Società

di Roberto Signori

Il sessismo? Solo di destra!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le parole di Elodie su Giorgia Meloni continuano a far discutere. Il web è spaccato tra chi considera inopportune le parole della cantante e chi, invece, la sostiene. La notizia è che a questo giro di boa sono più quelli che non concordano con quanto detto da Elodie sulla leader di Fratelli d’Italia, che è stata definita, tra le altre cose, “violenta” e “poco donna”. La politica di sinistra ha preferito tacere stavolta, cosa che non avrebbe fatto se a essere oggetto di un simile attacco fosse stata una qualunque delle sue esponenti. Purtroppo, nel nostro Paese le femministe sono sempre pronte a scendere in piazza e a protestare contro patriarcato e sessismo. Ma non quando c’è di mezzo Giorgia Meloni: contro di lei tutto è concesso.

Sono questi i paletti del politicamente corretto e del femminismo del Duemila? “Gli attacchi sessisti non sono tali quando a farli sono moralisti di sinistra”, dice Matteo su Twitter. Una considerazione purtroppo amara in questo momento storico, in cui quelli che si considerano democratici e urlano in favore dei diritti civili e del rispetto della diversità, poi cercano di mettere il bavaglio e insultano tutti quelli che la pensano diversamente da loro. È una strana idea di democrazia quella che si sta facendo avanti nel nostro Paese, che ha sempre più i contorni della dittatura del pensiero unico: chi non si allinea dev’essere punito. Come? Scatenando i personaggi come Elodie, che confondono la critica politica con la critica da bar.

Una donna che dice a una donna che è poco donna. La famosa solidarietà femminile”, fa notare un altro utente, che per questo suo pensiero, non offensivo e lineare su un ragionamento che in tanti hanno fatto, è stato bersaglio di insulti beceri. “Quando dovete votare una fascista, voi ominidi tirate fuori la solidarietà femminile di cui di solito non ve ne frega un ca***. Elodie grandeeeeee vs Meloni”, ha replicato Manuela. Questo è il talebanismo che si sta alimentando, dove una donna di destra diventa automaticamente “fascista” e un uomo che sottolinea un ragionamento logico, che però va fuori dall’area del pensiero unico, viene definito “ominide”.

Per fortuna, ci sono anche quelli che, pur non avendo un allineamento con il pensiero di Giorgia Meloni, riconoscono l’inopportunità di Elodie: “Non condivido la Meloni, ma sono assolutamente certo che quest’ultima distruggerebbe Elodie in 3 minuti in un confronto. Non credo che la politica possa essere discussa con questi attacchi in stile Grande Fratello”. Quello che fa specie è che la persona che ha scritto questo post conclude il suo ragionamento, democratico e logico, con una richiesta: “Non linciatemi”. Il senso di quanto accade ora in Italia sta tutto in queste due parole.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/09/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Asti: ecco il candidato del PDF

“Ad Asti porteremo una vita nuova – ha affermato il coordinatore regionale del PdF, Lucianella Presta – dopo una fase di trattative, interessanti e costruttive, per verificare la possibilità e l’opportunità che la nostra lista confluisse in una coalizione, ci siamo resi conto che eravamo pronti e nelle condizioni di concorrere da soli, per non rischiare di attenuare la portata innovativa, direi, rivoluzionaria, anzi, “controrivoluzionaria” delle nostre proposte”

Leggi tutto

Politica

FAMIGLIA, FIGLI E FUTURO. LE TRE ‘F’ PER VOTARE IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

Politica - FAMIGLIA, FIGLI E FUTURO. LE TRE ‘F’ PER VOTARE ALLE TORNATE AMMINISTRATIVE IL POPOLO DELLA FAMIGLIA
di Nicola Di Matteo (Vice-Presidente e Coordinatore Nazionale)

Leggi tutto

Storie

Le cure palliative in Italia

Dall’indagine emerge che ogni anno in Italia oltre 543mila persone adulte necessitano di cure palliative, ovvero quell’insieme di trattamenti rivolti ai malati inguaribili al fine di migliorarne la qualità di vita riducendo il livello di sofferenza e dolore.

Leggi tutto

Politica

LA RACCOLTA FIRME, LABORATORIO DI UNITA’ POSSIBILE

In tutta Italia migliaia di militanti e sostenitori di una delle sei liste anti-governative stanno faticando al sole e al caldo agostano nell’improba impresa di raccogliere le 750 firme certificate per ciascuno delle decine e decine di collegi elettorali sparsi per la penisola, con la pratica difficoltà di trovare non solo le persone che sottoscrivano le liste di candidati, ma anche i pubblici ufficiali (avvocati, notai, consiglieri comunali, ecc.) che certifichino tali firme, in quanto quasi tutti fuori città per le agognate ferie.

Leggi tutto

Politica

“Devono sputare sangue…”: l’attacco choc del Pd

“La Puglia è la Stalingrado d’Italia, qualunque cosa accada da qui non passeranno, gli faremo sputare sangue”. Così Michele Emiliano chiude il suo discorso elettorale sul palco del Pd. Enrico Letta che lo ascoltava in poltrona si alza, gli va incontro, ma anziché prendere le distanze da quelle parole violente, lo abbraccia.

Leggi tutto

Chiesa

CROSBY E GLI ALTRI CANADESI PARLANO DI EUTANASIA

In molti attendevano la loro presa di posizione che è puntualmente giunta in queste ore.
Eutanasia e suicidio assistito sono totalmente inaccettabili”: è quanto scrive, in una nota, monsignor Douglas Crosby, presidente della Conferenza episcopale del Canada. La dichiarazione del presule arriva dopo che, il 25 febbraio, il “Comitato speciale del governo canadese sull’aiuto medico a morire” ha pubblicato un rapporto intitolato “L’aiuto medico a morire: un approccio incentrato sul paziente” e tutte le polemiche che ne sono seguite.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano