Politica

di la redazione

PDF: cosa vogliamo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si sono già chiaramente delineate le posizioni e le differenze dei partiti alternativi a quelli del Governo Draghi, il cui clamoroso fallimento è manifesto in tutti i campi, dalla gestione della questione migratoria:

https://www.analisidifesa.it/.../ma-lo-stato-italiano…/

alla crisi energetica provocata con l’invio di armi all’Ucraina, equivalente a una guerra con la Russia, nostro principale fornitore di gas, che logicamente ha attuato ritorsioni nei nostri confronti:

https://www.lospecialegiornale.it/.../ucraina-e-se…/

alla importantissima questione sanitaria su Covid e vaccini, vedi qui:

https://lanuovabq.it/.../covid-linee-guida-del-governo…

e qui, sul sito del Comitato “Ascoltami”, dove leggiamo le numerose testimonianze di persone che hanno subìto effetti avversi gravissimi post-vaccino mRNA per il Covid, che Draghi e i partiti del suo Governo hanno voluto perversamente imporre alla cittadinanza:

https://www.comitatoascoltami.it/our-impact

La materia sta emergendo clamorosamente, vedi qui:

https://lanuovabq.it/.../eventi-avversi-ora-il-governo-sa…

Gli “alternativi” a Draghi e ai partiti del suo Governo lo sono anche rispetto all’“opposizione” di FdI della Meloni, anch’essa favorevole ad armare l’Ucraina, e quindi a seguitare la guerra con la Russia con la conseguente crisi energetica, e al tempo stesso sostanzialmente indifferente alla tutela della vita dal concepimento alla morte naturale, indifferente alla promozione - concreta, no a discorsi! - della maternità, e pure assente su sussidiarietà, e quindi sul buono scuola a costo standard.

Fra gli “alternativi” vi sono però grandi e sostanziali differenze, che spieghiamo di seguito.

- Italexit, vedi qui il programma https://www.forzeitaliane.it/Programma-elettorale…

è NO-green pass, ma è anche a-valoriale: ritorno alla lira italiana, che al momento è un atto impensabile, è assente su tutela della vita dal concepimento alla morte naturale, su promozione della maternità. Assente anche su sussidiarietà, e quindi sul buono scuola a costo standard;

- Italia Sovrana di Rizzo e associati, vedi qui il programma:

https://www.facebook.com/ItaliaSovranaPopolare/photos/120121160775346

è anch’essa NO-green pass, ma esprime una visione tendenzialmente comunista-statalista, quindi è anch’essa costitutivamente ostile ai princìpi non negoziabili. Rizzo ha definito il Popolo della Famiglia, che è in APLI, nei termini di “integralisti cattolici”, e ne ha respinto ogni alleanza;

- VITA di Sara Cunial e altri, vedi qui il programma:

https://www.votalavita.it/programma/

articolato su ben dieci punti, assai verbosi. Anch’essa NO-green pass, ma ovviamente, vista la radice pentastellata di provenienza, si rivela paradossalmente ambigua fin dall’inizio sulla definizione di “vita”. Anzi, è bene che la citiamo:

“Abrogazione di ogni norma emanata in violazione dei diritti umani e in contrasto con i principi originari e spirituali della vita.

Sì alla vita come diritto inalienabile in tutte le sue espressioni e manifestazioni. Principale rivelazione della vita, le giovani generazioni, i bambini e gli adolescenti sono al centro della comunità nazionale.”

Vale a dire, se l’aborto, secondo l’OMS, è già, perversamente, un diritto umano, immaginiamo che VITA sia favorevole all’aborto.

VITA è comunque silente su tutela della vita dal concepimento alla morte naturale, sulla promozione della maternità, è assente su sussidiarietà, e quindi ovviamente sul buono scuola a costo standard;

- APLI - “Alternativa per l’Italia”, federazione tra Popolo della Famiglia e EXIT, vedi il programma qui:

https://www.facebook.com/mario.adinolfi/posts/pfbid02JvSzZadhQbwyaQKM7FvyFatke2DAVHiqzErK2Htxt18DgtQn46zmWEPpGi6rjVR8l

NO-green pass come gli altri, ma grandi differenze di sostanza sul resto, ovvero sui princìpi non negoziabili: quindi abbiamo la tutela della vita dal concepimento alla morte naturale, la promozione decisa della maternità con “Reddito di maternità”, per battere la crisi demografica, il “diritto universale a nascere” inserito nell’Art.1 della Costituzione, la massima proiezione di sussidiarietà e la massima partecipazione delle persone, delle famiglie e dei “corpi intermedi” alla gestione della cosa pubblica.

Quindi, fra i cinque punti prioritari di programma, abbiamo pure il buono scuola a costo standard, per la piena libertà di educazione - quello che nessun altro partito vorrà MAI dare alle famiglie, per mantenere la mano dello Stato-Leviatano sulle nuove generazioni, e plasmarle secondo i suoi desideri ideologici.

APLI è NO-gender nelle scuole, come peraltro VITA, che però, come detto, è ambigua sul resto.

Incentivo alla piccola impresa, come anche VITA, che però ha limiti di visione sui princìpi non negoziabili, come abbiamo appena detto.

Cittadini ed elettori, a voi la scelta!...

Per ogni questione o domanda, contattateci.

Rimanete aggiornati anche sulla facebook di Mario Adinolfi:

https://www.facebook.com/mario.adinolfi

e quella di Simone Di Stefano:

https://www.facebook.com/Alternativaperlitalia

STAY TUNED!!!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/08/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Una candidatura simbolica per rifondare l’ europeismo

Un progetto di ingegneria istituzionale non è sufficiente. Cosa impedisce infatti a un’ideologia di sostituirsi a un’altra? Le ideologie totalitarie disprezzavano il formalismo giuridico e istituzionale, aggirandolo sistematicamente. Oggi in Europa regnano, in nome dell’impoliticità, altre ideologie che si chiamano pensiero politicamente corretto, dittatura del relativismo, umanismo (cioè l’umanesimo senza l’umano). Sempre più il nuovo ordine europeo assomiglia – paurosamente – a quel regime che Tocqueville nella “Democrazia in America” aveva battezzato come «dispotismo democratico»: una tirannide confidenziale, ludica, che lascia che la massa del popolo si trastulli con «piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri». I cittadini così diventano degli individui isolati, estranei gli uni agli altri, degli apolidi senza patria.

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

Politica

Berlusconi “eutanasizza” Forza Italia

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Politica

Lamorgese in aula: scontri a Roma, qualcosa non ha funzionato

«Nell’immediatezza dei fatti ho chiesto al capo della polizia una dettagliata ricostruzione delle evidenti delle criticità che, occorre riconoscerlo, hanno contrassegnato la gestione dell’ordine pubblico di quelle ore. E’ palese che non si sia riusciti a contenere tutti i propositi criminali da cui era mossa la parte violenta dei manifestanti, specie quella istigata da elementi più politicizzati» Sono le parole della Lamorgese

Leggi tutto

Società

Caso Signorini, Adinolfi dalla parte del conduttore

Continua a tenere banco il caso sulle parole di Alfonso Signorini riguardanti l’aborto al GF Vip: Mario Adinolfi si schiera dalla parte del conduttore

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano