Storie

di Giuseppe Udinov

Ucraina: continua a prosperare l’industria dell’utero in affitto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nonostante la guerra, il business della maternità surrogata in Ucraina prospera:

- il governo ha ridotto le pratiche burocratiche sicché i compratori di bambini possono arrivare e ripartire con la merce acquistata nel giro di pochi giorni;

- con la povertà generata dalla guerra, ci sono sempre più donne disposte a dare l’utero in affitto per sopravvivere.

Nell’Ucraina orientale, invero, è stato riferito che le cliniche per la fertilità, i loro embrioni, ovuli e sperma congelati sono stati distrutti. Alcune cliniche hanno esaurito l’azoto liquido per congelare, difficile da ottenere in condizioni di guerra.

Ma BioTexCom, una delle più grandi fabbriche di bambini del mondo, è attiva e operante, assicura il multimilionario che la dirige, Albert Tochilovsky.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/09/2022
2206/2024
San Paolino da Nola

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Grideranno i ragazzi

Il quotidiano la Repubblica dona una pagina a Monica Corinna’ e lei ci prospetta il suo mondo futuro. Un mondo voluto da minoranze e creato a colpi di fiducia parlamentare. Fortunatamente esiste il Popolo della Famiglia e vi sono i referendum abrogativi!

Leggi tutto

Politica

Siria: dall’Ue 10 milioni di euro per le persone vulnerabili

L’obiettivo è fornire rapidamente cibo e alimenti e contribuire a una maggiore copertura da parte dei servizi medici essenziali

Leggi tutto

Società

Il messaggio nella bottiglia

Ucraini e Russi di Ostia, nella prossimità uniti da fede, quotidianità e identità locale

Leggi tutto

Chiesa

Suore indiane di Madre Teresa hanno scelto di restare a Kiev

Suor. Rosela e suor. Ann hanno rifiutato la prospettiva di spostarsi in una zona più sicura per non abbandonare chi soffre.

Leggi tutto

Storie

Piacenza - Le suore Scalabriniane lasciano la casa ai profughi dell’Ucraina

Leggi tutto

Storie

UK. Un nuovo caso Charlie

La cultura della morte sembra aver vinto ancora una volta nel Regno Unito. Il giudice dell’Alta Corte ha infatti stabilito che per Archie Battersbee, 12 anni - trovato privo di conoscenza in casa a Southend, nell’Essex, il 7 aprile - non c’è più nulla da fare e che quindi bisogna lasciarlo morire.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano