Chiesa

di Tommaso Ciccotti

A Milano il festival della Missione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quattro giorni di testimonianze, incontri, momenti di preghiera e di festa per conoscere l’esperienza e i volti della missione. Non mancheranno concerti, spettacoli ed esposizioni artistiche. L’idea è nata in piena pandemia e ha continuato a svilupparsi grazie all’impegno di tanti. Ad oggi, ci si pone un obiettivo più ambizioso: far sì che il Festival vada avanti anche dopo le quattro giornate e si crei una rete di dialogo. Se n’è parlato oggi, nella Cappella Sant’Aquilino della Basilica di San Lorenzo a Milano, nell’ambito della conferenza stampa di presentazione.

Per l’occasione sono stati individuati tre ospiti che con la loro vita incarnano tre parole chiave del Festival della Missione: dialogo, scelta ed ecologia integrale. “Oggi il dialogo è più difficile – racconta padre Sebastiano D’Ambra, missionario del Pime noto per aver favorito il confronto interreligioso tra cristiani e musulmani nelle Filippine - a causa delle divisioni all’interno degli stessi gruppi”. È stata poi Kindi Taila a dare la sua testimonianza di ragazza fuggita da bambina dalla guerra in Repubblica democratica del Congo grazie proprio all’aiuto di alcuni missionari italiani. Si è laureata in Medicina in Italia e poi è tornata più volte in Africa per esperienze missionarie: “Alziamo lo sguardo e continuiamo a fare scelte - il suo invito - riconoscendo il valore di essere fratelli e sorelle. Io ho scelto di aiutare”. Infine, l’intervento di Adriano Karipuna, figura simbolo della resistenza dei popoli indigeni dell’Amazzonia contro la deforestazione: “Molte persone vengono uccise ogni giorno perché difendono la Foresta. Non c’è più tempo - ha scandito - ora più che mai è necessario il vostro ascolto e contributo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/09/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Media

Sierra Leone; il riscatto degli ex bambini soldato

Formare e seguire i giovani in Sierra Leone a quasi dieci anni dalla conclusione del conflitto civile: è l’obiettivo oggi dei salesiani, presenti da 20 anni nel piccolo Paese dell’Africa occidentale

Leggi tutto

Chiesa

Diocesi di Roma: aperto il Cammino di Santiago per i giovani

C’è tempo fino al 30 maggio per iscriversi al “Cammino di Santiago per i giovani”, promosso dal Servizio diocesano per la pastorale giovanile in collaborazione con l’Opera romana pellegrinaggi. “Un’esperienza di viaggio e di fede da non perdere, di cui è già pronto il programma”, scrive la Diocesi di Roma.

Leggi tutto

Politica

Quel Martedì Santo di 35 anni fa

Una storia dimenticata di sangue versato da cattolici italiani che cercavano di costruire dialogo, per ricordarci che dobbiamo sempre costruire ponti, anche se costa caro

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

Politica

Papa: i giovani possono cambiare il mondo con Dio

Nell’udienza all’Azione Cattolica francese Francesco ribadisce l’importanza del metodo del “vedere, giudicare e agire”, lasciandosi guidare dal Vangelo e accettando l’incontro tra la propria umanità e la “divinità trasformante” di Gesù.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano