Politica

di Mirko De Carli

LA NOSTRA PRIMA FINANZIARIA IN TRE SEMPLICI MOSSE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le ricette economiche più impattanti non necessitano di grandi manovre o complicati sistemi di ricalcolo fiscale: c’è solo bisogno di poche e semplici mosse capaci di innescare un virtuoso volano per le famiglie italiane e le loro imprese.

Mossa numero 1: pensioni minime a mille euro - serve ridare dignità a un fetta importante di popolazione che, con l’aumento vertiginoso dei costi della vita, è sempre più al di sotto della cosiddetta soglia di povertà. Uno Stato civile ha il dovere di garantire una vita dignitosa a chi non ha le condizioni per guadagnarsela: questi anziani o questi fragili, che non possono più “rimettersi in carreggiata” grazie al lavoro, meritano un innalzamento delle loro pensioni a mille euro. Un gesto di umanità e civiltà in grado di togliere dalla miseria fasce importanti di popolazione, ora letteralmente abbandonata a se stessa.

Mossa numero 2: reddito di maternità - in una società che vuole ritornare a crescere occorre mettere sempre di più al centro il ruolo della donna. Occorre dunque garantirle la possibilità di fare carriera professionale senza alcun limite ideologico retaggio di stereotipi del passato, sostenerla se desidera lavorare e fare la mamma contemporaneamente offrendole tutti i servizi e contributi necessari ad un efficiente rapporto lavoro-maternità ed infine, se sceglie di dedicarsi unicamente alla cura del figlio, non obbligarla ad accettare contratti capestri senza garanzie e a stipendi da fame ma garantendole una vera e propria indennità mensile pari a 1.000 euro chiedendo in cambio di non accedere ai servizi nido e infanzia per i propri figli.

Mossa numero 3: il quoziente familiare - solo se adotteremo, come leva fiscale, la regola aurea che da sviluppo da decenni a uno Stato come la Francia che parla esplicitamente di “più figli, meno tasse” potremo davvero immaginare una società che torna a tassi demografici incoraggianti e, di conseguenza, a livelli di crescita del PIL sostenuti. Una nuova ricchezza che ricadrebbe copiosa in buona parte nei bilanci delle nostre imprese garantendo quegli investimenti, anche in termini di occupazione, che tutti chiedono da troppo tempo.

Per realizzare tutto questo va completamente ripensato lo strumento del reddito di cittadinanza: occorre sì mantenere un reddito di povertà per le fasce (non sottoposte a regime pensionistico) più disagiate ma il resto degli oltre 30 miliardi annui di RDC vanno messi sul piatto della manovra finanziaria ideata da Alternativa per l’Italia.

Il tempo per realizzare tutto questo c’è e si potrebbero adottare questi provvedimenti nella prima manovra finanziaria di fine anno del prossimo nuovo governo . Un’agenda alternativa a quella Draghi è possibile e noi, con umiltà e tenacia, ne presentiamo alcuni profili: se vi convince dateci fiducia, ora con la vostra firma e poi il 25 settembre con il vostro voto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/08/2022
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La riforma della scuola è legge, ora un milione di sentinelle

Il gender entra in classe, la risposta deve essere dei genitori, lo strumento è quello del “consenso informato”: no alla colonizzazione ideologica, giù le mani dai nostri figli

Leggi tutto

Politica

Giornate dense

Il Popolo della Famiglia prosegue la sua opera per cambiare la società e la gente lo segue

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

Politica

Il programma del PdF per te

Il 4 Marzo si avvicina e con esso anche la possibilità di cambiare l’Italia. Il Popolo della Famiglia è pronto a prendersi questo impegno ed in questo programma impregnato di sostanza e Fede trovate le risposte a come è possibile farlo!

Leggi tutto

Società

Punti di forza e di debolezza della scuola italiana oggi

Riflessione sulla scuola italiana.Il testo di un ricco e stimolante intervento dalla terza festa nazionale del nostro quotidiano.

Leggi tutto

Politica

Perchè tanti non vanno a Verona

Lo schiacciamento delle istanze pro-life e pro-family operato dagli organizzatori del WCF2019 – quell’insieme di “modalità” cui diplomaticamente alludeva Parolin, prendendone le distanze –ha reso le stesse impresentabili in un dibattito civile. Non andare alla manifestazione significa per molti semplicemente tenere aperte le strade di un dialogo possibile sui temi di vita e famiglia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano