Società

di Nathan Algren

Iran: 5 le vittime durante le proteste per la morte di Masha

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In Iran proseguono le proteste per la sorte di Masha Amini, 22 anni, arrestata dalla polizia morale a Teheran per aver indossato in modo inappropriato il velo islamico e poi morta in ospedale tre giorni dopo per i maltrattamenti subiti.

Centinaia di persone hanno manifestato in tutto il Paese. Cinque le vittime durante gli scontri con la polizia nella regione curda del Paese, di cui era originaria la giovane. Altre 75 persone sono rimaste ferite in altre località durante lo scorso fine settimana. I manifestanti, tra cui molti donne, chiedono l’abolizione della cosiddetta polizia morale, l’unità incaricata di far rispettare il rigido codice di abbigliamento femminile nel Paese.

Gli attivisti sostengono che Masha Amini abbia subito un trauma cranico durante la detenzione. La polizia iraniana ha respinto le accuse e ha avviato un’indagine. Sulla vicenda è intervenuta l’Onu, che ha espresso preoccupazione per la morte della ragazza e denunciato “la violenta repressione”, chiedendo un’inchiesta imparziale e indipendente. A margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, il presidente francese, Emmanuel Macron, ha dichiarato, dopo un incontro con il presidente iraniano Ebrahim Raisi, che parlerà oggi, di aver “insistito sul rispetto dei diritti delle donne” in Iran. In un analogo incontro sulla questione è intervenuto anche il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, mentre gruppi per i diritti umani a New York stanno protestando contro la presenza di Raisi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/09/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Un’indagine narrativa sulla violenza Burgess

Malgrado la crescente (e giustificatissima) celebrità di Quentin Tarantino, resta pur sempre Stanley Kubrick, con “Arancia Meccanica”, il vero teoreta cinematografico della violenza. Ricorrendo oggi l’anniversario della nascita di Anthony Burgess, che del capolavoro di Kubrick scrisse il romanzo ispiratore, dedichiamo una riflessione alla narrazione della violenza come fenomeno in sé, a metà tra romanzo e film, tra morbosità e scongiuro

Leggi tutto

Società

Vuoi lavorare? Non andare in Asia!

L’Asia è il posto più pericoloso al mondo per i lavoratori. Lo dice un’analisi condotta dall’azienda inglese Arinite, che ha analizzato e rielaborato su scala globale i dati dell’Organizzazione internazionale del lavoro sulle vittime di infortuni sul lavoro

Leggi tutto

Società

Cristianofobia in Francia

Quasi novecento atti anti-cristiani in un anno, quasi 1700 atti anti-religiosi nello stesso periodo. Anche in Francia, i cristiani restano i fedeli più sotto attacco, con un trend che va dai 700 ai 900 atti anti-cristiani l’anno che non accenna a diminuire

Leggi tutto

Società

Nigeria: violenza senza fine

“Ma come si può predicare l’amore in un Paese dove la violenza è diventata una regola?” si chiede Monsignor Godfrey Igwebuike Onah, Vescovo di Nsukka, nello Stato di Enugu (Nigeria sud-orientale), dicendosi sconvolto per l’uccisione avvenuta il 12 maggio della giovane studentessa Deborah Samuel per mano di una folla inferocita che l’accusava di blasfemia nei confronti del Profeta Mohammed

Leggi tutto

Storie

INDONESIA - Religiosi cattolici chiedono giustizia per una giovane

La sentenza ha presto suscitato aspre critiche nella società civile indonesiana, specialmente tra quanti difendono i diritti umani

Leggi tutto

Storie

ETIOPIA - In Tigray la peggiore offensiva degli ultimi tempi

L’esercito eritreo sta richiamando i riservisti e arruolando moltissimi giovani da mandare al fronte

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano