Politica

di Raffaele Dicembrino

Calcio - L’Udinese passa a Monza e Berlusconi attacca l’arbitro

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Intercettato dai giornalisti alla fine di Monza-Udinese, il presidente biancorosso Silvio Berlusconi se l’è presa con la direzione di gara. “L’Udinese giocava in 12 perché con loro c’era anche l’arbitro. Come si chiama? Di Bello? Dovrebbe chiamarsi Di Brutto. È stato un arbitraggio scandaloso. Nel loro secondo gol c’era un fuorigioco enorme, e nei contrasti ci ha sempre fischiato contro. Il futuro di Stroppa? È qui con noi: l’inizio di campionato è negativo, dobbiamo migliorare”. Anche l’ad Adriano Galliani conferma l’allenatore: “Andiamo avanti tranquilli e sereni, peccato gli infortuni. Stroppa confermato? Assolutamente”.

“Si è sentita la mancanza dei cinque titolari, bisogna recuperare chi non è in forma e insistere su schemi che non vengono rispettati. Cosa ho detto all’intervallo negli spogliatoi? Che avremmo dovuto vincere. I difensori avrebbero dovuto marcare a uomo ma non è stato fatto, così come il portiere che doveva fare rinvii lunghi e gli attaccanti che dovevano tirare più volte possibile” ha aggiunto Berlusconi.

Le parole di stima dei due massimi dirigenti brianzoli arrivano dopo che lo stesso Stroppa aveva escluso di sentirsi in bilico. “C’è molto rimpianto, è una partita che potevamo assolutamente vincere per le occasioni che abbiamo creato e sviluppato. Peccato per i gol presi, son abbastanza simili, sono reti evitabilissime, bisogna migliorare l’aspetto dell’attenzione e della determinazione a far le cose. Non puoi prendere gol così a difesa schierata - le sue parole a Dazn dopo la sconfitta interna subita con l’Udinese - Abbiamo fatto molto bene per certi versi, a volte abbiamo regalato qualche cosa, ma è una partita assolutamente positiva rispetto alle precedenti - ha ammesso - La squadra così mi piace, deve avere un po’ più di entusiasmo dal punto di vista del gioco. Bisogna lavorare, testa bassa e non guardare la classifica. Se avrò tempo per lavorare? C’è bisogno di tempo, la squadra è ancora in costruzione, ha bisogno ancora di qualcosa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/08/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Eutanasia barbara inciviltà

Non bisogna punire il dottore, ma il caso va trasferito alla Corte perché ci sia chiarezza su quali poteri ha e non ha un dottore quando si parla di eutanasia e pazienti che soffrono di demenza acuta”.

Leggi tutto

Società

Impiccherano Charlie con una corda d’oro

Abbiamo promesso a Charlie ogni giorno che lo avremmo portato a casa. Sembra veramente sconvolgente, dopo tutto quello che abbiamo passato, vederci negato anche questo». Così Connie Yates ha implorato dal mondo il soccorso che possa frapporsi tra loro e l’ultimo sfregio dello spietato nosocomio cui va imputata la morte del bambino. Francis ha stabilito data e ora di morte di Charlie

Leggi tutto

Politica

I sofismi pindarici dell’elettore cattoleghista

Poiché la “prima proposta” di Matteo Salvini – la riapertura dei bordelli – è il primo nervo scoperto del rapporto tra Lega e fedeli cattolici, non pochi cattolici legati ai circuiti del Carroccio stanno in queste settimane scomodando padri e dottori della Chiesa per troncare e sopire le loro coscienze…

Leggi tutto

Politica

Il disegno politico di Salvini

Salvini pensa che governerà “per un trentennio” e in effetti l’assenza di opposizioni oltre che la debolezza del suo alleato nell’esecutivo lo autorizza a queste rosee previsioni. In più è andato ad Arcore da Berlusconi per accertarsi che a Berlusconi interessa sempre e solo una cosa, cioè la sua “roba”, i tetti pubblicitari e quelle faccende lì, sul resto via libera a tutto a partire da Foa presidente della Rai che, poverino, è a bagnomaria a viale Mazzini da due mesi.

Leggi tutto

Politica

VALUTAZIONI POLITICHE SU VERONA

Finalmente si può parlare del Congresso di Verona potendo commentare le parole effettivamente pronunciate, lasciando da parte i sentito dire, ed è un bel sollievo: basta dietrologie e spazio alla valutazioni su quanto si è affermato.  Il Popolo della Famiglia come si sa non partecipa al Congresso di Verona proprio per il legame evidente e troppo stretto che si è voluto creare con un governo la cui azione è giudicata molto negativamente

Leggi tutto

Politica

La scritta in piccolo

Mentre è in corso una campagna elettorale nelle parrocchie i sacerdoti e anche i fedeli più timorati ci dicono sempre che “la politica non si fa in chiesa” e me l’hanno ripetuto così tante volte che quasi mi convincevano. Io in realtà penso che se su alcuni temi non si vuole soccombere le parrocchie dovrebbero assolutamente unirsi e organizzarsi politicamente, il Popolo della Famiglia in fondo è un’avanguardia di questa idea, ma accetto la regola: fuori dalle chiese, facciamo iniziative per strada (domani a Tor sapienza), in un salone affittato (lunedì a San Giovanni), nei ristoranti (mercoledì a Ostia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano