Politica

di Mario Adinolfi

SENZA CHIEDERE NEANCHE SCUSA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Avete votato centrodestra alle politiche del 2008 e io ero in Parlamento e il centrodestra votava con il Pd tutti i provvedimenti del governo Monti; avete votato centrodestra alle politiche del 2013 e il governo che ne uscì fu il governo con Enrico Letta premier e il capo del centrodestra primo partner, poi gli eletti di centrodestra come il cattolico Lupi e non solo diedero i voti decisivi per far approvare la legge Cirinnà che ora piace a Zaia e pure a Giorgia Meloni che la definisce “un diritto che non verrà toccato”; avete votato centrodestra nel 2018 perché vi sventolavano il Rosario davanti e quello ha fatto il governo subito con Grillo, Di Maio e Conte accettando l’approvazione della triptorelina gratuita per fermare la pubertà ai bambini per prepararli al cambio sesso; nel 2022 volete raccontare la favola che votare centrodestra ci evita il Pd al governo mentre il centrodestra È attualmente al governo con il Pd e la Meloni giura che sarà fedele a Biden, all’Ue genderista e abortista, alla legge 194 “che nessuno vuole cambiare”, all’agenda Draghi in materia di guerra alla Russia e armi a Kiev con conseguente disastro per imprese e famiglie italiane.

Ma quante volte ancora pensate di potervi fare prendere in giro? Dopo quattro legislature in cui fate lo stesso errore, davvero non vi è chiaro come funziona? Votate Alternativa per l’Italia che i principi non negoziabili non li negozia, che non ha leader con il cartellino del prezzo, che ha candidato persone la cui credibilità è cristallina, che ha presentato il programma di governo più sensato e attento ai bisogni immediatamente concreti delle famiglie italiane. Esempio concreto: al collegio senatoriale di Roma 1 Emma Bonino è sventrata da Carlo Calenda (non da voi che siete fiacchi e la faceste vincere nel 2018), la sconosciuta obbediente che è passata da Forza Italia a Ncd (i traditori di Lupi e compagnia, vedi sopra) a Fratelli d’Italia ha il seggio regalato. Votare Alternativa per l’Italia che in quel collegio candida chi vi scrive vi offrirà la sensazione che regala l’aria pura.

Avrete votato come bisognerebbe sempre votare: con il sorriso perché è la scelta più vicina alle ragioni che muovono la vostra coscienza. Il 25 settembre votate Alternativa per l’Italia. Non vi fate fregare per la quarta legislatura consecutiva, non fate gli allocchi ancora, fate capire che non vi abbindolano più con la paura che si realizzi quel che poi loro puntualmente realizzano senza chiedere neanche scusa.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/09/2022
2811/2022
San Giacomo della Marca

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Fillon nuovo idolo del centro-destra

È andata proprio come vi avevamo preannunciato nei giorni scorsi. Francois Fillon è il candidato dei repubblicani nella corsa all’Eliseo della primavera del 2017.
Dopo aver eliminato Nicolas Sarkozy al primo turno (anche se in realtà l’ex presidente si era già giocato la fiducia dei francesi dalla guerra in Libia), è stata una vittoria schiacciante quella riportata contro Juppè. Fillon ha infatti stravinto il ballottaggio con il 67% contro il 33% di Juppè, e tutta la destra appare compattarsi dietro François Fillon, l’uomo che i Républicains hanno deciso di lanciare nella corsa all’Eliseo dopo primarie vinte a valanga.

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Storie

E’ un diritto di ogni uomo essere anche donna seppur non lo sia

«C’è del metodo in questa follia», disse Polonio di Amleto: e in effetti a ben vedere non c’è troppo da stupirsi dell’assurdità di farsi dichiarare per legge appartenenti a un sesso che non è il proprio, giacché la stessa “riassegnazione sessuale” è poco più di una sofisticata mascherata. Solo che ci crediamo…

Leggi tutto

Politica

La prossima volta votate Popolo della Famiglia

Al Popolo della Famiglia era stata rimproverata la dispersione di voti “utili”. Il soggetto politico autonomo aveva a sua volta ribattuto che votare centrodestra significava votare inciucio. E proprio
i peggiori paventati dai cattoleghisti: quello con l’avaloriale Pd e quello con il laicistico M5S. Si sta verificando in questi giorni l’ipotesi più temuta e più ardita: la facile profezia del PdF sia di lezione

Leggi tutto

Società

Eutanasia made in UK: i morti di Jane Barton

Vengono alla luce molti processi (alcuni alle azioni della dottoressa e altre agli insabbiamenti dei suddetti) per “morti sospette”.

Leggi tutto

Società

Obiettivo 100 per cento medici obiettori

Silvio Viale si è vantato, “da medico”, di uccidere bambini. Un approccio contraddittorio consente la soppressione della vita umana nel grembo materno in nome di altri diritti. L’Italia in questo senso è un
avamposto: la stessa legge 194, all’articolo 9, riconosce il diritto all’obiezione di coscienza per il medico che non voglia praticare aborti. Già oggi per la maggioranza sono fedeli al giuramento di Ippocrate.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano