Media

di Tommaso Ciccotti

“Per te figlio” vince la prima edizione di “Cantacielo”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È una canzone d’amore di una madre per il figlio a vincere la prima edizione del festival “Cantacielo”, dedicato alla “canzone dell’anima”. Scritta da Marcello Marrocchi e arrangiata da Romano Musumarra, “Per te figlio” è stata interpretata da una giovanissima cantante di Gubbio, la quindicenne Jessie Grace Smith. Nell’ambito della serata conclusiva della manifestazione, si sono esibiti, accompagnati dai 22 elementi della Lavorè Orchestra, anche gli altri finalisti: i Babols con Alice (Autori: Gabriele Ferrarese/Luca Romano/Dorotea Fossile); Angelo Antonio Ferrara con Tutto può cambiare (Autore: Dorotea Fossile); Emilio Corbo e Patrizio De Simio con Sulla strada per il cielo (Autore: Emilio Corbo); Mirael con Baila nell’anima (Autore: Mirael); Fabio Piacentini e Ilaria Cristofari con Risvegli(Autore: Gabriele Ferrarese); Etimo con Qui (lettera all’uomo) (Autori: Etimo e Filippo Moreschini); Fabio Fois con In un giorno di vento (Autori: Fabio Fois/Marco Profeta.

La prima edizione di questo evento musicale, che riguarda anche il genere della Christian Music, è stata trasmessa in onda su Rai 2 nella seconda serata di martedì 6 settembre. La giuria era presieduta da Dario Salvatori e composta da Eugenio Arcidiacono, Donatella Pandimiglio, Francesca Chialà, Frate Alessandro Brustenghi, Gianfranco Sciscione, Giorgio Flavio Pintus e Romano Musumarra

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/09/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Perché il disegno di legge Cirinnà è inemendabile

Chi parla di possibili mediazioni sul ddl che istituisce di fatto il “matrimonio” gay e legittima anche la pratica dell’utero in affitto, tradisce piazza San Giovanni

Leggi tutto

Società

Il fallimento delle unioni civili

Credo che i Family Day abbiano ottenuto concretamente lo stralcio della stepchild adoption, lo stop alla legalizzazione di fatto dell’utero in affitto e abbiano anche reso evidente la presenza di un popolo pronto a dare battaglia politicamente, cosa che si è verificata poi con la nascita del Popolo della Famiglia. Le manifestazioni Lgbt hanno portato a casa una brutta legge che non piace neanche a chi si è battuto per averla, peraltro con una mancanza di soggettività politica reale. Sbaglierò ma vedo il mondo Lgbt frastagliato in mille sigle e siglette tra loro anche in conflitto aspro. Esiste poi una dimensione lobbistica in cui invece credo che siete un passo avanti a noi.

Leggi tutto

Politica

La politica che lucra sulle dipendenze

Se il centrodestra ha Salvini che promuove la prostituzione, a sinistra Civati vanta i soldi che si farebbero con la droga. Sui nostri figli!

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Società

L’importanza di pregare insieme, come coppia e in famiglia

Leggi tutto

Storie

Ecco la pillola anti Covid

Una pillola che si può prendere a casa, ai primi sintomi della malattia. E che potrebbe dare la svolta decisiva a una campagna vaccinale ormai stagnante da settimane: l’obiettivo del 90% di popolazione immunizzata con due dosi è ancora lontano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano