Politica

di Roberto Signori

“Fede, onore e disciplina” innominabili per il PD

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Per il PD i valori restano innominabili e soprattutto fascisti. L’ennesimo esempio di questa ottusità giunge dalle martoriate Marche che di problemi veri e seri ne hanno ed in abbondanza,,,,

Invece è di nuovo bufera politica nelle Marche per le parole del direttore dell’ufficio scolastico regionale, Marco Ugo Filisetti, accusato dagli esponenti del centrosinistra di aver utilizzato nel consueto messaggio agli studenti per l’apertura dell’anno scolastico toni “militareschi”, “nostalgici” e “degni del ventennio”. Filisetti nella lettera inviata agli studenti, come già accaduto in passato, ha utilizzato parole che hanno sollevato polemiche.

Il direttore ricorda agli studenti “l’importanza di fondare il vostro impegno sull’adempimento del dovere con fede, onore e disciplina”, facendo ciò che deve essere fatto e “agire semplicemente perché è giusto senza che sia decisiva la prospettiva del buon esito o dell’insuccesso”. E ancora, rivolgendosi agli studenti marchigiani, dice loro che “potranno capitare momenti in cui tutto attorno sembra rovinare, tutto sembra buio” ma li esorta a non mollare perché “in quei momenti c’è su tutto un dovere da esercitare: quello di non arrendersi, non spegnere la luce di cui ciascuno è portatore, se non altro perché nel tempo a venire i vostri bisnipoti sappiano almeno che ci fu chi non alzò le braccia ma continuò a battersi”.

Immediate le reazioni del centrosinistra locale e nazionale. Per Nicola Fratoianni, leader di Sinistra Italiana, Filisetti “è riuscito ad usare parole e toni assolutamente non adeguati alla scuole del nostro tempo e più consone ad una caserma del ventennio” imputando al ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, la responsabilità “di non aver mai rimosso il direttore scolastico delle Marche, ex dirigente leghista, che da tempo doveva essere allontanato da quella sede”. Mentre la candidata marchigiana Irene Manzi (Pd) sostiene che “le parole di Filisetti continuano, ancora una volta, a lasciarci basiti”, sottolineando infine come “la scuola della nostra regione meriterebbe affermazioni ben diverse”.

Giordano Masini (+Europa), candidato nel collegio plurinominale alla camera di Pesaro e Urbino, “le esortazioni al sacrificio, all’adempimento del dovere con fede, all’onore e alla disciplina non sono soltanto frasi grottesche e fuori dal tempo, ma anche sbagliate nel merito e non contengono nessun messaggio positivo dal punto di vista educativo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/09/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: fratellanza “ancora di salvezza dell’umanità”

Videomessaggio di Francesco per la seconda Giornata mondiale della Fratellanza Umana, celebrata all’Expo di Dubai

Leggi tutto

Politica

PDF Bisceglie: alberi sui bambini?

Il Popolo della famiglia di Bisceglie, un gruppo composto da padri, madri e figli, ha deciso di commentare la caduta di un grande pino dall’interno del plesso scolastico di via martiri di via Fani

Leggi tutto

Politica

Corea del Sud - Il Presidente Yoon visita la Chiesa cattolica e serve pasti

Monsignor Peter Chung, Arcivescovo di Seoul e Amministratore Apostolico di Pyongyang, ha ricevuto il Presidente eletto Yoon Suk-yeol - anch’egli cattolico come il precedente Presidente coreano Moon Jae-In. Dopo l’incontro e il colloquio, il Presidente Yoon ha visitato la mensa dei poveri “Myeongdong Babjib”, aperta dal Cardinale Andrew Yeom nel gennaio 2021 e, con un gesto di volontariato e di servizio agli ultimi, ha servito i pasti ai senzatetto.

Leggi tutto

Politica

Monopoli, Popolo della Famiglia contrario alla panchina arcobaleno

Leggiero: servono aiuti economici alle famiglie bisognose ed a quelle numerose e non “queste carnevalate inutili, che seguono la moda avaloriale e la deriva pericolosa dell’ideologia gender”

Leggi tutto

Politica

Speranza deve andare a casa

Chi vuole essere ucciso, può stare sereno: non deve pagare. O meglio, è giusto che al suo posto paghino tutti. Lo ha dichiarato apertamente nelle scorse ore il Ministro della Salute, Roberto Speranza. «Una volta che la procedura di verifica del rigoroso rispetto delle condizioni individuate dalla Consulta sia stata completata», ha detto parlando con La Stampa, «le strutture del servizio sanitario nazionale non possono assumere atteggiamenti ostruzionistici, né è ipotizzabile che i costi siano a carico del paziente».

Leggi tutto

Politica

Quarta dose over 60 e fragili

Dopo almeno 120 giorni dal primo richiamo o dall’ultima infezione successiva al richiamo, si raccomanda. Speranza: “Inviata circolare alle Regioni”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano