Politica

di Roberto Signori

Le bugie di Speranza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’avvicinarsi delle elezioni politiche ha spinto Roberto Speranza a tornare in uno studio televisivo dopo due anni e mezzo, per portare avanti la campagna elettorale contro il centrodestra e cercare di gettare discredito sugli avversari. Il modus operandi della sinistra è ormai chiaro da tempo: concentrarsi sull’esponente del partito più forte del momento e tentare di demonizzarlo. Il ritorno del ministro della Salute però non ha fatto mancare diversi scivoloni, dalle dimissioni dal Pd alle solite accuse contro quelli che lui chiama no-vax.

Speranza, intervistato da Lucia Annunziata a In mezz’ora in più su Rai 3, ha puntato il dito contro il Rosatellum: a suo giudizio si tratta di una legge elettorale “folle, fatta di liste bloccate”. C’è dunque molta attenzione sulle liste, anche se le difficoltà riscontrate dal fronte rosso vanno ben oltre la legge elettorale. In tal senso il titolare della Salute si è lasciato andare a un momento di confusione, andando a ripescare un passaggio del passato su cui però occorre fare una precisazione.

“Io mi sono dimesso contro questa legge elettorale da capogruppo del Pd. Feci una grande battaglia. Per me questo resta un vulnus”, ha dichiarato Speranza. Che in realtà aveva deciso sì di fare un passo indietro da capogruppo del Partito democratico alla Camera, ma ad aprile del 2015, quando Matteo Renzi chiese di votare l’Italicum senza modifiche: “Non sono nelle condizioni di guidare questa barca, non smetto di sperare che questo errore che stiamo commettendo venga risolto”.

In quel caso aveva implorato Matteo Renzi, invitandolo ad ascoltare di più il partito sulla legge elettorale piuttosto che intestardirsi per la propria strada. Il 27 giugno 2015 Speranza si era espresso in maniera chiara: “D’Alimonte dice che l’Italicum non funziona per certi aspetti e va cambiato. Che amarezza poter, con un po’ di soddisfazione però, dire che noi lo avevamo detto. Io su questo mi sono dimesso da capogruppo alla Camera del più grande partito del Paese”. L’approvazione dell’attuale legge elettorale (il Rosatellum) avverrà poi, in realtà, soltanto nell’ottobre 2017: ben otto mesi dopo la sua scissione dal Pd e la nascita di Articolo 1 - Movimento democratici progressisti.

Non poteva ovviamente mancare la solita retorica sulle teorie no-vax attribuite al centrodestra. “In queste ore continuo a vedere ambiguità da parte della destra sulla campagna di vaccinazione”, ha lamentato il ministro della Salute. Che subito dopo ha rincarato la dose: “La destra (Meloni e Salvini in modo particolare per le posizioni ambigue che hanno avuto) sono in grado di garantire che la campagna di vaccinazione continuerà con la stessa determinazione che ci abbiamo messo noi? O in questi giorni hanno posizioni a metà perché gli interessa fare l’occhiolino ai no-vax?”.

Sarà curioso vedere se la “tattica rossa” funzionerà o verrà sonoramente bocciata dagli italiani.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/08/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un giudizio sulla legislatura

UN GIUDIZIO SULLA LEGISLATURA

Leggi tutto

Politica

Giustizia, giudici e diritti civili da centrodestra a centrosinistra

Confrontiamo i temi giudiziari nell’arco costituzionale in vista delle politiche di marzo 2018

Leggi tutto

Politica

Politica degli annunci e politica dei fatti

Il populismo considera la politica come “mero annuncio”, come vellicazione della pancia, eccitazione degli umori popolari dal basso. Per gli studiosi, i politici e i leader populisti “sono gli annunci che creano i fatti e fanno opinione e da qui la loro rappresentazione politica

Leggi tutto

Politica

La vittoria disonorata degli anticasta

Cosa è successo in questi dieci anni? Che il sistema politico si è affidato a ogni formula possibile: governo di centrodestra, tecnico di unità nazionale, centrodestra-centrosinistra, nuovocentrodestra-Pd, gialloverde, giallorosso. Qualsiasi formula ha ripetuto lo schema del tentare di massimizzare dalla posizione di potere il proprio consenso politico, allo stesso tempo annullando completamente qualsiasi procedura democratica interna ai partiti. Insomma, i vittoriosi anticasta di quel 2007 ribollente in pochissimi anni si sono fatti casta loro stessi

Leggi tutto

Politica

Vittorie e proposte

Temiamo fortemente che in una famiglia modesta con mamma e papà impiegati questo comporterà un peggioramento delle condizioni, vista la cancellazione di ogni bonus e detrazione. Servire altro. Con i tre miliardi stanziati dalla manovra 2021 per l’assegno per il figlio si può subito varare la storica proposta del Popolo della Famiglia: il reddito di maternità, mille euro al mese per le mamme che si dedicheranno in via esclusiva alla cura dei figli, riconoscendone dunque pienamente il ruolo effettivamente lavorativo ad alta valenza sociale.

Leggi tutto

Società

Il confine da non valicare

Ci troviamo oggi come si trovarono i popolari di Sturzo e De Gasperi negli anni venti del Novecento: o con le squadracce che portarono buona parte del ceto medio a devastare l’Italia liberale da loro ritenuta inadeguata a governare la crisi economica e sociale o con le forze democratiche (diverse per sensibilità ma unite per affezione ai luoghi della partecipazione popolare). Io, noi scegliamo ancora oggi l’opzione popolare con la speranza che questa mamma abbandoni la strada del terrorismo e torni a fare la mamma con uno Stato che finalmente le riconosca il valore pubblico del suo impegno con il reddito di maternità. Il Popolo della Famiglia è nato ed è in campo per questo, ora più che mai.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano