Storie

di Nathan Algren

Cina - Morto a 91 anni il vescovo Ye Rognhua

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si è spento ieri in Cina all’età di 91 anni mons. Giovanni Battista Ye Ronghua, vescovo della diocesi cattolica di Ankang, nella provincia dello Shaanxi. Era il primo vescovo cinese di quella che fu la prefettura apostolica di Hinganfu, staccata nel 1928 dalla diocesi di Hanzhong e affidata fino all’espulsione dei missionari stranieri alla cura dei frati minori conventuali italiani.

Mons. Ye stesso era nato il 20 giugno 1931 in una famiglia cattolica del villaggio di Shankou, che si trova nei pressi di Hanzhong, una delle diocesi dove svolsero il loro ministero in Cina i missionari del Pime: proprio qui nel 1900 era avvenuto, infatti, il martirio di sant’Alberico Criscitelli. Nel settembre 1945 il giovanissimo Ye Ronghua ad Hanzhong era entrato nel seminario minore di San Giuseppe, per poi spostarsi nel seminario regionale di Kaifeng, nella provincia dell’Henan, entrambe istituzioni fondate e rette dai missionari del Pime.

L’ascesa al potere dei rivoluzionari di Mao fermò, però, bruscamente la formazione dei nuovi sacerdoti dello Shaanxi. Quando completò gli studi nel 1958 dovette tornarfe ad Hanzhong senza essere ordinato; poi nel 1966, durante la Rivoluzione culturale, Ye Ronghua si ritrovò anche etichettato come “controrivoluzionario” e condannato alla rieducazione attraverso i lavori forzati.

Solo una volta finita la stagione più dura delle persecuzioni, il 10 dicembre 1981 poté essere ordinato. Nel 1987 fu poi l’allora vescovo di Xian, mons. Antonio Li Duan - una delle maggiori figure della Chiesa cinese contemporanea e grande tessitore di unità nella Chiesa in Cina - a inviarlo ad Ankang, nel territorio dell’ex prefettura apostolica di Hinganfu, con il compito di riedificare la piccola comunità cattolica in quest’area molto povera dello Shaanxi. Fu poi lo stesso mons. Li Duan il 10 dicembre 2000 a consacrarlo vescovo “ufficiale” di Ankang, ma presto riconosciuto anche dalla Santa Sede. Chi ebbe modo di incontrarlo racconta che il presule ricordava ancora con precisione i nomi dei missionari del Pime che aveva avuto come professori in seminario.

Colpito dalla malattia, già da alcuni anni aveva ottenuto di essere affiancato da un vescovo coadiutore, mons. Giovanni Battista Wang Xiaoxun, un sacerdote originario della diocesi di Xian che oggi ha 56 anni. L’ordinazione era avvenuta il 30 novembre 2016 e vi avevano preso parte sei vescovi delle diocesi dello Shaanxi, tutti in comunione col papa e riconosciuti dal governo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/08/2022
2503/2023
Annunciazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Società

Il triste contabile

Chi ha letto O capiamo o moriamo conosce il lavoro da triste contabile che ho compiuto nell’undicesimo capitolo, intitolato “Il secolo del fondamentalismo islamico”. Si tratta del capitolo più lungo, 23 pagine, perché ho messo in fila uno per uno tutti gli attentati di matrice islamica compiuti con spargimento di sangue dall’11 settembre 2001 a oggi. Dal World Trade Center siamo partiti, al World Trade Center siamo tornati sedici anni dopo. Nel mezzo, una scia interminabile di morte e di dolore e di paura a cui abbiamo reagito nella maniera peggiore possibile: con l’assuefazione.

Leggi tutto

Chiesa

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

Oggi la Chiesa agrigentina fa memoria del giubileo dalla visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 maggio 1993. Tutti ricordano monsignor Marini che tradisce una tensione stellare, alle spalle del roccioso pontefice slavo: oggi tutti i vescovi siciliani si ritroveranno alle 18:00 per una celebrazione eucaristica al Tempio della Concordia.

Leggi tutto

Politica

La Chiesa che si immischia

Nel 1982 il papa diceva ai confratelli convenuti da tutti i paesi europei, parlando del rapporto tra le Chiese locali e l’Europa: Il cristianesimo può scoprire nell’avventura dello spirito europeo le tentazioni, le infedeltà ed i rischi che sono propri dell’uomo nel suo rapporto essenziale con Dio in Cristo. Ancor più profondamente, possiamo affermare che queste prove, queste tentazioni e questo esito del dramma europeo non solo interpellano il Cristianesimo e la Chiesa dal di fuori come una difficoltà o un ostacolo esterno da superare nell’opera di evangelizzazione, ma in un senso vero sono interiori al Cristianesimo e alla Chiesa.

Leggi tutto

Politica

Una crescita figlia della lotta

Il Popolo della Famiglia è oggi quella casa che è rimasta in piedi dopo la tempesta, con porte e finestre spalancate perché mira a lavorare insieme ad altri, mai arroccato nelle proprie certezze ma aperto a nuovi incontri. In particolare mi ha colpito la disponibilità al dialogo con noi di molti cardinali e vescovi con cui ho potuto dialogare anche di persona, da Agrigento a Bologna, da Imperia a Lecce, da Teramo a Cuneo. Confido davvero in un risveglio della Chiesa nel sostegno ai politici impegnati in politica, ma a quei laici che appunto hanno dimostrato di non essere interessati alla poltrona, ma a costruire un orizzonte nuovo per il bene comune.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano