Società

di Nathan Algren

Iran - Riconoscimento facciale contro le donne senza velo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il governo iraniano impone una nuova stretta su dissidenti, voci critiche e semplici cittadini - soprattutto le donne - annunciando fra gli altri l’introduzione di una tecnologia di riconoscimento facciale, per “identificare quante non indossano l’hijab (il velo islamico)”. L’annuncio giunge in una fase di crescenti attenzioni e denunce della comunità internazionale e di gruppi attivisti verso la crescente repressione imposta da Teheran: è di questi giorni la notizia della condanna a morte di due attiviste per “corruzione sulla terra”; alla base della sentenza la promozione dei diritti degli omosessuali e, per una delle due, di aver professato il cristianesimo.

Fra le recenti direttive del governo ultra-conservatore del presidente Ebrahim Raisi, in carica dall’agosto 2021, vi è la decisione di rafforzare la tecnologia - già assai diffusa in alcuni Paesi dell’Asia, soprattutto Cina e Israele - del riconoscimento facciale. A questo si somma una escalation nelle condanne al carcere, dell’uso della tortura e del ricorso alla pena capitale. “La decisione - sottolinea l’esperta Fariba Parsa del Middle East Institute a L’Orient-Le Jour (LOJ) - di usare il riconoscimento facciale per controllare l’abbigliamento delle donne esemplifica la paura della Repubblica islamica davanti alle manifestazioni popolari e al rischio di una nuova rivolta”.

Un rapporto diffuso il 5 settembre dall’agenzia semi-ufficiale iraniana Fars riferisce che oltre 300 persone - non è specificato l’arco temporale - sono state arrestate per aver protestato contro il velo obbligatorio. Nel mirino dei dimostranti la direttiva del 5 luglio che ha inasprito ancor di più l’obbligo sull’hijab, in vigore dalla Rivoluzione islamica del 1979, e applicato a tutte le donne del Paese a prescindere dalla religione professata.

Altro elemento che conferma la linea impressa dal nuovo governo, dopo gli anni sotto la presidenza del moderato Hassan Rouhani, la decisione di introdurre “la giornata nazionale dell’hijab e della castità”, in calendario il 12 luglio e celebrato la prima volta quest’anno. Una scelta che esemplifica il rafforzamento delle misure e dei controlli relativi all’applicazione dei dettami dell’islam, con una particolare attenzione all’universo femminile. Le donne che lavorano negli uffici pubblici, infatti, potranno essere licenziate se le loro foto del profilo sui social network saranno ritenute “non conformi alla sharia”, la legge islamica. E quante pubblicheranno immagini senza il velo potranno essere private dei diritti civili per un periodo da sei mesi a un anno.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/09/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

BANGLADESH - Violenza contro gli insegnanti non musulmani

Nei giorni scorsi un docente è stato ucciso a colpi di mazza, mentre il preside di una scuola è stato evacuato dalla polizia e costretto a dimettersi per la propria sicurezza. Una decina di alunni hanno iniziato uno sciopero della fame in segno di solidarietà.

Leggi tutto

Storie

Un bambino al minuto colpito da malnutrizione acuta grave

Dall’inizio dell’anno, ogni giorno, 1 bambino al minuto è stato colpito da malnutrizione acuta grave”. Il duro impatto della crisi globale della nutrizione si sta facendo vedere con la rapida crescita del numero di bambini sotto i 5 anni che soffrono di malnutrizione.

Leggi tutto

Storie

Filippine - Vescovi in aiuto dei bisognosi

“La speranza e il sogno di ogni vittima di abusi e violenze è essere protetta, curata, guarita e avere giustizia. La missione e l’impegno di ogni cristiano è fare in modo che questo accada. Con la fede e le opere, dobbiamo far sì che la bontà e la verità vincano il male e le vittime di tratta e abusi vincano la morte spirituale e risorgano a nuova vita spirituale ed emotiva”:

Leggi tutto

Storie

India - Attacco a una chiesa cattolica

Irruzione in una parrocchia a 50 chilometri da Amritsar, vandalismi e violenze. La setta dei nihang ha preso di mira i cristiani per le conversioni e dice di voler “passare all’azione”

Leggi tutto

Storie

Haiti: crescono le violenze contro le chiese

I Vescovi denunciavano inoltre alcuni conduttori radiofonici, che vogliono coinvolgere la Chiesa cattolica nel traffico di armi, minacciando di compiere atti violenti contro gli edifici ecclesiali, i sacerdoti, le suore e i collaboratori delle istituzioni cattoliche. Hanno quindi ribadito che la Chiesa cattolica “non è coinvolta nel commercio di armi”, e hanno chiesto di “smettere di seminare confusione tra la popolazione. La diffamazione e la calunnia sono peccati gravi”.

Leggi tutto

Storie

Sandokan era un vescovo italo-spagnolo

Sandokan il pirata creato da Emilio Salgari era un vescovo!  Infatti le memorie di Carlos Cuarteroni, di Cadice, ispirarono a Emilio Salgari le avventure del pirata. Secondo quanto ricostruito Emilio Salgari, era un attento topo di biblioteca, nelle cui mani capitò un incredibile rapporto presentato a Papa Pio IX nel 1849. Quando lo lesse, credette sicuramente che gli fosse caduto un dono dal cielo tra le mani. Il contenuto di quel rapporto erano le memorie di un marinaio spagnolo che dopo mille incredibili avventure era diventato frate trinitario e Prefetto Apostolico, e si dedicava a lottare contro il traffico di schiavi nel Borneo, a Sumatra e in Malesia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano