Società

di Raffaele Dicembrino

Scuola - Proclamato il primo sciopero dell’anno scolastico

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Scuola - A ridosso delle elezioni SISA e CSLE organizzano una protesta che coinvolgerà personale docente e ATA. Alla base dello sciopero, la richiesta di risolvere la questione legata al rinnovo del contratto.

Dunque la scuola sta riaprendo i battenti in tutta Italia e già i sindacati sembrano già essere sul piede di guerra. Infatti è già stato proclamato uno sciopero dei docenti e del personale ATA dalle sigle SISA e CSLE. Due giorni di stop, il 23 e 24 settembre, confermato dalla nota 74585 del Ministero dell’Istruzione. Alla base della decisione, la volontà di manifestare per problemi irrisolti che ormai da anni gravano sul mondo della scuola.

Uno dei temi più scottanti riguarda il rinnovo del contratto scuola, fermo da anni, e su cui sindacati e Ministero dell’Istruzione non intendono fare passi indietro, rallentando così una trattativa mai effettivamente decollata. C’è poi il nodo dell’algoritmo con cui vengono assegnate le supplenze. In questi giorni molti istituti lamentano mancanza di personale, un’evidente constatazione delle falle all’interno del sistema di abbinamento. Il numero di cattedre scoperte si abbatte sugli istituti e in particolare sui dirigenti scolastici, costretti a correre ai ripari al meglio delle proprie possibilità.

Nel frattempo il Ministro Bianchi è intervenuto proprio sul nodo insegnanti: “Noi abbiamo 801mila insegnanti, che sono per la gran parte a tempo indeterminato. Gli altri sono più di 90mila insegnanti di sostegno, abbiamo 25mila insegnanti che stanno concludendo il loro concorso. Rimangono 45mila insegnanti che sono a tempo determinato, che fanno sostituzioni e sono il 5%, però quest’anno diversamente dal passato, all’apertura della scuola abbiamo tutti quelli di ruolo e quelli a tempo determinato che servono”, ha detto Patrizio Bianchi nel corso di un intervento nella trasmissione Rai “UnoMattina”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/09/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Difendo i miei figli dal gender nelle scuole: ministro Giannini, arresti me

L’esponente del governo accusa di “truffa culturale” i genitori preoccupati dall’ideologia che avanza nelle aule e minaccia denunce

Leggi tutto

Politica

La scuola è già in ginocchio: è già tempo di DAD

Si allargano a macchia d’olio i casi di classi in quarantena: un fenomeno che ha preso corpo nei primissimi giorni di scuola prima a Bolzano, per poi trovare terreno fertile anche in Lombardia, Emilia Romagna, Sardegna e Lazio. Le lezioni sono riprese da una settimana è già si contano già un centinaio di classi costrette a rimanere a casa, quindi a tornare a quella dad che chi governa la scuola ha detto che ci eravamo messi alle spalle. La triste realtà sta emergendo anche grazie agli screening negli istituti “sentinella” caldeggiati dall’Anief, sui quali il Parlamento ha appena legiferato ma che andavano allargati a tutti gli studenti, di qualunque età, e al personale scolastico oltre che universitario.

Leggi tutto

Società

L’Università di Stanford ridefinisce i genitori

La School of Medicine della Stanford University ha infatti pubblicato i risultati di uno studio su 1,5 milioni di donne incinte, tra cui 2.572 coppie lesbiche, scrivendo che le “coppie di madri” avevano più problemi medici delle coppie “di generi misti” - ovvero coppie composte da un uomo e una donna.

Leggi tutto

Storie

Milano; relazione tra professore e alunna 17enne

Una relazione tra un professore e un alunna 17enne è finita con il “bando” del docente dal mondo della scuola. E’ accaduto in un istituto superiore della periferia di Milano. L’inizio della vicenda risale al 2016 quando i due iniziarono a frequentarsi. Una volta che la relazione divenne pubblica, il docente fu allontanato dall’insegnamento con un provvedimento disciplinare del ministero dell’Istruzione. Una decisione a cui il professore ha fatto appello e che, a distanza di circa 6 anni, è approdata in Cassazione, dove però è stata confermata la sanzione: l’uomo non potrà più far parte del mondo della scuola.

Leggi tutto

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

Società

Lettera aperta alla Preside del liceo Dini, a Pisa

Lettera aperta alla Preside del liceo Dini, a Pisa: “Preside, l’“identità alias” agli studenti va contro il diritto, la logica, e la salute mentale dei ragazzi!....
Ma siccome oggi non ha senso dire «si fa così e basta», siamo disponibili a parlarne con i Suoi studenti”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano