Storie

di Nathan Algren

I vescovi ed il voto in Cile

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nulla di fatto per il nuovo progetto costituzionale cileno, bocciato alle urne nella consultazione di domenica scorsa. Resta in vigore, dunque, la Carta approvata nel 1980 sotto il regime di Pinochet. Interpellati dalla stampa locale, diversi vescovi hanno commentato il risultato, sottolineando la grande partecipazione popolare al voto.

Secondo l’arcivescovo di Concepción, monsignor Fernando Chomali Garib, ora è necessario sostenere il nuovo cammino che si apre verso una nuova bozza costituzionale: “La Chiesa contribuirà sempre incoraggiando i cattolici e le persone di buona volontà a essere presenti in politica – ha detto – come arte del bene comune e a mostrare le vie del Vangelo e della Dottrina sociale”. Per monsignor Chomali, come dice Papa Francesco, “è tempo di guardare con più attenzione agli scartati della società: questo è l’obiettivo della nuova Costituzione che inizierà a prendere forma da ora in poi”. Nel sottolineare l’esigenza di unità, ha poi concluso: “Una società in cui ognuno pensa ai propri interessi è una società che si frammenta ed è destinata a fallire”.

Il vescovo di San Bernardo e membro – assieme a monsignor Chomali – del Comitato permanente dell’Episcopato cileno, monsignor Juan Ignacio Gonzáles, è intervenuto parlando del futuro che aspetta il Paese: “Per la Chiesa, essere sempre un fattore di unità e pace, che è la vocazione del Cile – ha detto –, i passi da compiere ora dovrebbero iniziare con il rinnovo della fiducia e l’ascolto reciproco. Ci vuole tempo e fiducia nelle istituzioni”.

Già prima del voto la Conferenza episcopale cilena si era espressa invitando la sfera politica a riflettere su cosa potrebbe portare a “un Cile più giusto e fraterno”. La dichiarazione conteneva un’esortazione a proseguire il lavoro per il bene della nazione, ad ampliare la propria visione e a pensare insieme a ciò che può ridurre le disuguaglianze tra gli abitanti e, al tempo stesso, migliorare le loro opportunità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/09/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco ai laici: “Ora tocca a voi”

Importante discorso del Pontefice all’apertura dell’Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana: “Non servono i vescovi-pilota”

Leggi tutto

Chiesa

Perdono, genocidio e misericordia

San Giovanni Paolo II, più volte, aveva parlato prima delle tensioni nel paese e, fin dall’Aprile del 1994, non mancò di appellarsi al ritorno della pace: «Le tragiche notizie che giungono dal Ruanda suscitano nell’animo di tutti noi una grande sofferenza. Un nuovo indicibile dramma: l’assassinio dei capi di Stato di Ruanda e Burundi e del seguito; il capo del Governo ruandese e la sua famiglia trucidati; sacerdoti, religiosi e religiose uccisi. Ovunque odio, vendette, sangue fraterno versato. In nome di Cristo, vi supplico, deponete le armi, non rendete vano il prezzo della Redenzione, aprite il cuore all’imperativo di pace del Risorto! Rivolgo il mio appello a tutti i responsabili, anche della comunità internazionale, perché non desistano dal cercare ogni via che possa porre argine a tanta distruzione e morte» (Regina Coeli 10 Aprile 1994). Qualche settimana dopo, la voce del Papa si fa ancora più sofferente e vibrante: «Vi invito accoratamente, ad una preghiera sofferta e fervorosa per il Ruanda. La tragedia di quelle popolazioni sembra non voler arrestarsi: barbarie, vendette, uccisioni, sangue innocente versato, ovunque orrore e morte. Invito quanti detengono responsabilità ad una azione generosa ed efficace perché si arresti questo genocidio. È l’ora della fraternità! È l’ora della riconciliazione!» (Udienza Generale 27 aprile 1994).

Leggi tutto

Chiesa

Summorum pontificum: dieci anni dopo

È stato uno dei provvedimenti più discussi e avversati del pontificato ratzingeriano: dal punto di vista canonico, dal punto di vista teologico e liturgico, diverse obiezioni si erano levate vibranti. Poi è seguita l’applicazione, e ora il tempo per una prima ricognizione sembra maturo: il cardinal Sarah ha impreziosito un dossier per comprendere questa “opportuna restaurazione”

Leggi tutto

Chiesa

Che piacere quella prolusione, cardinal Bassetti!

Fattore famiglia e incentivi alla maternità al centro delle preoccupazioni del nuovo presidente Cei. Ed i lavori saranno lunghi e complessi
.

Leggi tutto

Storie

Clochard morto in un rogo: fatalità?

Un mese fa i fatti: nella sera di santa Lucia Ahamed Fdil morì arso nell’automobile che gli serviva da unica casa. Nel trigesimo viene formulata l’ipotesi di omicidio a carico di due giovanissimi – un
tredicenne e un diciassettenne – nordafricano l’uno, slavo il secondo. La riflessione sull’ultraviolenza precoce ne invoca una più vasta, perché un barbone è la vittima ideale in quanto persona invisibile

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano