Società

di Nathan Algren

Iran - Riconoscimento facciale contro le donne senza velo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il governo iraniano impone una nuova stretta su dissidenti, voci critiche e semplici cittadini - soprattutto le donne - annunciando fra gli altri l’introduzione di una tecnologia di riconoscimento facciale, per “identificare quante non indossano l’hijab (il velo islamico)”. L’annuncio giunge in una fase di crescenti attenzioni e denunce della comunità internazionale e di gruppi attivisti verso la crescente repressione imposta da Teheran: è di questi giorni la notizia della condanna a morte di due attiviste per “corruzione sulla terra”; alla base della sentenza la promozione dei diritti degli omosessuali e, per una delle due, di aver professato il cristianesimo.

Fra le recenti direttive del governo ultra-conservatore del presidente Ebrahim Raisi, in carica dall’agosto 2021, vi è la decisione di rafforzare la tecnologia - già assai diffusa in alcuni Paesi dell’Asia, soprattutto Cina e Israele - del riconoscimento facciale. A questo si somma una escalation nelle condanne al carcere, dell’uso della tortura e del ricorso alla pena capitale. “La decisione - sottolinea l’esperta Fariba Parsa del Middle East Institute a L’Orient-Le Jour (LOJ) - di usare il riconoscimento facciale per controllare l’abbigliamento delle donne esemplifica la paura della Repubblica islamica davanti alle manifestazioni popolari e al rischio di una nuova rivolta”.

Un rapporto diffuso il 5 settembre dall’agenzia semi-ufficiale iraniana Fars riferisce che oltre 300 persone - non è specificato l’arco temporale - sono state arrestate per aver protestato contro il velo obbligatorio. Nel mirino dei dimostranti la direttiva del 5 luglio che ha inasprito ancor di più l’obbligo sull’hijab, in vigore dalla Rivoluzione islamica del 1979, e applicato a tutte le donne del Paese a prescindere dalla religione professata.

Altro elemento che conferma la linea impressa dal nuovo governo, dopo gli anni sotto la presidenza del moderato Hassan Rouhani, la decisione di introdurre “la giornata nazionale dell’hijab e della castità”, in calendario il 12 luglio e celebrato la prima volta quest’anno. Una scelta che esemplifica il rafforzamento delle misure e dei controlli relativi all’applicazione dei dettami dell’islam, con una particolare attenzione all’universo femminile. Le donne che lavorano negli uffici pubblici, infatti, potranno essere licenziate se le loro foto del profilo sui social network saranno ritenute “non conformi alla sharia”, la legge islamica. E quante pubblicheranno immagini senza il velo potranno essere private dei diritti civili per un periodo da sei mesi a un anno.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/09/2022
0502/2023
Sant'Agata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La pretesa di conquista dell’Islam

Il sondaggio di IPR Marketing sui musulmani d’Italia porta finalmente un po’ di sostanza al dibattito sull’integrazione che si protrae ormai nel solito stanco (e stancante) derby tra rossi e neri.
Un vasto sondaggio corredato da diciotto tabelle, per affrontare le questioni dell’apprendimento della lingua, la questione della donna, le aspettative politiche e le proiezioni per la media scadenza

Leggi tutto

Politica

E ORA? CINQUE ATTI PER VINCERE ANCORA

Il ddl Zan ha perso tra l’applauso del Senato, di quella parte della politica fiera di aver seguito la battaglia de Il Popolo della Famiglia ed aver salvato l’Italia da una legge violenta e liberticida. Avremmo tutti applaudito con vigore se fossimo stati li in quel momento.

Leggi tutto

Politica

Paesi Bassi: una guida al dialogo tra cristiani e musulmani

“Fede e professione: una guida al dialogo tra cristiani e musulmani”. Iniziativa interreligiosa fra cattolici e islam nei Paesi Bassi

Leggi tutto

Chiesa

Il salto di qualità o la speranza di Pirro?

Cercare le vie adeguate per un salto di qualità: il favorire l’autentica maturazione e dunque anche partecipazione delle persone.

Leggi tutto

Storie

Nigeria: rapito sacerdote

Leggi tutto

Politica

Guardie Svizzere, il 6 maggio giurano 36

Le guardie della Guardia Svizzera Pontificia prestano il giuramento nell’anniversario del Sacco di Roma. Il 6 maggio 1527, 189 guardie svizzere difesero Papa Clemente VII contro un esercito schiacciante di lanzichenecchi tedeschi e mercenari spagnoli. 147 caddero in battaglia, compreso l’allora comandante Kaspar Röist di Zurigo. 42 guardie riuscirono a fuggire attraverso il “Passetto di Borgo” verso Castel Sant’Angelo. Papa Clemente VII fu costretto ad arrendersi poco dopo, ma la sua vita e quella delle 42 guardie furono risparmiate dalla furia sanguinaria.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano