Società

di Nathan Algren

Messico - Fake news per far legalizzare l’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una nota leader femminista ha ammesso in un video che è recentemente diventato virale che i gruppi femministi avevano volutamente gonfiato il numero di donne morte per gli aborti clandestini per spingere il governo a depenalizzare l’aborto in Messico.

Marta Lamas, una delle fondatrici del Gruppo per l’informazione sulla riproduzione elettiva (GIRE) ha confessato candidamente il fatto di aver manipolato i dati: “A quel tempo, ricordo, noi donne dicevamo ‘100.000 donne sono morte per gli aborti clandestini.’ Ma come sappiamo in quel periodo erano morte 100.000 persone per tutte le malattie. Abbiamo gonfiato le cifre”.

Il video risale al 25 ottobre 2016, ma è diventato virale negli ultimi giorni dopo che l’organizzazione pro-life “Steps for Life” lo ha condiviso su Instagram.

Come recentemente dimostrato in uno studio scritto dall’accademico Calum Miller, in quasi tutti paesi in cui è stato legalizzato l’aborto i gruppi femministi hanno sempre diffuso fake news proprio sulle morti legate agli aborti clandestini. Si tratta dunque di una strategia di manipolazione mediatica ben precisa.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/09/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La legge Gaillot sull’aborto ad un passo dall’approvazione in Francia

L’estensione del termine legale a 14 settimane di gravidanza è la misura principale di questa proposta pro-aborto, ma prevede anche l’autorizzazione delle ostetriche ad eseguire aborti strumentali. Il teleconsulto, inoltre, diventa possibile per le procedure di aborto negli ospedali e periodo di riflessione di due giorni dopo il colloquio psicosociale è abolito.

Leggi tutto

Politica

Canada - Proposta per l’eutanasia ai malati mentali

In Canada il governo progressista di Justin Trudeau sta lavorando per dare la possibilità di morte medicalmente assistita a chi è affetto da una malattia mentale.

Leggi tutto

Politica

Sako: i cristiani iracheni sono veri patrioti

Nel suo contributo, tra le altre cose, il Patriarca ribadisce che “dalla caduta del precedente regime, nell’aprile 2003, in Iraq non ha ancora visto la luce una vita politica normale, visti i continui fallimenti dei governi nel realizzare ciò di cui il popolo ha bisogno”. Il Primate della Chiesa caldea critica anche il fatto che la Costituzione citi solo l’islam come fonte della legislazione, offrendo la base giuridica per pratiche politiche e sociali che finiscono inevitabilmente per discriminare i cristiani e gli appartenenti a altre comunità di fede come “cittadini di serie B”.

Leggi tutto

Storie

PANAMA - La Chiesa cattolica accetta di mediare nella crisi

Solo pochi giorni fa a conclusione della loro seconda Assemblea, i Vescovi sono tornati a evidenziare la loro preoccupazione per la situazione sociale. Rispettando il diritto alla protesta sociale, osservavano, “tutti dobbiamo lavorare alla ricerca di un paese migliore

Leggi tutto

Chiesa

Alternative coi criteri del sistema

Una reale accoglienza reciproca è un aspetto decisivo del salto di qualità necessario per uscire da questo fallimentare sistema.

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano