Politica

di Nathan Algren

“Devono sputare sangue…”: l’attacco choc del Pd

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La Puglia è la Stalingrado d’Italia, qualunque cosa accada da qui non passeranno, gli faremo sputare sangue”. Così Michele Emiliano chiude il suo discorso elettorale sul palco del Pd. Enrico Letta che lo ascoltava in poltrona si alza, gli va incontro, ma anziché prendere le distanze da quelle parole violente, lo abbraccia.

Un Enrico Letta spento quello che scende al Sud, senza nuove idee né proposte, ha perso gli occhi di tigre e si lascia trascinare da Vincenzo De Luca e Michele Emiliano, i simboli di un Sud governato da cacicchi e clientele, da populismi e nimby. Scende al Sud, ma senza pulmino elettrico, che rivelando l’ennesima boutade elettorale del Pd dopo la prima tappa a Torino non riesce ad arrivare neppure ad Alessandria.

Ed è il simbolo di tutta la strategia “green” del Pd, l’ambientalismo del bla bla bla. A parole, vacuo, se non controproducente. Dal no alle trivelle che ci hanno portato ad inquinare di più per importare gas dall’estero e aumentando le centrali a carbone, dal no al Tap che oggi ci rende più indipendenti dalla Russia, come ai rigassificatori. E non è un caso che Enrico Letta decida di venire a Taranto come prima tappa per presentare il manifesto per il Sud che ha chiamato “la carta di Taranto” e non c’è una sola parola su Ilva.

La fabbrica siderurgica che il Pd insieme ai 5 stelle hanno deciso nel 2020 di statalizzare, e che da allora è ferma con i lavoratori in cassa integrazione. Prima dell’incontro a teatro Letta incontra in un hotel i sindacati, che gli chiedono conto della posizioni del Pd su Ilva, e lui non risponde. Mentre Serracchiani ieri ha detto di volerla chiusa come il sindaco di Taranto, anche lui sul palco col Segretario.

Abbandonato il lavoro, la parola d’ordine oggi per Letta al sud è reddito di cittananza. E “chi al sud vuole mantenere il reddito di cittadinanza può solo votare Pd, perché tutti gli altri vogliono cancellarlo”. Ma se propio uno vuole lavorare ecco la trovata di Letta nel manifesto per il Sud: 300 mila assunzioni nella pubblica amministrazione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/09/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

In risposta alle #obiezioni sul partito politico

In risposta disorientamento dell’italiano cattolico medio dopo il naufragio del centrodestra berlusconiano – trauma che lo lascia se possibile più orfano della stessa Mani pulite – richiede un intervento di rinforzo sostanziale delle ragioni dell’impegno politico. A strapparlo allora dalla tentazione di infilare la testa sotto al Non expedit torna la (quasi intonsa) lezione di Augusto del Noce: i rischi ci sono e non appaiono pochi, ma sembra che la via sia obbligata

Leggi tutto

Politica

Gli sfregi di Laura Boldrini alla Conferenza sulla famiglia

A metà tra la spaesatezza e la provocazione, il surreale intervento della “Presidenta”

Leggi tutto

Politica

Se non mentendo

Stanchi di leggere ricostruzioni fantasiose dei fatti recenti riguardanti il PdF, una volta e per tutte per i pochi interessati li narriamo per come sono avvenuti, in termini oggettivi non contestabili.

Leggi tutto

Storie

TURCHI, CURDI E LA BONINO PRIMA DELL’APERICENA

Abbiamo una insopprimibile necessità di iscriverci a una curva, perché sui social così possiamo distillare perle di saggezza che ovviamente sono solo maldestre copiature dei riassunti del mainstream, ingaggiando feroci quanto inutili flames con gli appartenenti alla fazione opposta. Ne muore, così, la reale e profonda comprensione dei fenomeni che sono sempre complessi persino se parliamo di Temptations Island, figuriamoci se ci azzardiamo a discettare di una guerra.
Allora, proviamo a spiegarla questa guerra. Così ci risparmieremo scene oscene tipo il massacro sui social di Under e Demiral, due ragazzi turchi che giocano nella Roma e nella Juve che come tantissimi ragazzi turchi sono cresciuti considerando quella curda come una grave minaccia e ora si schierano con la loro patria salutando i loro coetanei connazionali in guerra.

Leggi tutto

Politica

Verso la stage dei penultimi

Leggo Renzi che dice a Conte che deve fare come il presidente del Trentino e modificare il Dpcm tenendo aperto tutto fino alle 22. Questi manco si mettono d’accordo tra loro prima di varare un provvedimento più dannoso che inutile. Ormai siamo al Governo di Pulcinellopoli. Tra sei giorni saremo a trentamila contagi/giorno. E dovranno fare un nuovo Dpcm. Non credo ricalcato su quello del Trentino.

Leggi tutto

Politica

Lamorgese in aula: scontri a Roma, qualcosa non ha funzionato

«Nell’immediatezza dei fatti ho chiesto al capo della polizia una dettagliata ricostruzione delle evidenti delle criticità che, occorre riconoscerlo, hanno contrassegnato la gestione dell’ordine pubblico di quelle ore. E’ palese che non si sia riusciti a contenere tutti i propositi criminali da cui era mossa la parte violenta dei manifestanti, specie quella istigata da elementi più politicizzati» Sono le parole della Lamorgese

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano