Storie

di Roberto Signori

Nigeria - Assalto dei militari al mercato di Eke Ututu

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Fermate ulteriori uccisioni di persone innocenti e distruzioni dei mezzi di sussistenza”. È l’appello lanciato da Mons. Augustine Tochukwu Ukwuoma, Vescovo di Orlu, nello Stato di Imo, nel sud della Nigeria, alle forze di sicurezza accusate di omicidi extragiudiziari e di aver devastato il mercato di una cittadina locale.

“Sabato 17 settembre 2022, uomini armati, presunti membri di agenzie di sicurezza del governo, hanno invaso la comunità di Orsuhiteukwa nell’area del governo locale di Orsu, nello Stato di Imo, causando la morte di alcune persone e l’incendio del mercato di Eke Ututu, che è il pilastro economico della gente del posto e delle comunità circostanti” scrive Mons. Ukwuoma.

“Ho già condannato le violenze passate” ricorda il Vescovo. “Continuo a sostenere che la vita umana è sacra e dovrebbe essere rispettata. La violenza genera violenza, in un circuito infernale. Il dialogo autentico rimane la risposta. Le mie più sincere condoglianze vanno a tutte le famiglie che hanno perso i propri cari durante questo doloroso incidente. Possano le anime di questi nostri fratelli riposare in pace”.
Mons. Ukwuoma sottolinea come l’azione dei militari, danneggiando le possibilità di sostentamento delle popolazioni locali, rischia di alienare definitivamente il loro appoggio allo Stato. “L’incendio del mercato di Eke Ututu ha aggiunto un’altra triste dimensione alla già penosa situazione. Gli abitanti della zona sono piccoli commercianti e contadini che vivono praticamente alla giornata. Vanno al mercato per vendere i loro prodotti e comprare cibo per sfamare le loro famiglie”.

“Gli autori di questa distruzione hanno pensato a quante sono le persone indigenti che dipendono dal mercato come principale fonte di sostentamento? Hanno pensato al numero di bambini che non avranno nulla da mangiare perché i loro genitori hanno perso le loro fonti di reddito? Hanno pensato alle risorse bruciate soprattutto ora in questo periodo di crisi economica? Hanno pensato al trauma psicologico che gli abitanti del luogo subiranno a causa dell’atto violento?”

Mons. Ukwuoma conclude chiedendo alle “autorità governative di indagare su questo incidente e adottare le misure necessarie per prevenire il ripetersi”. Infine, fa appello “a tutti affinché rimangano saldi nella preghiera per la pace nella nostra regione”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/09/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “L’Amore rimane per sempre”

Rimarrà invece solo l’amore “perché il bene non va mai perduto”. Papa Francesco all’Angelus ricorda che le cose terrene, come il denaro, il successo, l’apparenza e il benessere fisico, non sono destinate a durare

Leggi tutto

Storie

Argentina - Sgomento per le immagini sacre profanate a Pehuajó

Nel comunicato della diocesi, firmato anche dal parroco, il Vescovo esprime shock e dolore, insieme alla vicinanza e alla solidarietà con l’intera comunità. “Mentre contempliamo le immagini spezzate del Signore Gesù e dei suoi Santi – prosegue il testo -, non possiamo fare a meno di pensare a tante persone le cui esistenze sono anch’esse spezzate e frantumate dalla disintegrazione familiare, dalle dipendenze, dalla violenza, dagli abusi e da tante altre forme di manipolazione e ingiustizia”.

Leggi tutto

Società

Una nuova sanità?

Riflessioni di fondo sulla questione sanitaria talora vista in modo riduttivo e distorcente.

Leggi tutto

Società

Modena. Lezioni shock a scuola

La segnalazione allarmata di un genitore della scuola che si è rifiutato di far partecipare il figlio dopo aver letto i dettagli del progetto

Leggi tutto

Storie

Messico: i vescovi contro le violenze

I Vescovi sono addolorati per l’assassinio di padre José Guadalupe Rivas, dell’arcidiocesi di Tijuana e della persona che lo accompagnava e inviamo le più sentite condoglianze alle famiglie dei due assassinati, come pure all’Arcivescovo di Tijuana, e a tutta la sua Chiesa. L’altro episodio di violenza che i Vescovi citano nel loro comunicato, è l’omicidio di un bambino di tre anni all’interno della chiesa di Ntra. Sra. De Guadalupe a Fresnillo Zacatecas, dove uomini armati sono entrati nel tempio inseguendo un uomo, che è rimasto ferito.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano