Storie

di Roberto Signori

Nigeria - Assalto dei militari al mercato di Eke Ututu

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Fermate ulteriori uccisioni di persone innocenti e distruzioni dei mezzi di sussistenza”. È l’appello lanciato da Mons. Augustine Tochukwu Ukwuoma, Vescovo di Orlu, nello Stato di Imo, nel sud della Nigeria, alle forze di sicurezza accusate di omicidi extragiudiziari e di aver devastato il mercato di una cittadina locale.

“Sabato 17 settembre 2022, uomini armati, presunti membri di agenzie di sicurezza del governo, hanno invaso la comunità di Orsuhiteukwa nell’area del governo locale di Orsu, nello Stato di Imo, causando la morte di alcune persone e l’incendio del mercato di Eke Ututu, che è il pilastro economico della gente del posto e delle comunità circostanti” scrive Mons. Ukwuoma.

“Ho già condannato le violenze passate” ricorda il Vescovo. “Continuo a sostenere che la vita umana è sacra e dovrebbe essere rispettata. La violenza genera violenza, in un circuito infernale. Il dialogo autentico rimane la risposta. Le mie più sincere condoglianze vanno a tutte le famiglie che hanno perso i propri cari durante questo doloroso incidente. Possano le anime di questi nostri fratelli riposare in pace”.
Mons. Ukwuoma sottolinea come l’azione dei militari, danneggiando le possibilità di sostentamento delle popolazioni locali, rischia di alienare definitivamente il loro appoggio allo Stato. “L’incendio del mercato di Eke Ututu ha aggiunto un’altra triste dimensione alla già penosa situazione. Gli abitanti della zona sono piccoli commercianti e contadini che vivono praticamente alla giornata. Vanno al mercato per vendere i loro prodotti e comprare cibo per sfamare le loro famiglie”.

“Gli autori di questa distruzione hanno pensato a quante sono le persone indigenti che dipendono dal mercato come principale fonte di sostentamento? Hanno pensato al numero di bambini che non avranno nulla da mangiare perché i loro genitori hanno perso le loro fonti di reddito? Hanno pensato alle risorse bruciate soprattutto ora in questo periodo di crisi economica? Hanno pensato al trauma psicologico che gli abitanti del luogo subiranno a causa dell’atto violento?”

Mons. Ukwuoma conclude chiedendo alle “autorità governative di indagare su questo incidente e adottare le misure necessarie per prevenire il ripetersi”. Infine, fa appello “a tutti affinché rimangano saldi nella preghiera per la pace nella nostra regione”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/09/2022
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

PARAGUAY - I Vescovi dopo l’assassinio di un giornalista

“Lo Stato deve garantire e tutelare la libertà di espressione, ancor di più in uno scenario di alta pericolosità, altrimenti avanzeranno inesorabilmente il crimine organizzato, il narcotraffico e gli atti di crudeltà”. Lo scrive la Conferenza Episcopale del Paraguay (CEP) in un comunicato diffuso ieri, 7 settembre, in merito all’assassinio di un giovane giornalista, Humberto Andres Coronel Godoy

Leggi tutto

Storie

Caritas Algeria pone termine alle sue attività

La Chiesa cattolica in Algeria annuncia con rammarico la chiusura, a partire dal 1° ottobre 2022, di tutte le attività e opere caritative messe in atto da Caritas Algeria

Leggi tutto

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Storie

Allah akbar”. Poi le coltellate ai passanti

A Piacenza un egiziano (clandestino) di 32 anni, Hissam Habdul Mahmud, ha seminato il panico in città brandendo un coltello al grido di “Allah akbar”

Leggi tutto

Storie

Beirut, al via la causa di beatificazione del martire padre Nicolas Kluiters

Nato a Delft (Olanda) nel 1940, Kluiters era entrato nel 1966 nei gesuiti dopo studi di Belle arti. Tuttavia, egli ha preferito rinunciare ai suoi pennelli come san Pietro aveva rinunciato alle sue reti da pesca. Nei 10 anni successivi, dopo aver completato gli studi di teologia, egli è stato ordinato sacerdote. Ha quindi soggiornato in Libano, imparato l’arabo e ottenuto un diploma di assistente sociale dalla Usj. Poi nel 1976, in accordo con i suoi superiori, in particolare con il superiore generale dei gesuiti p. Peter-Hans Kolvenbach egli sbarca nel Paese dei cedri per iniziare la propria missione.

Leggi tutto

Storie

Ciclisti trans nelle gare femminili dei Commonwealth Games

Un portavoce ha affermato che il nuovo regolamento “sarà in linea con i principi stabiliti nel quadro del CIO sull’equità, l’inclusione e la non discriminazione sulla base dell’identità di genere e dell’orientamento sessuale”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano