Storie

di Nathan Algren

FILIPPINE - Gli sfollati sotto la protezione di San Michele:

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Cerchiamo la protezione di San Michele Arcangelo, che sconfigge il male e preserva noi e le nostre famiglie”, dicono gli sfollati che hanno trovato rifugio nel Santuario diocesano e parrocchia di San Miguel Arcangel nella città di San Miguel, nella provincia di Bulacan, nel Nord delle Filippine, area devastata dal tifone Noru. “Restiamo unti nel ringraziare Dio che ci guarda e si prende cura di noi”, affermano i fedeli nel territorio diocesano di Malolos, fortemente interessato dal super tifone Noru (il nome locale è Karding) che nei giorni scorsi ha colpito le Filippine del Nord e ha attraversato il centro dell’isola di Luzon, l’isola principale dell’arcipelago. Il tifone ha causato inondazioni e danneggiato case e strade, abbattuto linee elettriche e distrutto coltivazioni e raccolti.

Nella diocesi di Malolos, il Vescovo Dennis Villarojo, sacerdoti, religiosi, operatori Caritas hanno visitato le famiglie sfollate, rifugiatesi nel santuario di San Miguel che ha aperto le porte agli sfollati, donando un riparo e un pasto caldo. “Nel santuario abbiamo oltre 250 famiglie e centinaia di altre sono presenti nelle 24 cappelle disseminate nel territorio della nostra parrocchia” riferisce all’Agenzia Fides Mark De Castro, un seminarista che vive nella parrocchia. Una gara di solidarietà è scattata tra i parrocchiani e tra tutti i fedeli della diocesi: “In men che non si dica oltre 280 pacchi di beni di primo soccorso sono arrivati dalla Caritas della nostra Diocesi di Malolos, guidata da padre Melchor Ignacio, e sono stati consegnati in città per estendere l’aiuto ai nostri fratelli vittime della tempesta”, riferisce a Fides p. Daniel Coronel, vice parroco di San Miguel.
Il disastro si è verificato proprio durante i giorni della tradizionale Novena (20-28 settembre) che la popolazione locale vive, con profonda devozione, Per alleviare le sofferenze della gente nelle aree devastate dalla tempesta, le comunità cattoliche filippine, in parrocchie, associazioni, congregazioni religiose, stanno preparando iniziative di solidarietà per le vittime.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/09/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Renzi, il ddl Cirinnà, la responsabilità della Chiesa italiana

Arrivano messaggi in codice alla Cei, noi proviamo a decrittarli per voi, dopo la sentenza della Corte Suprema americana

Leggi tutto

Chiesa

Viganò diffida dall’esegesi del Papa eretico

Quando Francesco disse – affacciandosi sulla piazza quella prima sera del suo pontificato – di venire dalla fine del mondo, certo non avrebbe immaginato, né lo immaginavano i fedeli, quale difficoltà avrebbe comportato la traduzione quotidiana di questa provenienza da un luogo e da una mentalità differente da quella europea. Ma è accaduto e, pian piano, anche gli addetti alla comunicazione in Vaticano ne stanno prendendo atto. Papa Francesco va compreso in quelle che sono le specificità del proprio modo di comunicare e poi va opportunamente raccontato: questo è il messaggio che arriva da mons. Viganò. C’è dunque un altro passo avanti: nelle parole del Monsignore si riscontra sì la necessità di dire che devono essere evitare “letture eretiche”, ma – al tempo stesso – c’è l’ammissione indiretta che gli equivoci non nascono soltanto dalla malafede, ma da un realistico ostacolo, per la mentalità europea/occidentale, di raccontare il pontificato di Papa Francesco. Perché il Papa non viene da un altro pianeta, ma per il nostro modo di pensare, ragionare, anche catalogare, a volte è stato come se fosse stato così.

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

Chiesa

Perego il vescovo pilota

Don Alessandro Guerinoni ha ricevuto una dura reprimenda dal suo vescovo, burocraticamente mediata dal Vicario generale e dal Cancelliere episcopale e confezionata con tutti i timbri del caso.
Motivo? La sua ospitalità al Popolo della Famiglia nei saloni parrocchiali. Il successore di mons.Negri sembra voler attuare le trame di un’ostilità politica al movimento politico del Family Day.

Leggi tutto

Società

Alfie: se questo (non) è un bimbo

«Alfie non era più e forse non era mai stato un bambino»: tra le tante perle d’insulto mortale sciorinate sui media nelle ultime settimane questa di Laura Zambelli Del Rocino raggiunge una qualche posizione apicale. L’articolista parla della vicenda sanitaria del proprio padre senza vedere che proprio in quella sta la chiave – l’unica – per una sanità che non sia disumana.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco prepara l’incontro con il sultano

Svariati commentatori – anche alcuni amici – hanno voluto vedere nel logo che annuncia i preparativi per il prossimo viaggio di Papa Francesco in Marocco un cedimento sostanziale della pretesa cristiana di fronte a quella musulmana.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano