Media

di Roberto Signori

I diari delle vergogna

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Il momento “giusto” per avere una esperienza sessuale è quando lo decidi tu». «La verginità è un’idea piuttosto limitata». «Nel sesso tutto deve avere come unico obbiettivo il piacere». «Guardare materiale pornografico non è sbagliato». «Non c’è nulla di strano nell’essere attratti da porno transessuale, sentiamoci liberi!»

Le frasi poc’anzi citate – incredibile ma vero – sono tratte dalle pagine dell’agenda Smemoranda 2022/2023, acquistata in queste prime settimane di scuola da alunni e studenti, da bambini e adolescenti. Proprio così: infilati tra un giorno e l’altro, come se nulla fosse, questi inni alla ipersessualizzazione sono contenuti nei diari scolastici. Non ha senso specificare quali per un motivo semplice: è una tendenza generale, che sta dilagando. Il che, inutile nasconderlo, risulta qualcosa di altamente problematico.

Se infatti fino ad oggi i genitori intenzionati a mettere i loro figli al riparo da visioni ideologiche e senza dubbio parziali di temi eticamente sensibili, dovevano solo – si fa per dire - preoccuparsi dei sedicenti “esperti” che non di rado vengono invitati in assemblee di istituto o a tenere lezioni “contro il bullismo e gli stereotipi di genere”, ora le cose sono cambiate; e non in meglio, evidentemente. Adesso l’ideologia gender e le sue ramificazioni mettono le loro radici direttamente negli zaini dei ragazzi, attraverso appunto le agende e i diari. Un fenomeno del tutto nuovo e che, se da un lato non è impossibile da stanare, dall’altro richiede senza dubbio a padri e madri un supplemento di vigilanza anche su tale versante, fino a ieri considerato sicuro.

Perchè avviene tutto questo?

Significativo, al riguardo, quanto scritto sul sito European Conservative da Roger Watson - accademico già docente all’Università di Hull -, recensendo “How Woke Won” (John Wilkes Publishing 2022), il nuovo libro di Joanna Williams: «I veri campi di addestramento woke oggi sono le università. Qui agli studenti viene insegnato sempre meno a pensare, a vantaggio di ciò che viene insegnato. Le opinioni woke sono promulgate all’interno di corsi e curricula, dai sindacati e dalle società studentesche e rafforzate dal pensiero di gruppo. Le opinioni dissenzienti vengono silenziate con metodi che avrebbero fatto felice il presidente Mao».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/09/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Vaers - La miocardite pericolo per i ragazzi dai 12 ai 17 anni

I dati VAERS pubblicati venerdì dai Centers for Disease Control and Prevention includevano un totale di 1.033.994 segnalazioni di eventi avversi di tutti i gruppi di età a seguito dei vaccini COVID, inclusi 21.745 decessi e 170.446 feriti gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 7 gennaio 2022.

Leggi tutto

Media

BBC chiede venia per aver intervistato il trans che “amava” picchiare le donne

L’emittente statale britannica BBC si è scusata per aver intervistato un combattente di MMA trans, che in precedenza aveva scritto online che “amava” picchiare le donne critiche nei confronti del transgenderismo

Leggi tutto

Società

Farmaci per la disforia di genere ancora decisivi i cattolici

Triptorelina agli adolescenti per bloccarne lo sviluppo sessuale. Solo uno il voto contrario.

Leggi tutto

Società

Nel nome del Padre

In quest’epoca di pazzi, in cui trionfano disgustosi falsi miti di progresso, continua imperterrito questo insensato attacco alla famiglia come Dio l’ha voluta e vengono avanti nuovi diritti che mascherano vecchie schiavitù

Leggi tutto

Società

Così il gender minaccia la libertà

Eccovi un interessante articolo pubblicato su Il Giornale su gender e libertà di opinione

Leggi tutto

Società

Dopo il nuoto, è il turno del rugby: trans banditi dai Mondiali

Dopo il nuoto, anche nel rugby viene imposto lo stop — seppure temporaneo — agli atleti trans nelle competizioni della categoria femminile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano