Storie

di Giuseppe Udinov

Iraq - Card. Sako: elezioni anticipate unica via per la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La sola via per uscire da una situazione di stallo politico e di paralisi istituzionale e di restituire la parola al popolo e “indire nuove elezioni”, come ha sottolineato in queste ore lo stesso presidente iracheno. Il patriarca di Baghdad card. Louis Raphael Sako, non nasconde la “profonda preoccupazione” per le violenze che hanno insanguinato l’Iraq.

Del Paese arabo ha parlato stamane all’udienza del mercoledì anche il pontefice, il quale ha detto di seguire “con preoccupazione i violenti avvenimenti verificatisi a Baghdad negli ultimi giorni: preghiamo Dio di donare pace alla popolazione irachena”. “L’anno scorso - ha proseguito il papa, ricordando il viaggio apostolico del marzo 2021 - ho avuto la gioia di visitarla e ho sentito da vicino il grande desiderio di normalità e di convivenza pacifica tra le diverse comunità religiose che la compongono”. “Dialogo e fraternità - conclude - sono la via maestra per affrontare le attuali difficoltà e arrivare a questa meta”.

Il bilancio degli scontri fra sostenitori del leader sciita Moqtada al-Sadr e le Forze di sicurezza (sostenute dai movimenti filo-iraniani) è di almeno 30 morti e quasi 800 feriti. Per ore si è temuto che la situazione potesse degenerare in una vera e propria guerra civile, sventata grazie all’appello dello stesso al-Sadr che ha invitato i dimostranti alla ritirata per scongiurare un ulteriore spargimento “di sangue iracheno”.

Manifestanti e sostenitori del leader sciita, figura che ha assunto sempre più potere e seguito negli ultimi anni, hanno invocato a gran voce lo scioglimento del Parlamento e nuove elezioni. Un messaggio rilanciato qualche ora più tardi dal presidente iracheno, il curdo Barham Saleh, che vede nelle urne la sola via per risolvere la crisi che da quasi un anno paralizza la nazione. “Indire nuove elezioni anticipate in conformità al consenso nazionale - ha sottolineato il capo dello Stato - rappresenta una via di uscita dalla crisi” ed è fattore di “stabilità politica e sociale” rispondendo alle “aspirazioni del popolo iracheno”. Il premier iracheno ad interim, il sunnita Mustafa al-Kadhimi, ha voluto ringraziare al-Sadr per l’appello alla calma e alla moderazione.

Commentando le violenze, il patriarca Sako conferma che “la gente ha avuto molta paura” soprattutto per una ulteriore deriva incontrollata. “Il leader sciita - aggiunge il porporato - ha fatto bene a condannare la violenza e a chiedere ai suoi di abbandonare la Zona verde [di Baghdad]. Tutti dobbiamo fare dei sacrifici e delle rinunce per l’Iraq e per il suo popolo, tutti assieme dobbiamo trovare una soluzione pacifica per il Paese”.

Per il primate caldeo la portata degli scontri è stata elemento di “sorpresa” per lo stesso al-Sadr e non si può escludere che “siano stati degli infiltrati alle manifestazioni” a provocare lo scontro e sfociare nella deriva violenta. Del resto, prosegue, il leader sciita “ha sempre parlato di manifestazioni pacifiche” e trovandosi di fronte all’escalation ha invocato un passo indietro. “E di questo - sottolinea - lo ringrazio, perché ha fatto una dichiarazione e una mossa coraggiosa. Anche noi come Chiesa siamo per il dialogo, per la pace e per il progresso, che sono l’unica via per uscire dalla crisi perché l’alternativa, terribile, è la guerra civile”. “Ho sentito la dichiarazione del presidente Saleh - conclude il card. Sako - e concordo con lui: l’unica via è il voto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/08/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sui “veggenti” stiamo con il Papa, ma l’attacco è alla fede e alla Chiesa

Siamo stati chiamati a rispondere anche in tv da fisici, scienziati, psicologi su fenomeni come quello di Medjugorie. Ecco la risposta del nostro giornale

Leggi tutto

Chiesa

Summorum pontificum: dieci anni dopo

È stato uno dei provvedimenti più discussi e avversati del pontificato ratzingeriano: dal punto di vista canonico, dal punto di vista teologico e liturgico, diverse obiezioni si erano levate vibranti. Poi è seguita l’applicazione, e ora il tempo per una prima ricognizione sembra maturo: il cardinal Sarah ha impreziosito un dossier per comprendere questa “opportuna restaurazione”

Leggi tutto

Storie

In Siria troppi interessi economico-politici e poco rispetto per la sovranità nazionale

In #Siria tutto e’ pronto per una guerra devastante tra due blocchi intenzionati a non mollare! La tensione e’ altissima in Siria, e l’Onu e’ ancora una volta impotente di fronte a venti di guerra che soffiano sul Medio oriente. Il cacciatorpediniere americano USS “Donald Cook”, armato con missili Tomahawk, ha lasciato il porto cipriota di Larnaca e si dirige verso il Mediterraneo orientale, per portarsi nel raggio d’azione di Damasco, accusata dall’Occidente di aver usato le armi chimiche lo scorso 7 aprile a Duma. Russia e Iran pronte a difendere l’incolpevole alleato a tutti i costi da quella che considerano una trappola israeliana

Leggi tutto

Politica

Perché non siamo soli ma siamo solo noi

Mirko De Carli risponde ad un lettore su presente e futuro del Popolo della Famiglia dopo il voto emerso dalle urne europee

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

Società

UN “RISCHIO” CHIAMATO FAMIGLIA CHE SI RIBELLA ALLA CULTURA DEL PROVVISORIO.

Il trionfo del precariato è riuscito ad invadere ogni campo, arrivando persino, con arguzia encomiabile, a minare la colonna portante della società e cioè la famiglia. Tutto in un silenzio tombale, senza che nemmeno ce ne accorgessimo. Il vertiginoso calo dei matrimoni, sia civili che religiosi, è l’esempio lampante di una mentalità che ha paura delle scelte definitive e vive alla giornata, sballottata qua e là dalle armi di distrazioni di massa dei social media.  Il timore di eventuali fallimenti sta facendo gonfiare a dismisura il numero delle convivenze, anche dove in apparenza le unioni sembrerebbero molto solide e a prova di qualunque crisi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano