Storie

di Nathan Algren

Siria: allarme colera

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’epidemia di colera, la prima dopo molti anni, divampata nelle ultime tre settimane in Siria rischia di trasformarsi in una “minaccia” di portata regionale. L’allarme, lanciato dai vertici dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), conferma nella sua drammatica portata la nuova emergenza sanitaria scoppiata in un Paese che porta i segni del decennale conflitto e deve fare i conti con strutture igienico-sanitarie al collasso. Al momento si contano almeno 936 casi sospetti con sintomi evidenti della malattia e almeno otto vittime accertate.

Epicentro dei contagi le province di Aleppo e Deir al-Zour. Fra le possibili cause l’uso dell’acqua contaminata del fiume Eufrate, che scorre nell’area, sia per consumo quotidiano che nell’irrigazione di campi e colture. Secondo gli esperti l’epidemia è anche considerata un indicatore della grave carenza di acqua potabile nel Paese, sia per i risvolti della guerra che per gli effetti devastanti del cambiamento climatico in Medio oriente. Fra le cause vi sarebbero l’aumento delle temperature, piogge ben al di sotto della media e un flusso ridotto dagli emissari a monte del fiume in Turchia.

Gli effetti del clima, uniti a una carenza infrastrutturale, hanno lasciato senz’acqua la gran parte dei cinque milioni di abitanti che dipendono dall’Eufrate per irrigare i campi e soddisfare i fabbisogni personali. Il ministero siriano della Sanità, rilanciato dall’agenzia Sana, riferisce che solo il 12 settembre nella provincia di Aleppo si sono registrati 20 casi (670 in totale) e due vittime. Quattro nella provincia costiera di Latakia e altri due a Damasco, in pazienti provenienti dal Aleppo. I sospetti contagi a Deir al-Zour sono 201.

Il colera è un’infezione diarroica acuta causata dall’ingestione di cibo o acqua contaminati dal batterio Vibrio colera. Nei casi gravi e se non viene trattata in modo adeguato, la malattia può uccidere in poche ore. “L’epidemia - sottolinea Imran Riza, coordinatore umanitario Onu - rappresenta una grave minaccia per le persone in Siria e nella regione”. Per questo, prosegue il responsabile locale delle Nazioni Unite, “è necessaria un’azione rapida e urgente per prevenire ulteriori contagi e vittime”.

Dal 2009 in Siria non si registravano casi ufficiali di colera. Secondo le ultime stime i contagi toccano almeno cinque delle 14 province del Paese. Dati Unicef mostrano che almeno la metà della popolazione si affida a fonti di acqua insicure, mentre il 70% delle acque reflue non viene trattato in modo adeguato. In tutto il mondo, la malattia colpisce tra gli 1,3 e 4 milioni di persone ogni anno, uccidendone fra le 21mila e 143mila.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/09/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il mondo che verrà

Che triste vita che preparano per chi verrà. Al concepimento subito ti mettono un revolver in testa e ti dicono: “Spara”. Hanno deciso la roulette russa negando il diritto alla vita a un bambino su 6. Se riesci a nascere hai fatto già incazzare gli ambientalisti, secondo i quali dovremmo essere sempre di meno e ogni nuova maternità avvelena la Terra, come pure i bioeticisti alla Peter Singer (Università di Princeton) che scruteranno bene che tu non abbia difetti fisici altrimenti sono pronti a sopprimerti anche post partum “ma entro due settimane dalla nascita altrimenti i genitori si affezionano pure ai figli difettati”

Leggi tutto

Chiesa

Papa: il mondo ha sete di pace

Ai partecipanti riuniti in Senegal, Francesco invia un messaggio a firma di Parolin in cui si ribadisce il diritto all’acqua potabile e ai servizi igienici come primario, universale e basilare per costruire fratellanza

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: i nonni, artefici della rivoluzione della tenerezza

Nel messaggio in occasione della seconda Giornata mondiale dei nonni, che cade il prossimo 24 luglio, Francesco esorta a diventare “maestri di un modo di vivere pacifico e attento ai deboli

Leggi tutto

Media

In libreria la raccolta dell’epistolario di Chiara Lubich

Alla scoperta della “parte più personale della fondatrice” dei focolari

Leggi tutto

Storie

INDONESIA - “No” a un biglietto di ingresso per i luoghi di culto

L’annuncio del governo ha suscitato un’ampia protesta nell’opinione pubblica, anche se Luhut Binsar Pandjaitan, ministro per gli investimenti marittimi e esteri, ha giustificato la mossa con l’obiettivo di “mantenere la sicurezza ambientale del più grande tempio buddista del mondo”. Le autorità vorrebbero ridurre i visitatori giornalieri a 1.200 persone, ha affermato, imponendo anche la presenza di una apposita guida turistica.

Leggi tutto

Storie

La storia di Cinzia Sacchetti

Una storia di rinascita professionale, di reinventarsi positivamente con quel che si ha. Potrebbe essere uno stimolo per tanti giovani che in questi due anni hanno perso il lavoro e sono scoraggiati e delusi. Ed è anche la presa di coscienza che in ogni ambito sono necessarie umanità e spiritualità, che anzi sono elementi imprescindibili l’uno dall’altra. Perché se sei in ricerca (spirituale), il lato umano si risveglia e con esso la consapevolezza dell’altro. Nonostante tutto, sta avvenendo una rinascita spirituale in questo mondo impazzito e vale la pena raccontarla.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano