Storie

di Nathan Algren

Haiti: crescono le violenze contro le chiese

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Solidarietà e piena comunione in questo momento di incertezza e grande dolore” ai fratelli Gesuiti del Jesuit Migrant Service (SJM) per l’attacco ad una delle loro case per migranti, situata a Ounaminteh, nel nord di Haiti, è stata espressa da Red Clamor, la Rete ecclesiale impegnata sul fronte dell’emigrazione, dei rifugiati, della tratta e degli sfollati. La struttura è stata saccheggiata e distrutta nei giorni scorsi da un gruppo di persone, “nel clima di caos generale che non finisce in questo paese sofferente”.

“Conosciamo il grande servizio che rendete al popolo haitiano, specialmente alle persone in mobilità forzata, vittime del crescente impoverimento, della violenza e delle catastrofi legate alla crisi climatica” è scritto nel messaggio, che evidenzia: “Siamo testimoni dell’amore che sentono e dell’alto apprezzamento della stragrande maggioranza degli haitiani per il lavoro che fate, questi eventi isolati sono il risultato della disperazione e della mancanza di politiche pubbliche per guidare tutti gli haitiani lungo i sentieri dello sviluppo umano integrale, senza che nessuno sia escluso dal suo diritto a vivere con dignità”.


Red Clamor si unisce quindi alla preghiera affinché abbia fine la violenza e il SJM possa proseguire la sua opera ad Haiti in piena sicurezza dei beni e della vita delle persone. Inoltre prega che il Signore tocchi i cuori degli autori della violenza, che sono “vittime del sistema imperante ad Haiti, che degrada gli esseri umani e genera violenza”.
Ancora una volta, nei giorni scorsi, i Vescovi haitiani avevano lanciato un grido di allarme sulla gravità della situazione, a nome di tutta la Chiesa presente nel paese caraibico.

I Vescovi denunciavano inoltre alcuni conduttori radiofonici, che vogliono coinvolgere la Chiesa cattolica nel traffico di armi, minacciando di compiere atti violenti contro gli edifici ecclesiali, i sacerdoti, le suore e i collaboratori delle istituzioni cattoliche. Hanno quindi ribadito che la Chiesa cattolica “non è coinvolta nel commercio di armi”, e hanno chiesto di “smettere di seminare confusione tra la popolazione. La diffamazione e la calunnia sono peccati gravi”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/09/2022
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

PAKISTAN - La Corte Suprema: più attenzione ai casi di blasfemia

“Accogliamo con favore la decisione della Corte Suprema del Pakistan che chiede al Governo maggiore prudenza nel trattare i casi di blasfemia.

Leggi tutto

Politica

La Chiesa che si immischia

Nel 1982 il papa diceva ai confratelli convenuti da tutti i paesi europei, parlando del rapporto tra le Chiese locali e l’Europa: Il cristianesimo può scoprire nell’avventura dello spirito europeo le tentazioni, le infedeltà ed i rischi che sono propri dell’uomo nel suo rapporto essenziale con Dio in Cristo. Ancor più profondamente, possiamo affermare che queste prove, queste tentazioni e questo esito del dramma europeo non solo interpellano il Cristianesimo e la Chiesa dal di fuori come una difficoltà o un ostacolo esterno da superare nell’opera di evangelizzazione, ma in un senso vero sono interiori al Cristianesimo e alla Chiesa.

Leggi tutto

Politica

Di Matteo (PdF):  “A Padova. Spaccio e degrado infiniti”

Di Matteo (PdF): “C’è voluta l’indagine del Sole24 per far aprire (forse) gli occhi a Giordani”. Furlan (PdF Padova): “Inascoltata la voce di chi grida contro le colonia del male”

Leggi tutto

Società

Etiopia:  il Tigray nella morsa di crimini efferati

L’Etiopia si trova in una situazione di enorme difficoltà. Sembra che tutto ci stia spingendo verso il baratro. Cresce il terrore; aumenta la diffidenza tra i gruppi. Preghiamo il Signore perchè finisca questa spirale di violenza: poi potremo trovare le strade per guarire le ferite: ma adesso è soprattutto il momento di salvare le vite di tutti gli innocenti esposti a rischio di morire in un paese dilaniato; dove fino a poco tempo fa tutto sembrava promettere un futuro migliore”.

Leggi tutto

Società

Il messaggio nella bottiglia

Ucraini e Russi di Ostia, nella prossimità uniti da fede, quotidianità e identità locale

Leggi tutto

Storie

NIGER - La croce pasquale portata da un popolo che soffre

“Noi, cristiani di Dosso, formiamo una piccola, piccolissima comunità minoritaria all’interno di una società prevalentemente islamizzata. Felici di essere ma fragili di fronte alla varietà e densità di colori dei nostri fratelli”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano