Politica

di Mario Adinolfi

NESSUNO È DEVIATO, MA NON TIRO DIETRO LA GAMBA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sul tema “devianza” ho contestato la Meloni e molti mi hanno scritto: “Ben ti sta, tu consideri deviati i gay”. Io non ho mai criticato i gay in quanto tali, perché io non sono omofobo. Io sono un duro avversario politico di chi vuole modificare il diritto di famiglia, tutto qui. Per me il matrimonio è tra un uomo e una donna ed è, come scritto all’articolo 29 della Costituzione, premessa costitutiva della famiglia. Per me un bambino sfortunato che è in condizione di adottabilità deve trovare (come dicono le leggi vigenti) l’abbraccio caldo di una mamma e di un papà, non di due uomini. Per me deve restare vietato in Italia autoinseminarsi con un kit di sperma preso su Amazon a 30 euro. Per me deve restare vietato l’utero in affitto. Per me deve restare vietato registrare all’anagrafe figli di due persone dello stesso sesso, perché due persone dello stesso sesso non generano figli. Io difendo la famiglia naturale fondata sul matrimonio, difendo la vita, difendo la razionalità dei principi fondanti l’ordinamento giuridico del nostro Paese e visto che ci siamo difendo anche il divieto di eutanasia, di omicidio di consenziente, di aborto alla Planned Parenthood, libero e senza limiti, perché sono per due diritti fondamentali oggi messi in discussione: quello universale a nascere e quello a non essere uccisi da una siringa di pentobarbital preparata dallo Stato. Sono diritti fondamentali precristiani (giuramento di Ippocrate, VI secolo a.C.) come d’altronde precristiani e plurimillenari sono gli istituti fondamentali del matrimonio e del diritto di famiglia. Io difendo tutto questo, cioè difendo la radice stessa della nostra civiltà e della nostra cultura giuridica nazionale, senza odiare nessuno e senza aver mai considerato “deviato” nessuno.

Nella battaglia per i miei ideali metto tutto me stesso, questo sì, non tiro indietro la gamba e non ho paura né dei fischi intimidatori dei nemici né dei proiettili del fuoco amico. Chi la pensa come me mi scriva in privato (la mia email è [email protected] e rispondo io personalmente) se vuole aiutare la battaglia delle persone libere in Alternativa per l’Italia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/08/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Festival di Sanremo da dimenticare in fretta

Sempre e per sempre” canta Fiorella la rossa nella serata delle cover, in un Festival che avrebbe meritato di vincere. Sceglie De Gregori, dunque, al quale però non la lega nulla, se non una discreta parte del suo successo artistico. A meno che, con la sua densa nuova canzone, non abbia anche lei deciso di andare “A passo d’uomo”, titolo programmatico di uno schietto libro-intervista del “Principe della Sineddoche” (così un geniale striscione immortalò in un concerto il cantautore romano). Staremo a vedere: per adesso la Signora della Canzone italiana, l’interprete dal timbro invincibile è solo, per sua ammissione, una Combattente (militaresco titolo del suo ultimo cd), una grintosa guerrigliera teneramente persa nei sottoboschi del mainstream. Prenderle la mano e portarla fuori dal labirinto limaccioso in cui s’è cacciata guerreggiando a testa bassa, di questo viene voglia vedendola commossa e un po’ imbarazzata dietro l’inaspettato vincitore.

Leggi tutto

Storie

HAPPY HOUR, L’EPIDEMIA DISTOPICA DI FERRUCCIO PARAZZOLI

Ci si sveglia un giorno a caso in una qualunque periferia dell’Occidente medicalizzato, l’Occidente iperconnesso del XXI secolo, e di colpo la bolla patinata d’onnipotenza transumanista è svanita: basta un ridicolo microrganismo, un miasma invisibile a seminare un panico atavico.

Leggi tutto

Media

IL CORRIERE DELLA SERA DA BOBBIO A FEDEZ

Quando una volta i politici dovevano formarsi e studiare, lo facevano sui libri di Bobbio. Ancora oggi non sono in grado di fornire una distinzione più chiara e lucida di destra e di sinistra di quella regalataci nel piccolo ma fondamentale libro del pensatore piemontese intitolato appunto: “Destra e sinistra”. Oggi non si legge più, meno che mai testi di filosofia della politica. Chi avesse interesse a farlo parta da quel libro.

Leggi tutto

Società

Alla commissione etica delle Marche

La piaga della denatalità rende infatti insostenibili i costi del welfare: sanità, cura degli inguaribili, assistenza ai disabili gravi diventano attività troppo costose e dunque si procede a inoculare nel Paese una cultura di morte, l’idea che sia utile per tutti che il sofferente decida di eliminarsi in una logica hitleriana per nulla coperta da una falsa autodeterminazione. Il tutto senza una legge che consenta tutto ciò, imponendo dunque questa cultura saltando a piè pari il passaggio parlamentare.

Leggi tutto

Politica

PDF: ecco il nuovo direttivo della Toscana

NUOVI DIRIGENTI DEL POPOLO DELLA FAMIGLIA IN TOSCANA DI MATTEO: “CI PREPARIAMO ALLA SFIDA ELETTORALE DEL 2023”

Leggi tutto

Politica

Florida e Disney ai ferri corti

È guerra aperta tra Ron DeSantis e Disney dopo che il governatore della Florida ha firmato la legge che proibisce di tenere lezioni sull’orientamento sessuale e l’identità di genere alle scuole elementari.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano