Media

di Marco Boldini

A Tu Per Tu Con Giulia Bucci Libero

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Giulia Bucci libero della pallavolo Teatina formazione nero verde che milita nel campionato di serie B2 retrocessa la passata stagione al playout nel Golden set contro Jesi.

Giulia 173 centimetri di altezza nativa di Aprilia in provincia di Latina classe 2002 vanta esperienze in campionati superiori serie A2 e serie A1 tutte con la maglia dell’Acqua e Sapone Roma Volley club. La stagione 2018 2019 con il numero 15 sulla schiena mentre nelle altre annate con il numero 3, numero che indosserà anche in questa stagione agli ordini di coach Pino Iannuzzi.

L’INTERVISTA di Marco Boldini

1) Quali sono gli obiettivi per questa stagione che contributo puoi dare tu vista la tua esperienza in categorie superiori?

1) Gli obbiettivi di questa stagione sono in primis migliorarmi e crescere sotto tutti i punti di vista, obiettivi che mi prefisso ogni stagione… e poi vorrei dimostrare a me stessa e agli altri tutto il mio valore accresciuto negli anni precedenti. L’obbiettivo di squadra è quello di fare bene, di riuscire a dare sempre il nostro meglio sperando di regalare ai nostri tifosi e a tutti quelli che ci seguono più soddisfazioni possibili e poi chissà mai porsi dei limiti..

2) Che cosa ti ha spinto a scegliere la pallavolo Teatina per la stagione 2022/2023?

2) Ho scelto Chieti perché la società fin da subito ha dimostrato il forte interessamento nei miei confronti e di questo gliene sono molto riconoscente… e poi perché come ho già detto in precedenza avevo la necessità di mettermi in gioco e di creare una sorta di sfida con me stessa.

3) Che metodo utilizzi per caricarti prima di una partita importante?

3) Di solito mi carico ascoltando le mie solite canzoni pre partita, ormai è diventato anche un fattore scaramantico, la canzone che ascolto puntualmente è “Balliamo sul mondo” di Ligabue.

4) Quale ruolo hanno e hanno avuto i tuoi familiari nella tua carriera?

4) La mia famiglia ha avuto e ha un ruolo fondamentale nella mia carriera, hanno vissuto sempre nel mondo della pallavolo, da prima che nascessi…hanno fatto e fanno, insieme a me, molti sacrifici, mi supportano e credono in me dal primo giorno che ho iniziato a giocare… le soddisfazioni che ho avuto fino ad oggi le devo gran parte a loro e spero di averne molte altre ancore per renderli ancora più orgogliosi di me nonostante sappia che in qualunque caso lo saranno sempre a prescindere da tutto

5) C’è un motivo particolare per la scelta del numero 3 oppure è puramente casuale?

5) Il numero tre mi ha sempre affascinato, l’ho sempre ritrovato per coincidenza ovunque nella mia vita, pensando ad esempio che sono la terza di tre figlie…e poi anche perché era il numero di una delle mie due sorelle, giocava a pallavolo e faceva il mio stesso ruolo, ha dovuto smettere per un infortunio, quindi diciamo che l’ho scelto per continuare quello che sfortunatamente lei non ha potuto fare, e poi si sa… il tre è il numero perfetto

6) Come occupi il tuo tempo al di fuori del volley?

6) Oltre la pallavolo, studio Scienze Motorie con l’Università telematica San Raffaele, un giorno vorrei che la mia passione oltre che per la pallavolo ma anche verso lo sport in generale diventasse anche il mio lavoro…

7) Hai giocato a Roma cosa significa per te indossare la casacca della squadra della capitale?

7) Da grande tifosa romanista posso dire che Indossare la maglia della capitale fa un certo effetto, rappresentare una città immensa come Roma è stato per me un vero onore e non escludo la possibilità un giorno di riuscire ad indossare di nuovo quei colori che per me rappresentano casa.

8 ) Raccontami le emozioni di giocare in serie A1?

8) Giocare in serie A1 è stata una bellissima esperienza che porterò sempre nel cuore, mi ha insegnato tantissimo, ho conosciuto atlete di valore dalle quali ho imparato molto, e ho incontrato dall’altra parte della rete delle giocatrici che da bambina vedevo incollata sullo schermo della televisione… È il sogno di ogni ragazza che fa il mio stesso sport, io in parte ho avuto la fortuna e la possibilità di conoscerlo, adesso sarà per me un nuovo inizio con l’augurio che un giorno possa riuscire a rivivere questa esperienza a pieno.

9) Bugher o palleggio cosa preferisci?

9) Bella domanda!! Diciamo che mi fido molto di più del mio bagher, ma anche il palleggio non mi dispiace! Mi piacciono entrambi.

10) In cucina come te la cavi quale piatto ti riesce meglio?

10) In cucina ovviamente non sono brava quanto le mie nonne e sono consapevole del fatto che non riuscirò mai ad esserlo quanto loro ma me la cavo abbastanza bene, non c’è un piatto in particolare che mi riesce meglio, provo a cucinare tutto e per il momento non mi posso lamentare!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/09/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Se le nozze le fissa il commercialista

Nel 2015 i matrimoni sono aumentati, ma i divorzi sono schizzati in su con un +57% rispetto al 2014, evidentemente a causa della novella legge sul divorzio breve. Gli ospiti, con la leggerezza che si addice ad uno studio televisivo come questo, hanno sparato in libertà diverse impressioni personali sul tema: si è detto che sposarsi giovani è un male, perché il matrimonio è un impegno serio, per cui l’aumento dell’età media per convolare a nozze è una cosa buona; bisogna sposarsi quando arriva il momento giusto, salvo poi che questo momento giusto non lo sa definire nessuno.

Leggi tutto

Società

I nodi dell’alternanza scuola-lavoro

L’Occupazione di ottobre è ormai un rito (in)civile a cui le istituzioni non si sentono di sottrarsi, pena l’apparire “fasciste”. Quest’anno la scusa è data da “La buona scuola”, che ha trasformato
nominalmente tutte le scuole superiori in licei e fattivamente tutti i licei in scuole professionali.
Salvo che – per forza di cose – oltre a non insegnare più il sapere non insegnano neppure il fare.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

Politica

Sconfessate le famiglie arcobaleno

Per la Costituzione del 1948 articolo 29, per l’articolo 5 comma 1 legge 40 del 2004, per la sentenza della Corte Costituzionale 162 del 2014, persino per la legge Cirinnà del 2016, infine per la sentenza della Corte Costituzionale 221 del 2019, è famiglia solo la società naturale basata su una coppia di persone di sesso diverso unite in matrimonio o almeno stabilmente conviventi. È illegale in Italia per le coppie lesbiche utilizzare la fecondazione eterologa, è illegale per le coppie gay la pratica dell’utero in affitto, le “famiglie arcobaleno” sono dunque sconfessate e l’omogenitorialità nell’ordinamento giuridico italiano non esiste.

Leggi tutto

Società

L’importanza di pregare insieme, come coppia e in famiglia

Leggi tutto

Politica

La discriminazione del ddl Zan è realtà

L’ira di cattolici e associazioni Pro vita: “La scure della censura sui nostri valori”. A pochi giorni dal voto al Senato che ha affossato il ddl Zan, passa in Aula al Senato una norma che contiene l’espressione «identità di genere».

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano