Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco: “E’ vergognoso gettare il cibo”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

E’ “un problema che non possiamo permetterci di ignorare” quello che la Giornata odierna vuole evidenziare. Ne è convinto Papa Francesco che rivolgendosi a Qu Dongyu, direttore generale della Fao, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, afferma che “sprecare cibo significa sprecare persone”. Il Papa sottolinea la profonda diseguaglianza esistente nel mondo tra chi vive nell’abbondanza e chi ancora soffre o muore di fame. Non limitiamoci alle parole, osserva, è urgente rispondere in modo efficace “al grido straziante degli affamati che reclamano giustizia”.

Nel suo messaggio papa Francesco sottolinea che utilizzare il cibo in modo non adeguato, sprecandolo o perdendolo, corrisponde a vivere la “cultura dell’usa e getta” e dimostra “disinteresse per ciò che ha un valore fondamentale”:

Sapendo che moltissimi esseri umani non hanno accesso a un’alimentazione adeguata o ai mezzi per procurarsela - che è un diritto fondamentale e prioritario di ogni persona - vedere il cibo gettato nella spazzatura o rovinato a causa della mancanza delle risorse necessarie per farlo arrivare ai destinatari è davvero vergognoso e preoccupante.
Il Papa fa notare come siano in aumento le diseguaglianze e facendo riferimento ai dati del Rapporto sullo stato della sicurezza alimentare e nutrizionale nel mondo, scrive che il numero delle persone che non hanno cibo a sufficienza sul pianeta, “a causa delle molteplici crisi che l’umanità deve affrontare”, l’anno scorso è aumentato in modo significativo. Il loro grido, prosegue, “deve risuonare nei centri in cui si prendono le decisioni”.

Quindi, ripeto, dobbiamo “raccogliere per ridistribuire, non produrre per disperdere” (Discorso ai membri della Federazione Europea dei Banchi Alimentari, 18 maggio 2019). L’ho detto in passato e non mi stancherò di ripeterlo: sprecare cibo significa sprecare persone!

Di fronte al “paradosso dell’abbondanza”, denunciato ancora 30 anni fa da San Giovanni Paolo II, “l’intera comunità internazionale - sostiene il Papa - deve mobilitarsi”. La realtà è che “c’è abbastanza cibo nel mondo perché nessuno vada a letto con lo stomaco vuoto!”, infatti ,“le risorse alimentari prodotte sono più che sufficienti per sfamare 8 miliardi di persone”, eppure la fame non è debellata. Papa Francesco va al cuore della questione, quello che manca è la giustizia sociale, “ovvero – scrive - il modo in cui viene regolata la gestione delle risorse e la distribuzione della ricchezza”.

Il cibo non può essere oggetto di speculazione. La vita dipende da questo. Ed è uno scandalo che i grandi produttori incoraggino il consumismo compulsivo per arricchirsi, senza nemmeno considerare i reali bisogni degli esseri umani. La speculazione alimentare deve essere fermata! Dobbiamo smettere di trattare il cibo, che è un bene fondamentale per tutti, come una merce di scambio per pochi. Dobbiamo smettere di sfruttare “avidamente” la Terra e di “maltrattarla e distruggerla” a motivo “dei nostri eccessi consumistici”. Sprecare o perdere il cibo contribuisce infatti “all’aumento delle emissioni di gas serra e quindi al cambiamento climatico e alle sue conseguenze dannose”. Ricorda che soprattutto i giovani ci stanno chiedendo di aguzzare lo sguardo e di allargare il cuore, “per curare la casa comune che è uscita dalle mani di Dio”. Il suo appello è chiaro: non possiamo accontentarci di esercizi retorici in questa materia così importante, che si risolvono in dichiarazioni che poi non si realizzano per dimenticanza, meschinità o avidità. È tempo di agire con urgenza e per il bene comune. È urgente che sia gli Stati che le grandi multinazionali, le associazioni e i singoli individui - tutti, nessuno escluso - rispondano in modo efficace e onesto al grido straziante degli affamati che reclamano giustizia.

Spetta a ciascuno di noi, conclude Papa Francesco, “orientare consapevolmente e responsabilmente il proprio stile di vita”, perché nessuno rimanga privo del cibo di cui ha bisogno e da cui dipende la sua sopravvivenza.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/09/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia.

Leggi tutto

Società

Parla Hadjadj: «La società del comfort totale è suicidaria»

Il problema sta nel clima spirituale della nostra epoca, intessuto di un superbo efficientismo.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Paolo Giulietti e la Fede ai tempi del Coronavirus

La tutela della salute, infatti, è senza dubbio un bene primario, per il quale è giusto fare delle rinunce. Mi domando però se una società possa considerare irrilevante o marginale ciò che alimenta il “capitale morale” della nazione (e i riti religiosi sono certamente un elemento importante da questo punto di vista). Il senso del dovere e del sacrificio non sono innati, ma sono il frutto di esperienze educative e spirituali alle quali debbono continuare ad alimentarsi, pena il dilagare di quegli atteggiamenti di irresponsabilità ed egoismo che hanno sicuramente aggravato la crisi.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco pellegrino in Ungheria e Slovacchia

Il portavoce Matteo Bruni presenta la 34.ma trasferta del pontificato di Francesco del 12-15 settembre prossimi: “A Budapest pellegrinaggio in onore del Santissimo Sacramento. Un viaggio dalla forte connotazione spirituale. Per cui è bene “evitare di mischiare letture di altro genere a quella più spirituale”, ha detto Bruni, in risposta ad alcune domande dei giornalisti riuniti in Sala Stampa vaticana per la conferenza di presentazione del viaggio

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: a Gesù che tutto può, la preghiera chieda tutto

All’Angelus, Papa Francesco si sofferma sulla figura di Bartimeo, il mendicante cieco narrato nel Vangelo di Marco, e lo indica come esempio di fede “concreta e coraggiosa”.

Leggi tutto

Politica

OSTIA DI NUOVO “DORMITORIO”; PAPA FRANCESCO LA CHIAMAVA “ CITTA’ ”

Un quartiere ‘dormitorio’. Così veniva chiamata Ostia e il suo Territorio tanti anni fa quando veniva usato solo per ‘dormirci’ appunto e tutte le attività che contavano e le decisioni e i posti buoni per lavorare erano nella Capitale o altrove. Poi lunghi e faticosi percorsi di partecipazione, di coscienza e consapevolezza identitaria l’hanno a fatica portata ad acquisire una certa considerazione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano