ragioni che non sono solo materiali ma anche profondamente spirituali e dunque intensamente umane.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/08/2022
2406/2024
Natività di San Giovanni Battista

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

LA CIRCOLARE È PEGGIO

Il ministro Valditara ha revocato la nomina della commissione Concia, bene così, lottare produce effetti. Siamo stati i primi già giovedì sera in tv su La7 a spiegare perché fosse una decisione sbagliata. Sempre in quel contesto ho spiegato perché trasformare un momento emotivo come il commosso discorso del papà di Giulia Cecchettin in un programma politico da adottare subito, come mi diceva con insistenza Corrado Formigli, mi sembrasse un gravissimo errore. Lo è

Leggi tutto

Politica

L’antifascismo di chi uccise

Sentirete parlare in queste ore di Acca Larentia e la polemica sarà tutta attorno ai saluti romani che sono stati fotografati alla cerimonia del 46esimo anniversario della strage del 7 gennaio 1978. Servirà ad alimentare l’ennesimo inutile dibattito attorno al tema del fascismo ancora presente in Italia, animato da antifascisti che negli Anni Venti non erano vivi ma negli Anni Settanta sì. E la loro simpatia nostalgica oggi è rivolta molto più agli esecutori di stragi come quella di Acca Larentia che a chi lì venne ammazzato o a chi morì nel rogo di Primavalle. Per Acca Larentia venne individuato (con più arresti, ma nessuna condanna) un commando di Lotta Continua, per Primavalle la responsabilità fu di Potere Operaio. Esponenti di Lotta Continua e di Potere Operaio ancora oggi dominano i giornali italiani che sulle prime pagine si infiammano per i saluti romani alla cerimonia. È la prosecuzione della loro guerra giovanile, un tributo sentimentale a orrendi ideali, è l’antifascismo di chi parteggiava e in fondo ancora tifa per chi uccise, mantenendo intanto il disprezzo per gli uccisi. Di cui considera eredi gli attuali vertici di governo.

Leggi tutto

Politica

A Cagliari oltre 1/3 dei voti leghisti a Todde

A Cagliari «più di un terzo degli elettori leghisti hanno votato per Alessandra Todde». Questa la stima contenuta nell’analisi dell’istituto Cattaneo sui risultati delle ultime regionali in Sardegna. Lo studio definisce, invece, “marginale” a Sassari «la quota di elettori leghisti che hanno defezionato». Se a Cagliari si stima che sul 3,6% dei voti incassati dalla lista della Lega, l’1,5% sia andato a sostenere Todde presidente (e il 2,1% Paolo Truzzu), a Sassari la percentuale per Todde - sul 2,6% alla lista - scende allo 0,3%.

Leggi tutto

Politica

Fillon nuovo idolo del centro-destra

È andata proprio come vi avevamo preannunciato nei giorni scorsi. Francois Fillon è il candidato dei repubblicani nella corsa all’Eliseo della primavera del 2017.
Dopo aver eliminato Nicolas Sarkozy al primo turno (anche se in realtà l’ex presidente si era già giocato la fiducia dei francesi dalla guerra in Libia), è stata una vittoria schiacciante quella riportata contro Juppè. Fillon ha infatti stravinto il ballottaggio con il 67% contro il 33% di Juppè, e tutta la destra appare compattarsi dietro François Fillon, l’uomo che i Républicains hanno deciso di lanciare nella corsa all’Eliseo dopo primarie vinte a valanga.

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Politica

Alternative für Deutschland: lezioni da imparare

Il “giornalista collettivo” non ha ancora imparato la lezione: in tempo di analfabetismo sociopolitico e di malcontento diffuso attaccare un partito rampante con l’epiteto di “populista” si rivela controproducente. Il partito fondato da Frauke Petry e oggi diretto da Alice Weidel deve invece interpellare a fondo l’anima popolare d’Europa (i punti guadagnati da AfD sono quelli persi da CDU): non mancano le ambiguità e le contraddizioni, ma vanno studiate.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano