Società

di Roberto Signori

Giovani arabi e democrazia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La grande maggioranza dei giovani arabi fra i 18 e i 24 anni nella regione del Medio oriente e Nord Africa (Mena) è convinto che la democrazia, come modello di governo, non può funzionare. E che per l’area conta molto di più la “stabilità”, della possibilità di beneficiare di libertà e diritti, almeno come vengono concepiti nelle società occidentali. È quanto emerge dalla 2022 Arab Youth Survey, studio annuale e approfondito che mostra un radicale cambiamento rispetto al passato: nel 2009, infatti, quando ancora non si parlava di primavera araba, di guerra in Siria o Isis, il 92% degli intervistati riteneva “prioritario” vivere in una nazione democratica.

L’inchiesta elaborata da Asda’a Bcw, agenzia con sede a Dubai (Emirati Arabi Uniti), oltre 200 dipendenti e uffici sparsi in 15 nazioni, delinea con cadenza annuale l’evoluzione delle società della regione mediorientale e nord-africana, con una particolare attenzione ai giovani. Per l’edizione 2022 sono stati interpellati 3.400 giovani, uomini e donne, in rappresentanza di tutti i Paesi dell’area. Il 64% concorda sul fatto che la democrazia è “incompatibile” con la regione; il dato sale al 72% se si prendono in considerazione nazioni come Libano, Palestina, Siria e Iraq segnate da conflitti e polarizzazioni fra schieramenti politici, mentre scende al 52% per il Golfo.

La grande maggioranza dei giovani arabi, pari all’82% dei rispondenti, afferma che lavorare per la stabilità nel proprio Paese è più importante che battersi per promuovere la democrazia. Natasha Ridge, direttore esecutivo della Sheikh Saud bin Saqr Al Qasimi Foundation for Policy Research, parla di risultato “logico” considerando ciò che hanno vissuto i giovani di questi Paesi. “Posso capire benissimo - aggiunge la studiosa - che i giovani preferiscano un regime stabile” più di una traballante democrazia, visti anche i tentativi infruttuosi e i conflitti innescati in Iraq, Egitto e Siria. “Quando sentono la parola democrazia - conclude - questa è la loro associazione di idee”.

Tornando alla ricerca, quasi i due terzi (65%) ritiene che preservare l’identità religiosa e culturale è più importante che creare una società globalizzata, dato che sale al 75% nel Golfo. Il 35% considera il costo crescente della vita e la disoccupazione i maggiori ostacoli che deve affrontare la regione, mentre la causa palestinese e l’occupazione israeliana viene percepita come prioritaria solo dal 29% dei giovani interpellati. Il 31% imputa alla Nato e agli Stati Uniti la responsabilità per la guerra in Ucraina (e scagiona la Russia), mentre il 37% non sa cosa rispondere.

Più della metà (57%) afferma che gli Emirati Arabi Uniti sono il Paese in cui vorrebbero vivere, posizionandoli in vetta alla classifica per l’undicesimo anno consecutivo. Negli ultimi cinque anni, la Cina è vista dai giovani arabi come alleato più forte e maggiormente strategico degli Stati Uniti (78% delle preferenze). Va però notato che, pur a fronte di una percezione negativa del modello democratico, almeno il 63% dei rispondenti afferma di beneficiare di maggiori diritti e libertà in seguito alle rivolte e alle proteste di piazza di questi anni. Anche nel Golfo il 68% dei giovani ritiene di “godere di maggiori diritti” rispetto al 2010.

Guardando al futuro, emerge un cauto (e molto variabile) ottimismo: il 54% è sicuro che avrà una vita migliore dei genitori, il dato più elevato registrato negli ultimi anni. Tuttavia, se fra i Paesi del Golfo arriva a toccare il 72%, considerando le nazioni del Levante scende a un misero 47%.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/09/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

PARAGUAY - I Vescovi dopo l’assassinio di un giornalista

“Lo Stato deve garantire e tutelare la libertà di espressione, ancor di più in uno scenario di alta pericolosità, altrimenti avanzeranno inesorabilmente il crimine organizzato, il narcotraffico e gli atti di crudeltà”. Lo scrive la Conferenza Episcopale del Paraguay (CEP) in un comunicato diffuso ieri, 7 settembre, in merito all’assassinio di un giovane giornalista, Humberto Andres Coronel Godoy

Leggi tutto

Storie

Disabile per “errore medico”

Del caso se ne era occupata l’inviata del le Iene Veronica Ruggeri dedicando alla 16enne di Cava de’ Tirreni (Salerno) un bellissimo servizio. Il calvario di Arianna inizia quando, a soli due anni e mezzo, viene colpita da una bronchiolite acuta. Dopo un breve periodo di degenza all’ospedale di Cava de’Tirreni viene trasferita al “A. Cardarelli” di Napoli. Il trasferimento “avviene a bordo dell’autoambulanza, in braccio alla madre, con il medico collocato nella cabina dell’autista e quindi impossibilitato a monitorare, in tempo reale, le sue condizioni cliniche. In spregio ad ogni linea guida vigente all’epoca, come ora”, spiega Mario Cicchetti, il rappresentante legale della famiglia Manzo.

Leggi tutto

Storie

Athletica Vaticana e lo sport solidale

In vista della Maratona di Roma, che si svolge domenica nella capitale varie le iniziative solidali organizzate, tra gli altri, da Athletica Vaticana. Ci saranno quattro staffette solidali per raccogliere fondi destinate alle famiglie povere con bambini, assistite dal Dispensario Santa Marta

Leggi tutto

Chiesa

Giardini Vaticani; ecco l’immagine della Vergine dei Trentatrè

Inaugurata nel Bastione del Maestro l’immagine della Patrona dell’Uruguay

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano - Giugno dedicato all’apostolo Pietro

Nella Basilica di San Pietro dopo gli “itinerari mariani” dedicati alla Madonna nel mese di maggio, ecco che per tutto giugno si vivrà una nuova esperienza con quattro appuntamenti dedicati all’apostolo Pietro

Leggi tutto

Media

ALLA RICERCA DELL’ INFORMAZIONE PERDUTA

Siamo di fronte ad un informazione gravemente malata, dove vale la legge della giungla in cui a primeggiare sono solamente i più forti, economicamente parlando ovviamente. Il calo delle vendite sta spingendo a strumentalizzare qualsiasi cosa, a gridare titoli spropositati, a enfatizzare scontri tra le parti in maniera indecorosa, a dare etichette ignobili verso chi la pensa, anche solo leggermente, in maniera diversa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano