Società

di Raffaele Dicembrino

Il calcio scende in campo per la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un calcio alla guerra, all’indifferenza, alla violenza per abbracciare la pace, l’unità, la concordia, valori che da sempre lo sport cerca di veicolare. E’ lo spirito con il quale ci si appresta a vivere la 3a edizione della Partita per la Pace, benedetta da Papa Francesco, che vedrà il sostegno delle più grandi stelle del calcio mondiale. Si terrà il 14 novembre, allo Stadio Olimpico di Roma, e lo slogan sarà “We Play For Peace”. Anima dell’iniziativa è Scholas Occurentes, che da tempo lavora con i giovani aiutandoli a crescere nella loro consapevolezza, a crescere in un mondo più a loro misura. Un’edizione nel segno della pace, quanto mai urgente a sette mesi dal conflitto in Ucraina, e nel ricordo di Diego Armando Maradona, amico di Scholas Occurentes.

A seguire la presentazione presso la Radio Vaticana alla quale hanno preso parte il capitano della Lazio, Ciro Immobile, il calciatore della Roma Marash Kumbulla, e l’ex compagno di squadra di Maradona, Ciro Ferrara. Saranno molti i campioni che prenderanno parte all’evento come Ronaldinho, Caniggia e Stoichkov. Molti altri come Messi, Dybala, Buffon hanno inviato messaggi di sostegno per la Partita della pace.

A prendere la parola anche il presidente biancoceleste Claudio Lotito che ha ricordato come sia importante recepire gli appelli del Papa sulla guerra, come sia importante essere avversari e non nemici sul campo di gioco e che iniziative di questo tipo aiutano a creare amicizia e armonia, le strade per contrastare i conflitti. “La nostra vittoria è la vittoria della pace”. Sulla stessa linea il dirigente della As Roma, Francesco Pastorella che ha ricordato le iniziative della squadra giallorossa a favore del popolo ucraino e di quello afghano.

“Credo sia importante dare un messaggio, ancora una volta come abbiamo fatto in passato, forte e chiaro per la pace – sottolinea Ciro Immobile - in questa partita voluta fortemente da Papa Francesco. Sono contento di potergli dare una mano, io come capitano della Lazio ma anche la Roma, siamo insieme per dare una mano al popolo in difficoltà”. “L’unione fa la forza ed è un messaggio chiaro che dobbiamo dare ai giovani”. Infine, un pensiero per Diego Armando Maradona, punto di riferimento anche per Immobile quando era bambino. “E doveroso ricordarlo soprattutto per noi napoletani che lo portiamo nel cuore e siamo vissuti e cresciuti col suo mito”. Sulla stessa linea il calciatore della Roma, Marash Kumbulla che ha ricordato che “qui non ci sono avversari né squadre ma solo chi lavora per la pace”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/09/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: fede e ragione sono in armonia

Il Papa ha ricevuto i membri della Fraternidad de Agrupaciones Santo Tomás de Aquino, associazione internazionale di fedeli di Diritto pontificio nata in Argentina nel 1962

Leggi tutto

Politica

550 milioni di euro per l’assistenza immediata all’Ucraina

Banca Europea per gli investimenti: altri 550 milioni di euro per l’assistenza immediata all’Ucraina

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ha ricevuto in udienza il capo della Chiesa greco-cattolica

Sviatoslav Shevchuk, ha attraversato i confini per portare per la prima volta a Roma dall’inizio della guerra i sentimenti dell’Ucraina direttamente al cospetto di Francesco.

Leggi tutto

Chiesa

La Santa Sede: ”sorpresa e rammarico” per l’installazione di un Vescovo cinese

La Santa Sede ha preso atto “con sorpresa e rammarico” della notizia della ‘cerimonia di installazione’, avvenuta il 24 novembre nella città cinese di Nanchang, “di S.E. Mons. Giovanni Peng Weizhao, Vescovo di Yujiang (Provincia di Jiangxi), come ‘Vescovo Ausiliare di Jiangxi’, diocesi non riconosciuta dalla Santa Sede”.

Leggi tutto

Società

Francesco, la Chiesa, il potere e la coscienza

Rinnovate polemiche sulle dichiarazioni di Papa Francesco di ritorno dal Messico. Titoli divisi tra “Non mi immischio” e “Trump non è cristiano”, ma quando il problema non è di buona o cattiva fede è proprio il concetto di “coscienza” a risultare pressoché alieno, malamente rimpiazzato com’è da “privacy”. In un mondo in cui lo smartphone è diventato il “sacramento della coscienza”, i continui rinvii del Pontefice tracciano un Leitmotiv del magistero

Leggi tutto

Chiesa

Giovani, emergono padri sinodali in gamba

Muove i primi passi, in Vaticano, il “sinodo sui giovani” (e la fede e il discernimento vocazionale), e se certe testate a caccia di click raccontano il solito episcopato proteso all’erosione delle salutari esigenze della vocazione cristiana la realtà dei fatti dice anche altro: presentiamo ai lettori italiani il vescovo di Los Angeles. Giovane, fresco, comunicativo. E felicemente sodo nei contenuti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano