Politica

di Giampaolo Centofanti

Tre punti per la svolta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Viviamo in un sistema che va come il Titanic verso l’iceberg senza poter fare nulla se non si sciolgono dei nodi decisivi.

Primo punto

Siamo in Italia sotto la dittatura di una Commissione Europea che detiene di fatto la sovranità monetaria e decide ogni cosa senza reali controlli parlamentari. Necessario dunque cercare ogni via per attutire, fino a sciogliersi da questi malsani legami. Non dall’Europa ma da questi malsani legami che impediscono il fiorire di una viva democrazia.

Secondo punto

Cercare ogni via nella scuola, con i genitori e via discorrendo per favorire la libera formazione alla luce dell’identità cercata e in momenti distinti il solo allora autentico scambio dal vivo con le altre identità. L’identità senza scambio, lo scambio senza identità, la fusione di identità e scambio, sono vie che anche quando si contrastano si spalleggiano nello svuotare l’autentica crescita delle persone. Bisogna su queste scie favorire la libera partecipazione delle persone al dibattito pubblico. Quindi cercare ogni via per disgregare il sistema del pensiero unico che cerca di teleguidare le menti delle persone. Sempre più gente si avvede di essere manipolata, spogliata di tutto.

Terzo punto

I primi due punti favorendo la libera ricerca umana integrale possono vivamente stimolare l’uscita dal mero pseudo tecnicismo che sta svuotando la società portandola al crollo. Come cambia la vita del popolo quando è aiutato a maturare liberamente, a partecipare. Come cambiano allora le vedute in ogni cosa, come ogni cosa si anima in modo nuovo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/09/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Politica

A Torino si lava il cervello alla P.A.

L’unica cosa sulla quale concordo con l’assessore ArciGay Giusta è il fatto che il tema del linguaggio non sia una questione di puntiglio. Per i motivi esattamente opposti ai suoi. Il linguaggio esprime sempre una struttura di valori e costumi che si porta dietro e più in generale potremmo dire davvero che veicola una visione antropologia precisa. Ogni lingua ha una storia, ogni lingua è espressione della cultura di un popolo. Ed è per questo motivo che oggi più che mai è necessario puntigliosamente tornare a ridare alla parole il loro originario e reale significato. Altrimenti si rischia solo di violentare non solo un linguaggio, ma evidentemente l’insieme dei valori e storie che esso (il linguaggio) si porta con sé e veicola. Un linguaggio che forzosamente livella le differenze non solo violenta l’uso delle parole, ma soprattutto appiattisce a ribasso la bellezza variegata della realtà.

Leggi tutto

Politica

Il ruolo del PDF tra Chiesa e politica, tra rivoluzione antropologica e restaurazione

4 MARZO, AMMINISTRATIVE E NUOVO GOVERNO. IL RUOLO DEL POPOLO DELLA FAMIGLIA TRA CHIESA E POLITICA, RIVOLUZIONE ANTROPOLOGICA E RESTAURAZIONE DELLE CASTE
Relazione Incontro con monsignor D’Ercole.

Leggi tutto

Politica

EPPURE IL VENTO SOFFIA ANCORA

Il Popolo della Famiglia e i suoi militanti si sentono “un po’ frastornati dopo una sconfitta”, ma se è lecito e doveroso porre interrogativi sul metodo e sul merito dell’impegno politico fin qui condotto, permangono le spie di una situazione di emergenza. Come fa un movimento a crescere senza soldi, senza media, con l’astio militante di chi intanto è saltato sul carro dei vincitori, senza potere da gestire?

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

Chiesa

Ho liberato dal peso la sua spalla (Sal 80) 

Quando ci viene trasmesso nello Spirito il giusto rapporto tra l’infinito amore di Dio e la nostra creaturalità ogni cosa la vediamo in modo più equilibrato. Godiamo dell’amore di Dio, dei suoi doni anche umani, materiali e relativizziamo ciò che ci manca, i nostri limiti ed errori. Ci accorgiamo che il moralismo, il farci sentire costretti in un bene meccanico, non maturato nel cuore, nella grazia, ci orientava a puntare su noi stessi, a ingigantire in tale valutazione distorta i nostri limiti, a farci giudicare con pesantezza noi stessi e gli altri. A bloccarci nei nostri schemi, a non cogliere il filo sereno, come una colomba, dello Spirito di Gesù in noi. A non accogliere gli altri come un dono ma a rinchiudere i rapporti con loro e loro stessi dentro mentalità di corto respiro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano