Storie

di Giuseppe Udinov

CONGO RD - Scontri tra etnie Téké e Yaka

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono stato a Kwamouth, dal 23 al 26 settembre, per confortare i nostri fratelli e sorelle che stanno attraversando momenti difficili di violenza e sofferenza. Le immagini testimoniano la mia vicinanza a queste popolazioni ferite che non hanno perso la loro gioia e la loro fede”, ha affermato il Cardinale Fridolin Ambongo, Arcivescovo di Kinshasa, al termine della sua visita nel territorio di Kwamouth, a un centinaio di chilometri dalla capitale Kinshasa, nella provincia di Maï- Ndombe, nel sud-ovest della Repubblica Democratica del Congo (RDC), territorio segnato dal conflitto interetnico tra i Téké e gli Yaka. Per il Cardinale il conflitto nasce dal “desiderio esagerato per i beni per sé, per la propria famiglia. Non misuriamo le conseguenze degli atteggiamenti che mostriamo in relazione ai beni materiali”.

La visita del Cardinale è avvenuta mentre rimane alta la tensione nella provincia di Maï-Ndombe, Le violenze legate al conflitto tra le comunità Teke e Yaka non si limitano più al solo territorio di Kwamouth e si sono diffuse in altre aree. Nei giorni scorsi era stato colpito anche il territorio limitrofo di Bagata.

Nella vicina diocesi di Kenge, il 26 settembre, Mons. Jean-Pierre Kwambamba ha ricevuto i principali capi consuetudinari dei popoli Yaka e Téké per cercare di appianare il conflitto e chiedere assistenza umanitaria. Il conflitto infatti si è esteso a Kenge, che accoglie diversi sfollati provenienti dal territorio di Kwamouth. Sono almeno 50 i soldati uccisi negli scontri, mentre il conflitto ha già causato la morte di più di 150 persone e il forte sfollamento della popolazione.

I Téké si sono stabiliti da decenni sugli altipiani sabbiosi che si estendono su entrambe le sponde del fiume Congo, mettendo in atto un sistema di governo che è stato poi adottato da altri gruppi. Gli Yaka, chiamati anche Bayaka, sono arrivati nell’area poco dopo i Téké. Questi contadini coltivano manioca, arachidi, patate dolci e allevano pollame e piccoli animali. Per poter sfruttare le terre appartenenti ai Téké, gli Yaka devono pagare un compenso ai capi consuetudinari Téké. Si tratta di un accordo che permette da anni alle due comunità di vivere insieme pacificamente.

Da qualche tempo questo meccanismo si è inceppato e i Téké accusano gli Yaka di aver cessato di pagare il compenso consuetudinario. All’inizio di agosto, i membri delle due comunità a si sono scontrati con armi bianche, in particolare nella città di Kwamouth. Da allora gli scontri si sono intensificati anche con l’impiego di armi da fuoco.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/09/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco ricorda padre Richard

All’udienza generale Francesco ha ricordato il sacerdote congolese dell’Ordine dei Chierici Regolari Minori, “vittima di una violenza ingiustificabile e deprecabile”, ucciso lo scorso 2 febbraio nel Nord Kivu

Leggi tutto

Chiesa

Papa ai congolesi: siate testimoni di pace”

Papa - Costretto a rinviare il viaggio in Africa, che sarebbe iniziato il 2 luglio, papa Francesco in segno di vicinanza e di affetto per le popolazioni che lo attendevano, presiede in San Pietro la Messa con la comunità congolese romana.

Leggi tutto

Chiesa

Papa pellegrino di pace in Congo e Sud Sudan

La Sala Stampa vaticana comunica le date della 37.ma visita apostolica del Pontefice nei due Paesi africani, su invito delle autorità politiche e religiose

Leggi tutto

Storie

Arriva la tregua in Guinea Conakry

Dopo giorni di disordini per le strade della capitale, la coalizione di opposizione fa sapere di aver accolto l’appello ad una settimana di stop dalle proteste lanciato dalla Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale

Leggi tutto

Società

DAGLI SQUALI DA PISCINA AI MEGALODONTI DEGLI OCEANI IL PASSO E’ BREVE

La moderazione è scomparsa da tempo, vige un estremismo preoccupante del muro contro muro, lo stiamo sperimentando in questi tempi difficili. Qualsiasi tipo di guerra o guerriglia va bandita. Il Papa bergamasco Giovanni XXIII diceva giustamente che a lui la guerra non piaceva ne quando è calda, ne quando è fredda. E in questo momento vedo cuori troppo gelidi, astiosi con parole e fatti contro il prossimo, pronto a pugnalarlo alle spalle quando non può difendersi. Chi parla male del fratello è omicida quasi come chi usa un kalashnikov, degli assenti o parli bene o taci, per dirla alla Sant’Agostino

Leggi tutto

Storie

INDONESIA - Tragedia nello stadio di Malang, i cattolici offrono sostegno

Il giorno dopo la violenza e il disastro nello stadio di Malang, nella parte orientale dell’isola di Giava, che ha fatto 127 morti (tra i quali un bambino di 5 anni), la Chiesa cattolica indonesiana offre sostegno morale e materiali

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano