Società

di Roberto Signori

Suicidio: è allarme per i giovani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dal 2003 il 10 settembre è la giornata mondiale per la prevenzione del suicidio, promossa dall’International Association for Suicide Prevention (IASP) e co-sponsorizzata dall’Organizzazione Mondiale per la Sanità, destinata a sensibilizzare le persone riguardo alla prevenzione del suicidio. I dati sono decisamente allarmanti: ogni anno nel mondo circa 800mila persone si tolgono la vita, una ogni 40 secondi e per ogni suicidio almeno altre 20 persone lo tentano. Il fenomeno non risparmia il nostro Paese, soprattutto nell’ultimo biennio, caratterizzato dalla pandemia, dalla crisi economica e da quella internazionale legata anche alla guerra in Ucraina.

I dati sono allarmanti: in un tempo brevissimo, il numero di persone che chiedono aiuto su questo disagio sia aumentato di oltre il 50%. Fortunatamente è anche aumentato il numero di persone che trovano la forza di chiedere aiuto. Ultimamente soprattutto i più giovani sono coinvolti, perché se non toccati dalla patologia, hanno comunque sofferto l’isolamento e l’assenza di relazioni (anche scolastiche).

I recenti fatti di cronaca portano in luce il coinvolgimento del web in episodi di suicidio. Ma come qualunque strumento, il web non può essere demonizzato. Sui social in fondo si racconta anche del disagio e l’obiettivo non è eliminare la narrazione di quest’ultimo ma imparare a leggerla e trovare spazi dove i giovani possano trovare aiuto. Si tratta sostanzialmente di aiutare i giovani a riconoscere i sintomi del disagio e dove gli stessi ragazzi possano essere di aiuto per i loro coetanei. Insegnare ad ascoltare a fare attenzione ai segnali dati da chi soffre è fondamentale, soprattutto in questi tempi in cui i ragazzi vivono sempre di più in un mondo virtuale nel quale, tra i tanti pregi e agi, si annida anche un disagio che invece è assolutamente reale..

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/09/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Intervista con la presidente di “Jamais sans Marwa”

Non è una faccenda di scontro di civiltà, l’accostamento di questi due innocenti tanto vicini eppure lontani ce lo ricorda. Anzi, Justine, la fondatrice e presidente dell’associazione “Jamais sans Marwa”, ci tiene a ribadirlo: «Per quanto riguarda la parte religiosa, durante questa battaglia abbiamo espressamente fatto in modo di tenercela nell’intimità: noi veniamo da ogni luogo e abbiamo ogni tipo di origine; è una battaglia umana, non di ingiustizia religiosa». Appunto con lei ci siamo intrattenuti per osservare da vicino “il piccolo principe” inglese e la “principessina” francese, riservandoci di commentare più avanti gli sviluppi giuridici del caso Gard per come si stanno snodando nelle udienze di Mr. Justice Nicholas Francis.

Leggi tutto

Società

VEGETALI TERMINABILI, ADESSO NEL REGNO UNITO I MEDICI SARANNO ANCHE GIUDICI

Lady Black, della Corte Suprema dell’UK, ha decretato che non sarà più necessario rivolgersi alla Corte di Protezione per togliere cibo e acqua ai malati

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Media

Cardinale Comastri: non cancellate mamma e papà

Dieci comandamenti per dieci cardinali è il titolo del libro del vaticanista Fabio Marchese Ragona. Anticipiamo un breve stralcio tratto dalla riflessione dell’ arciprete emerito della Basilica di San Pietro, su “Onora il padre e la madre”

Leggi tutto

Politica

Il PDF sull’intervento del Consiglio pastorale sulla rete Re.a.dy

IL PDF sottolinea che la nota della Diocesi cita anche l’eutanasia,

Leggi tutto

Chiesa

Canizares: “Le parole di Macron su aborto sono strada verso l’inferno”

«Chi dimentica Dio», ha concluso Canizares, «distrugge l’umanità dell’uomo. Questo è il grande problema del nostro tempo».

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano