Storie

di Giuseppe Udinov

ETIOPIA - Il paese nella morsa dei terroristi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’atroce conflitto in corso in Tigray prosegue nelle modalità peggiori. Dopo una breve tregua, i combattimenti sono ripresi il 24 agosto, e si stanno espandendo rapidamente. E’ anche giunta la notizia del coinvolgimento di un nuovo gruppo terroristico legato con il TPLF, il Fronte Popolare di Liberazione del Tigray, insieme ai gruppi terroristici Al Shabab e Shene (OLA). Secondo fonti del governo federale etiope si tratta dell’Ogaden National Liberation Front (ONLF).

“C’è profonda preoccupazione per una possibile escalation del conflitto, ormai ripreso con forza e di un possibile coinvolgimento di altri popoli etiopi ma” afferma una fonte religiosa raggiunta sul posto, che per motivi di sicurezza chiede l’anonimato. Si dice profondamente preoccupata e ha aggiunto anche “la speranza che il popolo oromo cerchi la via del dialogo democratico e non quella delle armi”.
La situazione è insostenibile. La fame continua a mietere vittime, specie dopo il sequestro di 12 autocisterne piene di carburante dai depositi del Word Food Programme senza il quale è impossibile portare aiuti umanitari alla popolazione.
Da un ulteriore contatto in Somalia è emersa la notizia con preoccupazione: “quello che accade ai somali dell’Ogaden è molto sentito nel Paese, una gran parte della popolazione lo sente come terra occupata dagli etiopi e vedono favorevolmente l’OLNF”.
Il primo ministro somalo, Hamza Abdi Barre, è originario dell’Ogaden e il nuovo governo somalo ha cambiato politica rispetto al governo di Mohamed Abdullahi Mohamed nei confronti di Abiy. Ne consegue che l’intera area adesso viene vista con estrema preoccupazione prima per l’ingresso di Al Shabab e ora per un possibile inasprimento del conflitto nell’Ogaden.
I somali dell’ONLF (Ogaden National Liberation Front) sono impegnati da tempo in una campagna contro il governo etiope a fianco di OLA e anche l’OLF (Oromo Liberation Front) viene accusato dagli Amhara di massacri di civili fatti insieme all’OLA.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/09/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Chiesa

La mattinata americana e l’udienza di Papa Francesco

Dopo l’incontro con la famiglia presidenziale Usa, il Santo Padre ha incontrato il popolo in Piazza.

Leggi tutto

Politica

Quanto ai lobbisti della borsa valori

Mentre Giorgia Meloni giustamente s’intesta le vittorie di Sicilia e
di Ostia, da alcuni improbabili pulpiti si alzano fumose rivendicazioni

Leggi tutto

Chiesa

La forza della parola dei vescovi toscani

La Conferenza episcopale della Toscana ha appena pubblicato La forza della parola. Lettera su comunicazione e formazione a 50 anni dalla morte di don Lorenzo Milani” (EDB, Bologna 2018, pp. 88, € 4,50) è un importante appello a non dimenticare il lascito del sacerdote fiorentino nell’ambito del percorso educativo. Qui il ricorso alla parola e alla ricchezza del linguaggio costituiscono appunto alcuni dei principali strumenti che rendono possibile l’espressione della cultura e della comunicazione umana.

Leggi tutto

Politica

Siria: riapre l’ambasciata ungherese

In Siria si cerca la fine della guerra da anni. Troppi gli interessi di’potenti’ in un Paese martoriato da una guerra che si trascina inesorabilmente. Giunge, in queste ore, la notizia di un passo importante proveniente dall’Europa: Orban fa riaprire l’ambasciata Ungherese!

Leggi tutto

Chiesa

Laos: misure del governo a protezione dei cristiani vessati e maltrattati nel Paese

In Laos il governo di Vientiane ha adottato provvedimenti per proteggere i cristiani dalle continue discriminazioni subite

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano