Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Il Papa riceve i nuovi vescovi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un incontro informale, seduti tutti in cerchio, scandito da testimonianze, suggerimenti e dall’incoraggiamento a servire i poveri, a sugello di giornate trascorse ad ‘imparare’ come essere vescovi, quali sfide affrontare, quali temi portare avanti. Circa 200 nuovi vescovi partecipanti al corso di formazione promosso dai Dicasteri per i Vescovi e per le Chiese Orientali sono stati ricevuti da Papa Francesco in Sala Clementina. L’incontro, al quale era presente il cardinale Marc Ouellet, è stato riservato in modo da permettere una conversazione libera tra il Papa e i presuli (numerosi i latinoamericani), in questo caso coloro che hanno preso parte al secondo turno del corso, svoltosi dal 12 al 19 settembre nell’Ateneo Regina Apostolorum di Roma.

l primo ciclo, aperto da una Messa celebrata dal cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, si era tenuto invece dall’1 all’8 settembre scorsi (la suddivisione è stata pensata per l’alto numero dei partecipanti e le restrizioni Covid). Francesco aveva ricevuto i partecipanti al corso - tradizione iniziata nel 2000 sotto il pontificato di Giovanni Paolo II e dedicato quest’anno al tema “Annunciare il Vangelo nel cambio d’epoca e dopo la pandemia: il servizio del vescovo” - sempre in Sala Clementina. Anche in quel caso non c’era stato un discorso scritto, ma una discussione confidenziale, come riferiva alla nostra redazione in lingua portoghese, il vescovo ausiliare di San Paolo, monsignor Angelo Ademir Mezzari. Il Pontefice, ha detto, aveva accolto i presenti con un messaggio, cioè di non dimenticare la vicinanza ai poveri, consapevoli che tutto è interconnesso e tutto ha bisogno di cure su questo pianeta. Poi aveva voluto ascoltare direttamente i suoi ospiti, i loro racconti, le loro istanze e richieste. L’udienza era durata circa un’ora e mezza.

Lo stesso schema è stato replicato oggi in un clima “sinodale”, come dichiara il vescovo brasiliano Maurício da Silva Jardim che il 23 ottobre assumerà la guida della diocesi di Rondonópolis-Guiratinga. “Sinodale”, spiega il presule, è stata anche l’atmosfera della settimana di lavori al Regina Apostolorum, durante i quali, alla luce del magistero di Papa Francesco, i relatori hanno posto al centro un tema e dato la parola all’assemblea che ha potuto “esprimersi, sollevare le questioni e i problemi concreti della realtà, come la fame, la violenza, la disuguaglianza sociale, le migrazioni, le crisi politiche e sanitarie, l’etica e sociale in tutto il mondo”. I 19 neo vescovi brasiliani hanno potuto porre all’attenzione dei partecipanti al corso e del Papa, anche le grandi problematiche che deturpano il volto dell’Amazzonia, come l’estrazione mineraria, lo sfruttamento, la deforestazione illegale.

Durante il corso sono stati poi approfonditi dei testi di Francesco – Amoris laetitia, Fratelli tutti e Laudato si’ – e si è discusso di alcuni punti cardine del pontificato di Jorge Mario Bergoglio, come la famiglia e la fraternità universale attraverso la promozione umana integrale. “È stata un’occasione - dice monsignor Jardim - per camminare insieme su diversi fronti, incoraggiandoci ad essere ‘pastori del popolo’ e offrendo elementi per agire nelle nostre diocesi, attraverso il principio stabilito da Papa Francesco di una Chiesa missionaria, sinodale, di comunione e partecipazione”.

Un altro gruppo di vescovi è stato ricevuto in udienza sabato scorso: i pastori delle terre di missione che hanno partecipato a Roma a un altro seminario di formazione, quello organizzato dal Dicastero per l’Evangelizzazione. In un dialogo aperto, il Papa – nell’udienza privata - ha esortato i presuli a vivere la vicinanza dei pastori, prima di tutto con Dio, poi la comunione tra gli episcopati e con i sacerdoti, senza dimenticare i fedeli. Come riferito ai colleghi della redazione di lingua spagnola dal vicario apostolico di Caroní in Venezuela, monsignor Gonzalo Ontiveros, i vescovi hanno avuto l’opportunità di condividere con il Papa le loro esperienze di lavoro missionario, dando così spunto al Pontefice per la sua riflessione. In particolare, Francesco ha ribadito l’importanza della preghiera nel ministero episcopale perché se un vescovo non prega, si allontana da Dio e “si inaridisce”. Anche, riferisce Ontiveros, il Papa ha auspicato una maggiore unità tra i vescovi come “fratelli nell’episcopato” e una più stretta vicinanza con sacerdoti, collaboratori, parrocchie comunità: “Rispondi, chiamali. Sii attento alle loro esigenze”, ha detto Francesco. Tra le raccomandazioni, anche quelle di stare lontani da manie di protagonismo e autoreferenzialità e dal proselitismo che è diverso dalla “evangelizzazione” da portare avanti “nello stile di Gesù”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/09/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Lavrov attacca il Papa e il Vaticano

Il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, nelle scorse ore ha scandito che il Pontefice vuole mediare sull’Ucraina ma recentemente “ha fatto delle dichiarazioni non cristiane” sulle crudeltà commesse in particolare da membri di due nazionalità della Russia, cioè i Ceceni e i Buriati.

Leggi tutto

Società

Il tribunale non ammette testimonianza Papa

Il Papa non sarà ascoltato come teste dal Tribunale Vaticano nell’ambito del processo sullo scandalo finanziario legato alla compravendita del Palazzo londinese. La testimonianza del Pontefice era stata sollecitata da diversi avvocati difensori dei dieci imputati nel processo. Il Tribunale presieduto da Pignatone ha invece disposto che saranno ascoltati in Aula il sostituto alla segreteria di Stato mons. Pena Parra (per cui il Tribunale si è riservato se ascoltare il card. Pietro Parolin, segretario di Stato) e il fratello del cardinale Angelo Becciu, Antonino.

Leggi tutto

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Politica

Presentato oggi a Ostia libro sulla teologia di Papa Francesco

Presentazione del libro di don Franco Nardin parroco di Nostra Signora di Bonaria alla presenza del Vescovo a. Dario Gervasi e il Prefetto don Roberto Visier. Modera il giornalista Rai Gianni Maritati

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus invita ad essere Chiesa che accoglie e non dei “primi della classe”

Una calda domenica ha celebrato l’appuntamento di fine settembre con Papa Francesco e l’Angelus. All’Angelus, il Papa ricorda che l’atteggiamento della chiusura è la radice di “tanti mali della storia”. Chiudersi, dividersi, escludere e giudicare. Papa Francesco, spiegando all’Angelus il Vangelo del giorno, mette in guardia dalla tentazione presente nel mondo e nella Chiesa di creare gruppi che credono di detenere la verità. Guardando agli apostoli che impedirono ad un uomo di scacciare i demoni, pur avendone le capacità, Gesù li invita a non ostacolare chi si adopera per il bene.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano