Politica

di Giuseppe Udinov

Fermare le derive delle sinistre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Domenica prossima si torna alle urne per eleggere il Parlamento.

Anche stavolta, tuttavia, barrare un simbolo sulla scheda elettorale anziché un altro può assumere un significato decisivo su temi dirimenti. Tradotto: l’eventuale vittoria del Centrosinistra aprirebbe la strada a un governo che in cima alla sua agenda inserirebbe suicidio assistito, legalizzazione della cannabis, “matrimonio egualitario”, ddl Zan, ideologia gender.

Suicidio assistito o eutanasia

Per averne conferma basta spulciare il programma politico del Pd e dei suoi sodali di Alleanza Verdi-Sinistra e +Europa. Quanto al suicidio assistito o all’eutanasia, al Nazareno mettono nero su bianco di voler «approvare una legge sul fine vita, per permettere a tutte e tutti di decidere per sé». Del resto, si legge ancora sul programma dei Dem, «tutte e democrazie avanzate discutono del tema, abbiamo il dovere di fare lo stesso». È vero, in quelle che vengono definite “democrazie avanzate” si discute di eutanasia: accade nei Paesi Bassi, pionieri nell’introduzione di una legge sulla “dolce morte”. Ma il dibattito avviene perché sempre più olandesi restano quantomeno perplessi di fronte a un piano inclinato che ha portato all’estensione di questo “diritto” anche per i minori di 12 anni nonché all’aumento generale del 10,5 per cento di morti per eutanasia nel 2021: da 6.938 dell’anno prima a 7.666. Ma se il Pd nel suo programma non cita direttamente l’eutanasia limitandosi a far riferimento al fine vita, nel documento programmatico di +Europa il secondo punto in quelli che vengono definiti “Diritti di civiltà” è proprio la legalizzazione dell’eutanasia.

Droga libera

Altro cavallo di battaglia dei Radicali che si traduce al punto tre dei “Diritti di civiltà” del programma elettorale di +Europa è la legalizzazione della cannabis. Su questo fronte, tutte le forze progressiste fanno quadrato: fuori dalla coalizione di Centrosinistra, il M5s scrive nel programma che «il diritto all’uso personale di cannabis» sarà, insieme al contrasto ai reati contro gli animali, «il fulcro» della propria azione politica. Dal canto suo il Pd ripete il mantra secondo cui legalizzare la cannabis sarebbe un modo «per contrastare i traffici delle mafie».

Lgbt

Barricata comune, tra le forze progressiste, anche sui temi Lgbt. Il programma del Pd è chiarissimo: «Introdurremo il matrimonio egualitario». Alleanza Verdi-Sinistra e M5s vanno oltre esplicitando la volontà di aprire alle adozioni per single e omosessuali. Tali istanze dimostrano a quanti, nel 2016, approvarono le unioni civili considerandole un compromesso per evitare il matrimonio omosessuale, che ogni concessione sui temi che riguardano vita e famiglia crea una breccia destinata a dilatarsi. Da rilevare, poi, che in nessun programma politico delle Sinistre (nemmeno in quello di Azione-Italia Viva) si trova traccia del reato universale della pratica, già vietata dalla legislazione italiana, dell’utero in affitto. Al contrario, in ogni programma politico delle Sinistre (compreso quello di Azione-Italia Viva) si esplicita la volontà di introdurre una legge contro quella che - in una sorta di sfida allo scioglilingua - viene definita omolesbobitransfobia. Quindi una maggioranza di Centrosinistra approverebbe il Ddl Zan.

Gender nelle scuole

Strettamente legata al Ddl Zan, come abbiamo analizzato su queste pagine in passato, è l’ideologia gender nelle scuole. Se +Europa intende fare «informazione in materia di salute sessuale e relazioni affettive nelle scuole» e se per il M5s «è necessario introdurre nelle scuole a partire dal ciclo delle secondarie di primo grado» l’educazione sessuale, per Alleanza Verdi-Sinistra occorre anche l’educazione «alle differenze» per contrastare gli stereotipi di genere. Ed è una battaglia, questa, dietro la quale si nasconde sovente l’indifferentismo sessuale. Non si nasconde, invece, +Europa nella sua istanza di garantire «una presenza minima» di medici non obiettori in tutti i presidi ospedalieri.

Chiaro dunque l’obiettivo minimo: fermarli alle urne.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/09/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Nicola Di Matteo risponde ai nostri lettori

Consuelo Nespoli intervista il coordinatore nazionale del PDF Nicola Di Matteo

Leggi tutto

Politica

Adinolfi: grazie Papa Francesco

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, sottolinea con entusiasmo la decisione di Papa Francesco di consacrare Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria: “Da tempo come Popolo della Famiglia abbiamo indicato la via religiosa come decisiva per la ricostruzione delle condizioni della pace tra Russia e Ucraina.

Leggi tutto

Società

Amianto e salute degli italiani

L’amianto è un minerale che, se respirato, provoca delle patologie alle vie respiratorie cancerogene. Ma se portato ad altissime temperature con dei processi chimici il minerale collassa, vetrifica e diventa completamente inerte con nessun impatto sulla salute.

Leggi tutto

Politica

Forlì - Mozione Melandri, il PDF “Persa un’occasione di coerenza e di fermezza”

Ecco il comunicato del PDF

Leggi tutto

Politica

Calcio - L’Udinese passa a Monza e Berlusconi attacca l’arbitro

Il calcio vede il leader di Forza Italia protagonista per un duro attacco all’arbitro: “L’Udinese ha giocato in 12”
Il presidente contro Di Bello: “Dovrebbe chiamarsi Di Brutto”

Leggi tutto

Politica

Il cardinale Zuppi ai parlamentari eletti

Il testo della dichiarazione del cardinale arcivescovo di Bologna e presidente dei vescovi italiani dopo la tornata elettorale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano