Storie

di Nathan Algren

UNICEF: quasi 1.000 bambini uccisi o feriti nella guerra in Ucraina

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Almeno 972 bambini in Ucraina sono stati uccisi o feriti dalla violenza da quando la guerra si è intensificata quasi sei mesi fa, una media di oltre cinque bambini uccisi o feriti ogni giorno. E queste sono solo le cifre che le Nazioni Unite hanno potuto verificare. Crediamo che il numero reale sia molto più alto”. È la denuncia lanciata oggi, 22 agosto, dal direttore generale dell’UNICEF, Catherine Russell.

“L’uso di armi esplosive ha causato la maggior parte delle vittime tra i bambini”, ha proseguito Russell. “Queste armi non fanno distinzione tra civili e combattenti, soprattutto quando vengono usate in aree popolate, come è accaduto in Ucraina a Mariupol, Luhansk, Kremenchuk e Vinnytsia. E l’elenco continua”.


“Ancora una volta, come in tutte le guerre, le decisioni sconsiderate degli adulti mettono a rischio estremo i bambini”, ha aggiunto Russell. “Non esistono operazioni armate di questo tipo che non comportino il ferimento di bambini. Nel frattempo, al di là dell’orrore dei bambini uccisi o feriti fisicamente negli attacchi, quasi tutti i bambini in Ucraina sono stati esposti a eventi profondamente angoscianti, e quelli che fuggono dalla violenza sono a rischio significativo di essere separati dalle famiglie, di subire violenze, abusi, sfruttamento sessuale e tratta”.
“L’inizio dell’anno scolastico tra poco più di una settimana è un duro promemoria di quanto i bambini in Ucraina hanno perso”, ha continuato il direttore generale UNICEF. “Il sistema scolastico ucraino è stato devastato dall’escalation delle ostilità in tutto il Paese. Le scuole sono state prese di mira o utilizzate dalle parti, con il risultato che le famiglie non si sentono sicure di mandare i propri figli a scuola. Secondo le nostre stime, 1 scuola su 10 è stata danneggiata o distrutta”.
Tutti i bambini hanno bisogno di andare a scuola e di imparare, compresi quelli coinvolti nelle emergenze. I bambini in Ucraina e quelli sfollati a causa della guerra non fanno eccezione”, ha tuonato Russell, che ha chiesto “un cessate il fuoco immediato in Ucraina e che tutti i bambini siano protetti dalle violenze. Questo include la fine dell’uso brutale di armi esplosive nelle aree popolate e degli attacchi alle strutture e alle infrastrutture civili”.
“I bambini ucraini hanno urgente bisogno di sicurezza, stabilità, accesso a un apprendimento sicuro, servizi di protezione dell’infanzia e sostegno psicosociale. Ma più di ogni altra cosa”, ha concluso, “i bambini ucraini hanno bisogno di pace”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/08/2022
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Sentinelle in piedi e palloncini gonfiati

Successo a Cesena per la veglia delle Sentinelle in Piedi, solita contromanifestazione goffa degli Lgbt con i media che raccontano numeri che non ci sono

Leggi tutto

Storie

Giù le mani dai bambini

Signor Guadagno io glielo dico da madre, non menta ai bambini. Lei non ha il diritto di farlo. Né chi glielo consente ha il diritto di farglielo fare. I bambini sono detentori di tutti i diritti e hanno il diritto di vedere la felicità che c’è nella forza di chi ha preso la propria sofferenza e ne ha fatto un miracolo di bellezza. Io non La critico, signor Guadagno, perché nessuno può permettersi di farlo senza conoscere una persona in modo confidenziale, per ciò Le chiedo solo un favore: lasci stare i bambini. Loro devono giocare e devono poter sognare tutta la bellezza della loro vita. Non devono essere tediati da chi racconta sofferenze a meno che non si tratti di qualcuno che ha trovato, nella propria condizione ingiusta, un modo per fare del bene e per tendere al bene.

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Storie

Le motivazioni per cui dovremmo tutti vaccinarci

Gabriele Alfredo Amadei ci offre la sua personale esternazione sul perché dovremmo essere tutti convinti di iniettarci il potente “siero”.

Leggi tutto

Politica

Ucraina e problemi sotterranei

Viviamo in un’epoca di nuovi dominatori, finanza e big tech. Molte cose sembrano avvenire favorendo lo sviluppo del virtuale, ponendo le stesse compagini statali in forte soggezione a causa dell’imperversare del pensiero unico. Le nazioni rischiano di divenire semplici espressioni di queste dinamiche superiori.

Leggi tutto

Politica

Vaticano all’ONU: basta guerre

Monsignor Caccia, rappresentante vaticano alle Nazioni Unite, è intervenuto in due occasioni per chiedere la cessazione immediata delle ostilità e il ritorno alla diplomazia e al dialogo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano