Storie

di Giuseppe Udinov

La “Vigna di Rachele” in Russia per superare il trauma post-aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La partecipazione a questi seminari aiuta la persona ad affrontare il dolore della perdita e ad affidarlo a Dio, rielaborando la perdita di un bambino abortito, riconciliandosi con se stessi e con Dio“. Così suor Anna Zakharova FMM parla del seminario organizzato in Russia della “Vigna di Rachele“, opera internazionale cristiana diffusa in oltre 40 Paesi del mondo, che offre un’esperienza di carattere pastorale e spirituale rivolta a quanti, donne e uomini, hanno subito traumi legati alla pratica di un aborto volontario o spontaneo e a quanti hanno in famiglia il lutto derivante dalla perdita di un bambino prima della nascita.

Dal 9 all’11 settembre l’incontro di formazione e spiritualità si svolge presso il monastero francescano di Sant‘Antonio a San Pietroburgo. In un clima di grande riservatezza, con l’assistenza di uno psicologo e di un sacerdote, i partecipanti vivono momenti di riflessione individuale e di gruppo. La tre giorni è giunta alla terza edizione a San Pietroburgo e in circa 20 anni si è svolta in diverse volte in varie altre città della Federazione russa (Magadan, Ussurijsk, Novosibirsk, Krasnojarsk, Kemerovo, Mosca). Come appreso da Fides, fino al termine del 2022 sono in programma altri sei eventi dello stesso tipo in varie località della Federazione russa. “Nella mia famiglia c’è stato più di un caso di aborto ed è un dolore che segna anche le persone circostanti, che anch’io mi sono portata nel cuore fin dall’infanzia. Partecipando a un Seminario come questo, il Signore mi ha guarita, togliendomi un senso di colpa insopportabile e dandomi la possibilità di gioire nuovamente per l’opportunità di vivere”, racconta a Fides Suor Anna, che si occupa dell’organizzazione degli incontri a San Pietroburgo.

La Russia sovietica nel 1920 fu la prima entità statale al mondo a legalizzare la pratica dell’aborto. Dopo la rivoluzione bolscevica del 1917, infatti, il governo leninista passò all’attuazione tramite decreti di un modello di società che concepiva l’uomo e la donna solamente in funzione della realizzazione dello stato socialista, sciolti da qualsiasi legame con Dio. Assieme a norme volte all‘eliminazione del matrimonio religioso e della famiglia, la legalizzazione dell’aborto trovò posto come conseguenza dell’ateismo di Stato.

Ad esclusione del periodo dal 1936 al 1955, in cui per problemi demografici si introdusse il divieto di interrompere volontariamente una gravidanza, nella Russia sovietica e nella Federazione Russa, nata dopo il crollo del muro di Berlino, l’aborto volontario ha sempre trovato una base legale d’appoggio. Attualmente è praticabile sempre entro la dodicesima settimana di gestazione, ma anche dopo quel termine, in alcuni casi previsti dalla legge: entro la ventiduesima se la gravidanza si è verificata in seguito a violenza sessuale; oppure senza limiti di tempo, qualora la salute della madre fosse in pericolo.

Il Progetto Rachele, da cui sono nati i seminari denominati “Vigna di Rachele“, è stato fondato nel 1984 nella Arcidiocesi di Milwaukee, è riconosciuto dalla Conferenza Episcopale cattolica degli Stati Uniti, e oggi opera in oltre 40 nazioni. Il percorso di guarigione umana e spirituale che i seminari propongono non si esaurisce in tre giorni, ma l’esperienza rappresenta un punto di partenza per accettare e metabolizzare il dolore e il lutto, nella consapevolezza che la misericordia di Dio ricrea quanto si è perduto e che Dio può trarre il bene da ogni esperienza umana.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/09/2022
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Meditazione femminile sull’aborto

Tutti quelli che sono a favore dell’interruzione volontaria di gravidanza hanno una caratteristica: sono nati. Tutti abbiamo l’insopprimibile desiderio di vivere liberi, magari anche trascinando sciattamente la nostra propria esistenza

Leggi tutto

Società

Aiutare la donna contro l’aborto

Esiste una battaglia interna alla galassia dei gruppi antiabortisti: l’aborto si sconfigge abrogando le leggi che lo permettono oppure no? Certamente ogni legge fa cultura, ma se Ippocrate giurò di non praticare aborti lo si deve al fatto che se ne sono sempre praticati, coi metodi più fantasiosi (e pericolosi). Forse una sana Realpolitik chiede di cominciare a far osservare integralmente la legge.

Leggi tutto

Storie

Ania e quella volta che si salvò dall’inferno

«La vita non mi ha risparmiata, fin da piccola», sono le parole di Ania Goledzinowska che si racconta. «La storia parte da una scena violenta, racconto della Polonia comunista, arrivo in Italia ingannando sulla mia vera età. Incontro polizia corrotta, aguzzini, finti amici… e se dapprima rubavo per mangiare sono arrivata ad avere un aereo privato. Ma la felicità era altro…»

Leggi tutto

Società

La distrazione di fondo che ci porta all’eutanasia

Gli istituti demoscopici presano un servizio spesso utilissimo, ma non di rado influenzano scientemente i propri risultati (anche semplicemente col modo di formulare le domande). Sul fine-vita – ormai ci martellano da anni e anni per inculcarci l’idea che sia meglio per tutti liberarsi dei malati e dei disabili (fanno passare Eluana Englaro per “una ragazza in coma”…) – i responsi sono tutti accesi ma decisamente contraddittori: il 60% degli italiani si dice contrario al suicidio assistito, ma sono anche di più quelli che si dicono favorevoli a una legge che regolamenti l’eutanasia. Com’è possibile?

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Società

India: Mumbai aborto ‘terapeutico’ per condizione sociale

Con un verdetto controverso i giudici hanno autorizzato l’interruzione di gravidanza alla 26ma settimana per una diciottenne non sposata il cui feto è sano e non presenta rischi fisici per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano