Politica

di Mario Adinolfi

FUORI DALLA CHIESA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’unica seria inchiesta giornalistica sulla “generazione che cancellerà l’aborto” con tanto di interviste e filmati dei protagonisti di questa lotta che negli Stati Uniti ha prodotto risultati clamorosi l’ha realizzata nel mainstream del nostro Paese il Fatto Quotidiano. Non i vescovi con Avvenire, non Tv2000, non i tanti cattolici che lavorano in Rai, quelli collaborano ai programmi in cui si chiama “matrimonio” l’unione tra due maschi e loro muti, non sia mai che il capostruttura ti segnala al direttore frocista. Se in Italia vuoi renderti conto di quanto la lotta per la cancellazione senza compromessi dell’aborto sia una lotta politicamente e giuridicamente praticabile, devi insomma abbonarti al quotidiano di Marco Travaglio, che pochi sanno essere un cattolico tendente al tradizionalismo. Le elezioni di mid-term americane si decideranno sul tema aborto e giovani e giovanissimi sono il motore del consenso pro-life. I cattolici italiani hanno smesso di credere e si rifugiano dietro alle formule di compromesso e tutti i partiti (tranne uno, piccolissimo) hanno promesso che “la legge 194 non si tocca” e il vescovo italiano che presiede la Pontificia Accademia per la Vita ha definito la stessa legge “un pilastro della società” mentre un altro fa disegnare a un grafico gay il logo del Giubileo è quello giustamente disegna un trenino arcobaleno. Io leggo il Fatto, guardo le videointerviste, seguo i media americani e mi convinco sempre di più che bisogna portare la battaglia pro-life fuori dagli abituali steccati e soprattutto fuori dalla Chiesa (provate a proporre un convegno antiabortista in parrocchia e vedete come vi rispondono), perché ormai nella chiesa italiana anche solo pronunciare il tema provoca fastidio ed è un peccato perché il Papa invece è molto chiaro. È una sfida. Mi piacciono le sfide. L’aborto è la principale piaga a cui dare battaglia, insieme a quella direttamente collegata della denatalità, dal punto di vista politico, economico, sociale e ”persino” etico. Non mancherà in questo Paese una voce chiara al riguardo e se non è quella ecclesiale sarà di un’organizzazione politica che terrà insieme credenti, non credenti, persone di buona volontà. Ne parliamo il 15 e 16 ottobre all’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia, chi vuole dare battaglia all’aborto sul serio si unisca a noi e partecipi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/09/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

#Donnetradite: ecco come sono sezionati e venduti i feti

Il “Center for Medical Progress” di David Daleiden ha pubblicato ieri il terzo video dell’inchiesta sui presunti traffici illeciti di Planned Parenthood. Stavolta la telecamera nascosta entra in una delle cliniche (ci sono immagini sconsigliate a stomaci deboli)

Leggi tutto

Media

Educatori si nasce o si diventa?

«Tutti sanno come si fanno i bambini / ma nessuno sanno come si fanno i papà», e lo stesso vale per quelle figure speciali chiamate a esercitare una paternità specialissima. Lorenzo Ferraioli si pone seriamente la domanda nel suo ultimo libro, destinato a «genitori, docenti, educatori, catechisti, allenatori».

Leggi tutto

Società

Obiettivo 100 per cento medici obiettori

Silvio Viale si è vantato, “da medico”, di uccidere bambini. Un approccio contraddittorio consente la soppressione della vita umana nel grembo materno in nome di altri diritti. L’Italia in questo senso è un
avamposto: la stessa legge 194, all’articolo 9, riconosce il diritto all’obiezione di coscienza per il medico che non voglia praticare aborti. Già oggi per la maggioranza sono fedeli al giuramento di Ippocrate.

Leggi tutto

Società

Guardando “The Affair”

..... mentre guardavo The Affair in questi anni mi chiedevo se “un cambiamento del cambiamento” non fosse ormai alle porte. Avendo sperimentato io sulla mia pelle tutto quello che la serie televisiva raccontava ed avendone accertato l’estremo realismo nella descrizione psicologica del concatenarsi delle varie decisioni caotiche, mi sono davvero interrogato se dagli Stati Uniti non stia arrivando finalmente un vento opposto rispetto a quello libertario che da mezzo secolo ha devastato le nostre vite

Leggi tutto

Politica

I talebani al potere: il racconto della drammatica situazione dell’Afghanistan

Resta molto grave la situazione in Afghanistan. I Talebani sono pericolosi. Hanno fatto man bassa nei depositi d’armi degli americani creando una situazione di instabilità e terrore in tutto il Paese.

Leggi tutto

Storie

I Paesi Bassi finanziano le donne polacche per abortire

La decisione del Governo pro tempore olandese - dopo le elezioni dello scorso 17 marzo infatti non c’è ancora una nuovo governo - ha preso spunto dalle sentenza della Corte costituzionale polacca dello scorso anno che vietava ogni aborto eugenetico nel paese. Era scontato che l’Olanda, paese in cui l’eutanasia è praticata quasi a tutti i cittadini, inclusi bambini e malati non terminali, si muovesse in soccorso di coloro che chiedono il ripristino dell’aborto eugenetico nel loro paese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano