Storie

di Nathan Algren

ZIMBABWE - Le Chiese cristiane, solido riferimento per il popolo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La nuova era che tutti noi speravamo cominciasse dopo la caduta di Mugabe nel 2017, non è ancora iniziata o perlomeno il cammino non va come ci si attendeva. Tuttavia la situazione si sta stabilizzando e il governo ora sembra più orientato allo sviluppo piuttosto che all’ideologia militante. L’economia è ancora in situazione critica a causa delle sanzioni che permangono dall’era legata a Mugabe. Ma, con il miglioramento delle relazioni con l’intera comunità internazionale, la situazione dovrebbe migliorare.

E le Chiese fanno la loro parte per contribuire allo sviluppo del paese e al benessere della popolazione”. È fiducioso Padre Frederick Chiromba, Segretario generale della Conferenza episcopale cattolica dello Zimbabwe, parlando all’Agenzia Fides a quasi cinque anni dalla fine del regime di Robert Mugabe, al potere nel Paese dell’Africa australe per quasi 40 anni. Quattro anni dopo le elezioni che hanno confermato alla presidenza per una manciata di voti Emmerson Mnangagwa (era vicepresidente al momento della caduta di Mugabe e fu nominato presidente), i circa 17 milioni di abitanti della nazione sono ancora in attesa della svolta. La popolazione spera che il processo democratico porti sviluppo e rispetto dei diritti e che lo Zimbabwe acquisisca sempre maggiore credibilità agli occhi della comunità internazionale, affinchè le sanzioni, che ancora subisce, vengano sospese almeno in parte.

Il ruolo assunto dalle Chiese cristiane, specie dall’inizio dell’era post Mugabe, è stato sempre più quello di solido riferimento per la popolazione, che era disorientata e spaventata. “Le Chiese cristiane – riprende il presule - sono oggi un punto di riferimento stabile per lo Zimbabwe e continuano a promuovere un dialogo nazionale globale per la guarigione e la riconciliazione dell’intero Paese. Da qui si può ripartire: dando, in nome del Vangelo, dignità e ogni persone, oa ogni essere umano. La strada è ancora lunga e complessa ma rimaniamo fiduciosi per un domani migliore, poiché il governo appare sensibile alle idee costruttive”.

Nel paese l’87% circa della popolazione è cristiana, il restante si riconosce in altre fedi (circa il 2,5%) o in nessuna (10%). Le Chiese e comunità cristiane presenti e riconosciute nel Paese, raccolte sotto l’ombrello dello “Zimbabwe Council of Churches”, sono una trentina. I cattolici sono circa 2 milioni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/09/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

CROSBY E GLI ALTRI CANADESI PARLANO DI EUTANASIA

In molti attendevano la loro presa di posizione che è puntualmente giunta in queste ore.
Eutanasia e suicidio assistito sono totalmente inaccettabili”: è quanto scrive, in una nota, monsignor Douglas Crosby, presidente della Conferenza episcopale del Canada. La dichiarazione del presule arriva dopo che, il 25 febbraio, il “Comitato speciale del governo canadese sull’aiuto medico a morire” ha pubblicato un rapporto intitolato “L’aiuto medico a morire: un approccio incentrato sul paziente” e tutte le polemiche che ne sono seguite.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco prepara l’incontro con il sultano

Svariati commentatori – anche alcuni amici – hanno voluto vedere nel logo che annuncia i preparativi per il prossimo viaggio di Papa Francesco in Marocco un cedimento sostanziale della pretesa cristiana di fronte a quella musulmana.

Leggi tutto

Politica

Una crescita figlia della lotta

Il Popolo della Famiglia è oggi quella casa che è rimasta in piedi dopo la tempesta, con porte e finestre spalancate perché mira a lavorare insieme ad altri, mai arroccato nelle proprie certezze ma aperto a nuovi incontri. In particolare mi ha colpito la disponibilità al dialogo con noi di molti cardinali e vescovi con cui ho potuto dialogare anche di persona, da Agrigento a Bologna, da Imperia a Lecce, da Teramo a Cuneo. Confido davvero in un risveglio della Chiesa nel sostegno ai politici impegnati in politica, ma a quei laici che appunto hanno dimostrato di non essere interessati alla poltrona, ma a costruire un orizzonte nuovo per il bene comune.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: siamo chiamati a testimoniare l’amore di Dio

All’udienza generale in Aula Paolo VI, Francesco si concentra sul tema della giustificazione: l’amore di Cristo ci ha salvato tutti “gratis”.

Leggi tutto

Chiesa

Il calendario del Papa di novembre

Nel calendario reso dall’Ufficio Celebrazioni Liturgiche, tra gli altri appuntamenti anche la celebrazione per la Giornata mondiale dei poveri, istituita da Francesco nel 2016 a conclusione del Giubileo della Misericordia

Leggi tutto

Chiesa

Apertura 75ª Assemblea Generale Straordinaria della CEI

Il Papa è arrivato all’Ergife poco prima delle 16 e nel dare inizio alla conversazione privata con i vescovi CEI ha fatto avere loro un biglietto con l’immagine del Buon Pastore e il testo delle “Beatitudini del Vescovo”, fa sapere la Sala Stampa della Santa Sede.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano