Società

di Nathan Algren

Haiti: siamo alla catastrofe umanitaria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Per le Nazioni Unite ad Haiti è in corso una vera e propria “catastrofe umanitaria” dopo due settimane di violenze e attacchi ai magazzini di aiuti alimentari. “Nuovi livelli di disperazione”: così si sono espressi i funzionari Onu in merito alla realtà di Haiti, in preda a proteste e saccheggi. La fortissima instabilità si protrae dall’11 settembre, quando il primo ministro, Ariel Henry, ha annunciato un aumento del prezzo del carburante. Ciò ha innescato il blocco della stazione di servizio, che fornisce benzina, di Varreux: bande hanno cominciato a scavare trincee, riempiendo le strade vicine di container da trasporto vuoti e impedendo ai camion di distribuzione di avvicinarsi all’impianto. Le attività quotidiane nella capitale e nelle zone rurali, così come i diritti fondamentali - dalla libertà di movimento all’istruzione – sono compromesse.

Molteplici i livelli di crisi: economica, criminalità delle gang e politica, ha detto la funzionaria Helen La Lime, durante una riunione di emergenza del Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Poco meno di 5 milioni di haitiani si trovano in stato di bisogno umanitario. Solo nelle ultime due settimane, gli attacchi alle scorte del Programma Alimentare Mondiale hanno provocato la perdita di circa 2 mila tonnellate di aiuti per un valore di almeno 6 milioni di dollari, stima il vice direttore esecutivo. Aiuti che avrebbero supportato collettivamente fino a 200 mila haitiani più vulnerabili nel prossimo mese.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/09/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Violenza Ostetrica: una proposta ispirata da Flora Gualdani (e la mia)

La donna è al centro della propria salute e quindi tutto dovrebbe filare liscio con grande soddisfazione da parte di tutti, donne incluse. E invece no. La depressione post-aborto esiste, la diffusione delle infezioni e delle malattie sessuali riduce la fertilità, il ricorso a tecniche complesse per la fertilità sfruttano la salute della donna stessa e di altre donne e debilitano la loro salute fisica e psicologica e, come se non bastasse, le donne non fanno più figli anche a causa della ‘violenza ostetrica’ (un’indagine sulla ‘violenza ostetrica’, invero criticata da un’associazione di medici, riporta che ci siano ventimila bambini che ogni anno non vengono al messi al mondo). Mi pare evidente che tutto stoni parecchio, perché le aspettative di una qualsivoglia rivoluzione dovrebbero essere positive.

Leggi tutto

Storie

Haiti: rilasciati due dei missionari rapiti

Il gruppo cristiano “Christian Aid Ministries” conferma la liberazione di 2 dei 17 missionari sequestrati il 16 ottobre alla periferia orientale di Port-au-Prince, per mano della banda armata “400 Mawozo”

Leggi tutto

Chiesa

Ucraina - I francescani vicini alla gente “con la preghiera

“Questa informazione - riferisce il frate - ha causato disperazione in molti residenti; i nostri parrocchiani hanno incontrato persone in preda al panico in mezzo alla strada. La gente continuava ad arrivare e abbiamo avuto un grande bisogno di comprare cibo. Molti anziani, soli e spaventati, sono rimasti rinchiusi nelle proprie case. Nella città occupata siamo riusciti ad acquistare solo parzialmente i prodotti necessari”.

Leggi tutto

Politica

PARLANDO DI LIBERTÀ A TRENTO

Mario Adinolfi dal festival dell’economia di Trento

Leggi tutto

Chiesa

Colombo: lotta alla fame nei luoghi religiosi

Molti bambini hanno smesso di andare a scuola perché non viene più garantito il pranzo. I fondi stanziati dal governo non bastano.

Leggi tutto

Politica

Afghanistan: mandato all’Onu per la crisi umanitaria

Soddisfacente e fruttuoso”. Così il Premier italiano, Mario Draghi, ha riassunto l’incontro straordinario del G20 riguardo l’emergenza in Afghanistan svolto questo pomeriggio. Un incontro che ha portato a diversi risultati, di cui il più rilevante è stato che il G20 ha dato “mandato all’Onu di agire e rispondere alla gravissima crisi umanitaria” in atto nel Paese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano